Lo stato del bullismo nelle scuole tedesche sta sfuggendo di mano

Bullismo

Uno studio condotto dall’Ocse fotografa la situazione del bullismo nelle scuole tedesche.

Il benessere dei figli è la prima preoccupazione di ogni genitore. Nonostante l’impegno è l’attenzione capire se il proprio figlio è vittima di bullismo è molto difficile. Anche in Germania il cui sistema scolastico è spesso invidiato nel resto del mondo si stanno sempre più verificando casi di violenza tra studenti. Violenza non solo fisica ma molto spesso psicologica, portata avanti grazie all’uso della tecnologia e dei social. Tema portato alla ribalta dal telefilm 13 reasons why in onda su Netflix. Uno studio dell’Ocse ha analizzato la situazione del mondo, i risultato non sono così positivi come ci si aspetterebbe.

Lo stato del bullismo in Germania

Andreas Schleicher, direttore dell’OCSE, ritiene che il problema del bullismo sia ancora troppo sottovalutato in Germania, e che solo una politica a tolleranza zero potrebbe far comprendere che questo fenomeno non è in nessun modo accettabile. Secondo il recente studio infatti il 15.7% dei quindicenni tedeschi intervistati ha riportato di essere regolare vittima di bullismo a scuola e che gli episodi si ripetono almeno un paio di volte al mese. Il 9.2% dei ragazzi intervistati, inoltre, ammette di essere stato bersaglio di insulti e prese in giro, mentre il 2.3% riferisce di essere stato spinto o picchiato a scuola. Un’ulteriore 7.3% dice di essere stato bersaglio di pettegolezzi maligni di cui si vociferava a scuola.

Secondo lo studio, gli episodi di bullismo, si manifestano in modo diverso tra i ragazzi e le ragazze. I maschi sono perlopiù vittime di violenze psicologiche, mentre per quanto riguarda le femmine la maggior parte delle volte, gli episodi di bullismo avvengono sotto forma di esclusione oppure attraverso la diffusione di pettegolezzi cattivi. Un’altra cosa comune a tutti i paesi facenti parte del sondaggio, gli immigrati sono le vittime di bullismo più frequenti.

Lo stato del bullismo in Italia

In Italia la situazione non è più rosea. Come riporta la Rai, seppur con dati riferiti al biennio 2013-214: “il 35% dei ragazzi è stato vittima di episodi di bullismo, di cui uno su 3 a scuola. In base ai dati raccolti dal Centro nazionale di ascolto di Telefono Azzurro, nel biennio 2013-2014, su 3.333 consulenze, 485 ragazzi, ovvero il 14,6% del totale, ha affermato di essere stato vittima di bullismo o cyberbullismo.  Da una recente indagine curata da Doxa Kids su oltre 1.500 giovani dagli 11 ai 19 anni su tutto il territorio italiano, il 35% dei ragazzi è stato vittima di episodi di bullismo. Analizzando gli interventi dell’associazione su questi episodi, è possibile osservare come il trend sia in aumento, soprattutto negli ultimi anni: si è passati dall’8,4% del 2012 al 13,1% del 2013, per arrivare al 16,5% del 2014”.

Lo studio Ocse

Oggi giorno infatti questo fenomeno è uno dei problemi più grossi nelle scuole, e molti ragazzi sostengono di esserne vittime. Il PISA study (Programme for International Student Assessment) è stato condotto dall’OCSE (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico) con lo scopo di mettere a confronto le diverse performance scolastiche nei vari paesi. Gli studenti intervistati ammontano a mezzo milione provenienti da ben 72 diversi Paesi. Secondo la ricerca, i ragazzi che frequentano scuole in cui gli episodi di bullismo sono frequenti, hanno risultati scolastici decisamente inferiori rispetto ai ragazzi che frequentano scuole in cui gli episodi di bullismo sono più rari.

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Immagine di copertina: CC0

Related Posts

  • Venerdì scorso Der Spiegel ha dato una notizia rapidamente rimbalzata dai media internazionali: la Procura di Monaco ha iscritto nel registro degli indagati Mark Zuckerberg fondatore e CEO di Facebook, e con lui la direttrice operativa della rete sociale americana, Sheryl Sandberg e il responsabile dei rapporti con i governi europei Richard Allan. L’indagine prende…
  • Nel 1939 Lodz era una delle più grandi città della Polonia, ricca di importantissime fabbriche e fulcro della vita economica e politica del Paese. Quando le truppe naziste vi entrarono, circa un terzo della popolazione complessiva, 672mila persone, era composta da ebrei. Henryk Ross era uno di loro e proprio…
  • Il carcere minorile di Wiesbaden (Assia) ha all'attivo un progetto di recupero di giovani ragazzi che hanno subito l'indottrinamento dell'Isis. Diretto dall'italiano Stefano Obino, il documentario Bare-Handed (A mani nude) racconta la loro storia.  Per la prima volta il Ministero della Giustizia tedesco e i responsabili del carcere minorile di Wiesbaden hanno…
  • Nessun risarcimento per i familiari di Fabrizia Di Lorenzo, ragazza 31enne di Sulmona morta nell'attentato di Berlino del 19 dicembre 2016. «Insensibili, assenti, disorganizzati, incapaci»: queste le parole con cui la famiglia di Fabrizia descrive il comportamento delle autorità tedesche in un'intervista al Corriere della Sera, la prima rilasciata dai Di Lorenzo dopo…
  • Berlino. Ragazzo di diciassette anni aggredito e picchiato brutalmente nella stazione metro di Jannowitzbrücke. Il fatto è accaduto domenica scorsa alle prime luci dell'alba. Un'aggressione immotivata, una violenza fine a se stessa: cio che è successo domenica scorsa durante le prime ore della giornata ci ricorda il caso della donna…

Iole Basello

Amo viaggiare, amo i cambiamenti, amo l'evoluzione. Mi stufo e mi annoio in fretta. Amo Berlino, ma amo anche il posto in cui sono nata e cresciuta. Dopo la prima esperienza all'estero mi risulta difficile rimanere ancorata alle mie origini per lunghi periodi e Berlino è per me una sorta di calamita. Una sorta di evasione dal mondo reale.

Leave a Reply