Paz! Per la prima volta Berlino celebra il film cult ispirato ai fumetti di Andrea Pazienza

Paz! arriva a Berlino. Per la prima volta la capitale tedesca proietterà il celebre film ispirato alle strisce di Andrea Pazienza. Il film di Renato De Maria, datato 2002, racchiude più di altri il significato della parola cult, almeno se si restringe il campo alla cinematografica italiana. Partito in sordina, senza un particolare successo in sala, è diventato popolarissimo nel corso degli anni con scene (una, quella dell’esame al Dams ve la proponiamo qui sotto) citate tuttoggi in continuazione da giovani e meno giovani.

La trama. 24 ore di tre studenti nella Bologna alla fine degli anni ’70: nell’appartamento di Via Emilia Ponente 43 convivono Pentothal, svogliato studente fuori-sede e fumettista, Enrico Fiabeschi, fuoricorso senza alcun interesse e Massimo Zanardi, detto Zanna, liceale da anni bocciato che gira sempre con due soliti amici. con due soli amici con i quali combina malefatte di ogni tipo.

L’evento. L’appuntamento è per le 16.00 di domenica 10 luglio presso il cinema Babylon. Il film fa parte della rassegna domenicale dedicata al cinema italiano e denominata CinemAperitivo. A curarla sono Mara Martinoli e Andrea D’Addio  in collaborazione con il cinema stesso e Berlino Magazine. Il prezzo è di 9 € e comprende un piccolo aperitivo a fine proiezione durante il quale il pubblico potrà esprimere la propria idea sul film coordinati da un moderatore. 

Chi era Andrea Pazienza. “Mi chiamo Andrea Michele Vincenzo Ciro Pazienza. Ho la patente da sei anni ma non ho la macchina. Quando mi serve, uso quella di mia madre, una Renault 5 verde. Dal ’76 pubblico su alcune riviste. Disegno poco e controvoglia. Sono comproprietario del mensile ‘Frigidaire’. Mio padre, anche lui svogliatissimo, è il più notevole acquerellista ch’io conosca. Io sono il più bravo disegnatore vivente. Amo gli animali ma non sopporto di accudirli. Morirò il sei gennaio 1984”. Correva l’anno 1981 e Andrea Pazienza, meno di 25 anni e già una lunga esperienza alle spalle, si lanciava in pronostici semi-seri raccontandosi dalle pagine di ‘Paese Sera’. Disegnatore incredibile, inventore di storie fantastiche e crude, unico in grado di trasformare in fumetto le avventure di un presidente della Repubblica, Pazienza – voce e matita del Movimento del ’77 e della disperazione dei favolosi anni ’80 ha lasciato orfana un’intera generazione di lettori che attraverso lo specchio dei volti di Pentothal, Zanardi, Pompeo e tanti altri, vedevano in qualche modo riflesse anche le loro vite. Paz è morto a 32 anni nella notte del 16 giugno 1988, ucciso – si dice, ma la causa della morte non è mai stata resa pubblica – da un’overdose di eroina. Solo pochi giorni più tardi avrebbe dovuto inaugurare a Peschici la prima mostra realizzata insieme al padre Enrico. Nato a San Benedetto del Tronto il 23 maggio del 1956, crebbe a San Severo, in provincia di Foggia, per poi trasferirsi per motivi di studio a Pescara. Il liceo artistico, l’amicizia col disegnatore Tanino Liberatore e poi, nel 1974, l’iscrizione al mitico Dams di Bologna, che lascerà a due esami dalla laurea. E’ qui che vive gli anni della contestazione bolognese legata al Movimento del ’77, sfondo al fumetto ‘Le straordinarie avventure di Pentothal’, suo primo lavoro. Ed è proprio in quella facoltà che incontra altri artisti e scrittori come Pier Vittorio Tondelli, Gian Ruggero Manzoni, Freak Antoni, Francesca Alinovi. Nel 1977 con Filippo Scòzzari entra a far parte del gruppo che realizza la rivista ‘Cannibale’, fondata da Stefano Tamburini e Massimo Mattioli, a cui si unirà in seguito Tanino Liberatore. Dal 1979 al 1981 collabora col settimanale di satira ‘Il Male’ mentre con il gruppo di autori di ‘Cannibale’ e con Vincenzo Sparagna, fonda nel 1980 il mensile ‘Frigidaire’, sulle cui pagine fa la sua comparsa Zanardi. Tra i personaggi di quegli anni, fanno la loro comparsa Francesco Stella, L’investigatore senza nome, Pertini. Pazienza realizza anche copertine di dischi, un calendario, alcuni poster, e spot grafici. Inoltre omaggia Tamburini e Scòzzari di collaborazioni e illustra articoli e racconti su richiesta del direttore Sparagna. Poi l’insegnamento, prima presso la Libera Università di Alcatraz di Dario Fo e poi, nel 1983, partecipa alla Scuola di Fumetto e Arti Grafiche Zio Feininger – fondata a Bologna da Brolli e Igort in collaborazione con l’Arci locale – insegnando fino al 1984 al fianco di Magnus, Lorenzo Mattotti, Silvio Cadelo. Ma non c’è solo il fumetto: Pazienza firma in questi anni manifesti cinematografici (tra i quali quello della ‘Città delle donne’ di Fellini), videoclip (‘Milano e Vincenzo’ di Alberto Fortis e ‘Michelle’ dei Beatles per il programma di Rai Uno Mister Fantasy), copertine di dischi (come ‘Robinson’ di Roberto Vecchioni e ‘S.o.S brothers’ di Enzo Avitabile) e campagne pubblicitarie. Lavora anche per il mondo del teatro, realizzando scenografie e ideando locandine, e si cimenta anche con la pittura, esponendo nuove opere a partire dal 1982. Se in questi anni Pazienza incontra una grande fama grazie al suo lavoro, contemporaneamente si avvicina anche alle droghe. Risale al 1984 il trasferimento nella casa di Montepulciano, dove nascono opere come Pompeo, Campofame da un poema di Robinson Jeffers, Astarte, e dove – solo 4 anni più tardi – verrà trovato senza vita. (biografia tratta da questo bell’articolo dell’AdnKronos).

Paz!

di Renato De Maria

Proiezione & aperitivo (pizza e spritz)

Domenica 10 luglio ore 16.00

Prezzo 9 € (biglietto da comprare alla cassa o qui online)

presso il Babylon

Rosa-Luxemburg-str. 30

versione in italiano con sottotitoli in inglese

Evento facebook 

banner3okok (1)

Foto di copertina © Tangramfilm.it

Related Posts

  • Uno dei più originali film di De Sica al centro di una speciale proiezione di Berlino Il Giudizio Universale è uno dei più celebri e celebrati film italiani. La sua storia racconta molto del nostro Paese e del pensiero sempre arguto di De Sica e Zavattini, rispettivamente regista e sceneggiatore del…
  • Piantala con questi mostri, Michele. I mostri non esistono. I fantasmi, i lupi mannari, le streghe sono fesserie inventate per mettere paura ai creduloni come te. Devi avere paura degli uomini, non dei mostri. Faceva dire Niccolò Ammaniti al padre di Michele, in Io non ho paura, il romanzo del 2001…
  • "Tra la primavera del 2009 e l'estate del 2010, più di duemila migranti africani sono stati intercettati nelle acque del Mediterraneo e respinti in Libia dalle forze dell'ordine italiane a seguito degli accordi intercorsi tra Gheddafi e Berlusconi. Le imbarcazioni provenienti dalla costa africana venivano sistematicamente ricondotte in territorio libico…
  • In un rifugio di cacciatori, un gruppo di anziani del luogo rievoca la vita di Mario «de’ Marcella», un uomo vissuto per più di sessant’anni nel ritiro di una grotta di tufo.
Non si sa bene cosa abbia portato questo personaggio dai modi bruschi ed eccentrici a condurre un’esistenza solitaria, forse…
  • È uno dei più importanti film della storia del cinema italiano e internazionale. Merito senza dubbio di Luchino Visconti (regista) e Cesare Zavattini (soggettista) e di tutti il gruppo di sceneggiatori (Suso Cecchi d'Amico, Francesco Rosi  lo stesso Luchino Visconti), ma anche e soprattutto di Anna Magnani, qui capace di…

Leave a Reply