Maya, l’elefante che va a spasso per Berlino e fa amicizia con gli abitanti

Vedere un enorme elefante che si aggira per Landsberger Allee. No, non sono gli effetti allucinogeni di qualche nuova droga sintetica in voga nei club berlinesi. È solo la passeggiata quotidiana di Maya, elefantessa di 4 anni in possesso del circo Busch,stanziato nel distretto di Lichtenberg, zona est di Berlino. Maya ha veramente una mole notevole, e necessita sempre di un po’ di moto per mantenere forma fisica e buonumore. Così, accompagnata dal suo domatore Hardy Scholl, va a spasso per gli ampi viali di Landsberger Allee tra austeri caseggiati sovietici, fermate della BVG e magazzini Ikea. E gli abitanti di Lichtenberg sembrano apprezzare.

L’idolo del vicinato. Maya è di indole estremamente tranquilla e curiosa. Durante la sua passeggiata fa uno spuntino con l’erba a bordo strada, si stende tra i campi, si gratta con gli alberi che incontra sul cammino e, in questi giorni di calura estiva, fa una bevuta dagli idranti presenti in strada. Ma l’inconsueto ambiente circostante la spinge anche  – sempre sotto accorta vigilanza – all’esplorazione: alcune foto Reuters la ritraggono all’ingresso di un panificio, mentre ispeziona con la proboscide un chiosco di giornali, nei pressi di un tram. Dagli abitanti di Lichtenberg sinora nessuna lamentela, anzi: Maya costituisce un piacevole diversivo al grigiore quotidiano, tutti la conoscono per nome e sanno esattamente a che ora uscirà per la sua passeggiata. È inoltre l’idolo dei bambini, che la chiamano in continuazione, ma sembra gradire le carezze anche dei più grandi.

Le proteste degli animalisti. Alcune associazioni animaliste berlinesi hanno però sottolineato come, al di là dell’esperienza singolare per i berlinesi e simpatica per i bambini, l’animale sia comunque costretto a condizioni innaturali, su uno stradone di cemento e tra elementi urbani. E ricordano come la vita circense privi Maya, così come tutti gli animali che si esibiscono, dell’elemento che li rende davvero felici: la libertà nel loro habitat naturale.

 

banner3okok (1)

Foto di copertina © YouTube

Leave a Reply