L’Unione Europa rende l’Inter-Rail gratis per i diciottenni europei per favorire la conoscenza reciproca

L’Unione Europea regala un pass Inter-Rail a tutti quei giovani che sono in procinto di compiere i diciotto anni di età.

L’iniziativa è volta a promuovere tra neo-diciottenni usi e costumi tra i vari Paesi europei: chiunque sia nato nel 2000 avrà modo di viaggiare in treno, senza pagare, tra ben 30 paesi europei. È la stessa cosa accadrà il prossimo anni per chi è nato nel 2001 e l’anno dopo per la classe 2002. L’importante è muoversi per tempo e garantirsi il biglietto attraverso il sito ufficiale dell’Inter-Rail dove – si spera a breve – dovrebbero apparire i moduli per la richiesta. Il progetto inizierà ufficialmente questa estate . Per coprire la spesa l’Unione Europea stanzierà fondi per 12 milioni di euro. I primi biglietti saranno disponibili a partire da questa estate. A beneficiare del progetto Interrail saranno circa 20.000-30.000 giovani ed anche ragazzi con mobilità ridotta.

Un treno, uno zaino in spalla e la voglia di scoprire; questo è Interrail

Nato nel 1972, ancora prima dell’Unione Europea, il programma Inter-Rail connette 30 Paesi per un totale di 170mila km di linee ferroviarie. Il treno è compagno fedele di ogni viaggiatore oltre ad essere un mezzo economico e veloce e per questo scelto soprattutto dai giovani. Chi fa un biglietto Inter-Rail prima sceglie le destinazioni dove far tappa. Una volta iniziato il viaggio non si possono ridiscutere le città scelte. L’avventura prevede che tappa dopo tappa, città dopo città, si arrivi alla fine del viaggio tra una fermata e l’altra del treno. I ragazzi fortunati che quest’anno compiranno i 18 anni d’età potranno usufruire del progetto in modo del tutto gratuito grazie ad una manovra che stanzierà 12 milioni di euro. Anche i giovani con mobilità ridotta saranno inclusi nell’iniziativa. Sarà organizzata una campagna promozionale per informare chi compie 18 anni di questa nuova opportunità e potrebbe esserci anche un concorso aperto per selezionare i primi giovani viaggiatori.

Da sogno a realtà, la realizzazione di un progetto già esistente

“È importante offrire a tutti i nostri giovani l’opportunità di allargare i propri orizzonti sperimentando altri paesi”, afferma Tibor Navracsics, commissario europeo per l’istruzione, la cultura, la gioventù e lo sport. “L’educazione non riguarda solo ciò che apprendiamo in classe, ma ciò che scopriamo sulle culture e le tradizioni dei nostri concittadini europei”. Le parole di Navracsics sono la conferma della concretizzazione del progetto. Nel 2016 il capogruppo dei popolari al Parlamento europeo Manfred Weber aveva promosso la campagna #DiscoverEu che voleva regalare un biglietto inter-Rail a tutti i diciottenni di quell’anno ma la Commissione aveva rigettato la proposta perché non si disponeva ancora delle risorse necessarie. Non è più così, per fortuna.

Leggi anche: “Uno studio dimostra che chi viaggia e respira l’Europa con l’Erasmus avrà più opportunità di lavoro”

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

 

Photo: : © CC0 License – Porapak Apichodilok

Leave a Reply