On Body and Soul, la recensione del film che ha vinto la Berlinale 2017

[sharethis]

In occasione della 67esima edizione della Berlinale, la regista ungherese Ildikó Enyedi torna al grande schermo dopo un’interruzione di 18 anni e lo fa con On Body and Soul (titolo originale: Testről és lélekről), un film che racconta una storia d’amore surreale tra due esseri solitari ed estranei al mondo che li circonda.

Sono passati quasi vent’anni dall’ultima opera cinematografica di Ildikó Enyedi (Simon the Magician, 1999), quasi trenta dalla Camera d’Or vinta a Cannes con il film My 20th Century (1989), considerato uno dei più importanti film ungheresi di tutti i tempi. On Body and Soul rappresenta un grande ritorno per la regista che con questo film realizza una sublime parabola simbolista sulle debolezze e i sentimenti umani.

La trama

È possibile che due persone sognino le stesse cose? E con questo intendiamo proprio le stesse, anche se si tratta di sognare di essere cervi che vagano per una foresta innevata? È questo il caso dei due protagonisti di On Body and Soul, due persone tanto slegate dalla realtà quanto intimamente connesse tra loro. Endre è il direttore finanziario di un macello di Budapest, Mária la nuova responsabile del controllo qualità. Lei ha grosse difficoltà a socializzare, non riesce a provare emozioni, fugge il contatto fisico e si rifugia in ordine e pulizia maniacali. Endre è un uomo maturo dal carattere sensibile, con numerose relazioni amorose fallite alle spalle, ha un braccio paralizzato ed è annoiato dal lavoro. Mentre tutti i colleghi si prendono gioco di Mária, delle sue manie e fobie, Endre cerca di avvicinarla, inizialmente senza successo. Per puro caso, attraverso la nuova psicologa della fabbrica, Mária ed Endre scoprono di fare esattamente gli stessi sogni. Da questo istante inizierà un processo di avvicinamento che riguarderà dapprima le loro anime, poi anche i loro corpi.

Una storia di educazione ai sentimenti

Le immagini incantate dei sogni dei due protagonisti si alternano a quelle della vita reale, una vita cui Mária ed Endre non appartengono veramente: le scene poetiche che ritraggono due cervi in una foresta innevata vengono così accostate a quelle del mattatoio in cui i due lavorano, scene crude che ritraggono nel dettaglio la macellazione degli animali. Gradualmente la dimensione onirica finirà per invadere la vita “vera” dei due protagonisti che su base giornaliera confronteranno i propri sogni della notte precedente, avvicinandosi l’uno all’altro passo dopo passo, non senza imbarazzo e goffaggine. Intensa l’interpretazione di Géza Morcsányi e Alexandra Borbély alle prese con due ruoli complessi. Azzeccatissima la scelta del brano musicale What he wrote di Laura Marling, che accompagna i passaggi cruciali della pellicola. Con un tocco surreale, un pizzico di umorismo (nero) e una tensione verso l’iperbole, la Enyedi riesce a descrivere con estrema sensibilità e delicatezza le difficoltà nel manifestare emozioni, delineando un percorso di educazione ai sentimenti che oscilla costantemente tra dramma e commedia.

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Foto di copertina: Testről és lélekről | On Body and Soul – Wettbewerb 2017 – HUN 2017 – von: Ildikó Enyedi

Related Posts

  • 10000
    A quattro anni di distanza dalla vittoria dell'Orso d'oro con Il caso Kerenes (2013), torna in concorso alla Berlinale il regista rumeno Călin Peter Netzer. Alla 67esima edizione del Festival del cinema di Berlino Netzer presenta il film Ana, mon amour, melodramma che narra la relazione amorosa tra Toma e Ana, una storia…
  • 10000
    Tra i grandi nomi della 67esima edizione del Festival del cinema di Berlino compare anche quello di Volker Schlöndorff, storico regista tedesco vincitore nel 1979 della Palma d'oro a Cannes con Il tamburo di latta. Alla Berlinale 2017 Schlöndorff presenta in concorso Return to Montauk (titolo originale: Rückkehr nach Montauk), un film…
  • 10000
    Diretto dal regista Thomas Arslan, Helle Nächte (Bright Nights) è uno dei tre film tedeschi in concorso alla 67esima edizione della Berlinale. Al centro della pellicola il conflitto tra un padre e un figlio che non riescono a comunicare, dispiegato durante un viaggio in macchina per la Norvegia nel periodo delle…
  • 10000
    The Other Side of Hope (titolo originale: Toivon tuolla puolen), il nuovo film del cineasta finlandese Aki Kaurismäki, si è aggiudicato l'applauso più forte della 67esima edizione della Berlinale, almeno finora. Al centro della pellicola l'odissea di un rifugiato siriano in cerca d'asilo in Finlandia che Kaurismäki racconta con la sottile ironia cui ci…
  • 10000
    Il regista cileno Sebastián Lelio, già vincitore nel 2013 dell'orso d’argento per la migliore attrice con il film Gloria, torna alla Berlinale con la sua nuova pellicola Una mujer fantastica. La trama Il film racconta la storia di Marina (Daniela Vega), giovane donna transgender alle prese con l'improvvisa morte del…

Gloria Reményi

Italiana per parte di mamma, ungherese per parte di papà, mi piace definirmi 50/50 a tutti gli effetti. Il mio anno di nascita – il 1989 – ha probabilmente deciso il mio destino berlinese. Mi sono trasferita a Berlino nel 2012 per conseguire la laurea magistrale in "Culture dell'Europa centrale e orientale" e ci sono rimasta. Amo la letteratura, da accanita lettrice e aspirante scrittrice.

Leave a Reply