Parlarsi attraverso il Muro di Berlino

Il Muro da luogo di divisione a strumento di comunicazione

La GE (General Electric), il colosso mondiale dell’elettricità, nel 2016 ha avviato una campagna pubblicitaria innovativa. Al centro di tutto c’erano diversi video che mostravano come risolvere alcune missioni apparentemente impossibili. Il nome di questa serie era «GE Unimpossible Missions». La notizia di questa campagna è stata ripresa da adweek, un settimanale statunitense che si occupa di commercio e pubblicità, ed ha avuto un grande riscontro. La serie è stata lanciata in occasione del «Inventors Day». I video sono stati progettati per evidenziare le abilità di problem solving della società e dimostrare l’ampiezza della sua tecnologia all’avanguardia. Le missioni impossibili superate sono state tre: non far scogliere una palla di neve in una fonderia, catturare un fulmine in una bottiglia e parlare attraverso un muro. Il muro attraverso cui è stata compiuta quest’ultima missione era una porzione de muro di Berlino. I video sono stati nominati agli AICP (The association of indipendent commercial producers) Awards 2016 nella categoria «Advertising Excellence – Campaign».

«Like Talking to a Wall»

Il video è stato girato a Berlino in una fredda giornata autunnale. Lo scopo della missione era far arrivare la voce di un anziano, che leggeva un libro, davanti ad una porzione del muro di Berlino ad ovest, fino ad un gruppo di bambini seduti davanti ad una porzione del muro ad est. La scena è molto toccante. Si vede un signore che si avvicina lentamente al muro, apre un libro ed inizia a leggere. Dall’altro lato si vede un gruppo di bambini, accompagnati dalle maestre, che si siedono di fronte alla sezione est. Il luogo prescelto è stato il Memoriale del Muro di Berlino a Bernauer Strasse, uno dei pochi luoghi in cui sono visibili entrambe le porzioni del muro. All’inizio sembra non arrivare nessun segnale, poi all’improvviso dall’apparecchio inizia ad uscire la voce metallica dell’anziano. I bambini restano rapiti dalla storia. La missione è compiuta! Anche uno dei simboli della divisione si è trasformato in un luogo di unione. Ad accompagnare la storia la musica di Barking Owl mixata da Sonic Union.

Buona visione!

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Related Posts

  • 10000
    Quelli che seguono sono tre dei video virali più belli di Berlino mai realizzati finora. Partiamo da un’animazione di Sergej Hein. Camera fissa su di un Plattenbau, il tipico edificio residenziale con cui gli stati socialisti hanno caratterizzato i propri panorami cittadini (la Bautechnik era nata proprio in Germani, ma…
  • 10000
    Il prossimo 6 febbraio Facebook dovrà comparire di fronte a un tribunale tedesco. L'accusa, mossa dall'avvocato di Würzburg Chan-jo Jun, è di non aver impedito la diffusione di due fake news diventate virali, entrambe rivolte contro lo stesso rifugiato siriano, Anas Modamani. Come riportano l'emittente n-tv e Deutsche Welle, è il primo processo di questo genere…
  • 10000
    Il video del nonno triste che deve fingere la sua morte pur di avere la famiglia riunita per Natale aveva conquistato il web totalizzando oltre 50 milioni di visualizzazioni. Dopo il successo dell'anno scorso, la catena di supermercati Edeka ci riprova con un nuovo spot che riflette sul senso autentico del Natale: donare il…
  • 10000
    La compagnia austriaca People's Viennaline ha inaugurato lo scorso mercoledì il volo di linea internazionale più breve al mondo: collegherà l'aeroporto di St. Gallen-Altenrhein, in Svizzera, con quello tedesco di Friedrichshafen sorvolando il lago di Costanza. Durata del volo? Soltanto otto minuti, nemmeno il tempo di allacciarsi le cinture di sicurezza. La distanza è…
  • 10000
    Con le sue coreografie in barca e i suoi balletti è diventato uno dei fenomeni trash e virali dell'estate italiana. Ma ora la fama di Gianluca Vacchi, l'imprenditore milionario amico dei vip, arriva in Germania con un video della Bild. Che, per usare un eufemismo, difetta un poco in sobrietà. E,…

Leave a Reply