Perché non riesco più ad andare a ballare in Italia dopo aver provato Berghain, Watergate e Renate

di Clizia Saba

Sei in Italia per le vacanze. Non hai più idea di quali siano i locali in della tua zona né che serate ci siano, ma quando torni hai sempre voglia di uscire e incontrare quegli amici che ormai vedi troppo raramente. Proprio loro ti chiedono di andare a provare un locale nuovo che neanche loro conoscono e tu acconsenti felice di poter provare anche qui quella sensazione di continua scoperta tipicamente berlinese. Le ultime volte che sei stato a ballare in Italia non ti sei divertito moltissimo, ormai si è instaurata dentro di te una concezione di club completamente diversa da quella che avevi prima. Ma non vuoi assolutamente sembrare il tipico amico rompipalle che se la tira perché ormai vive da anni all’estero e decidi di abbandonare i tuoi pregiudizi e fare del tuo meglio per passare una bellissima serata. O almeno finché non arrivi alle porte del locale.

1. La fila

L’avventura comincia ancora prima di essere entrati nel locale, visto che si prospetta una coda chilometrica che procede alla velocità di una persona al minuto. Ma questo non ti spaventa, sei stato in coda al Berghain col freddo berlinese per ore, che vuoi che ti facciano questi 12 gradi “dell’inverno” toscano (peccato che siano conditi da un’umidità dell 200% che all’indomani ti fa nascere un piacevolissimo raffreddore). Quello che ti stupisce è che presumi, dall’irregolarità con cui fanno entrare le persone – che la fila non abbia nessuna ragione di esistere se non la volontà di creare fuori un’attrazione (la fila stessa) che attiri altre persone. I bouncer fanno solo presenza. Non c’è alcuna selezione. Il che di base non è male, la selezione berlinese a volte è opinabile, ma qui viene fatto entrare anche quel gruppetto di ragazzi visibilmente ubriachi e casinisti che un locale qualsiasi rigetterebbe per mantenere intatta la quiete all’interno e che persino al Watergate di Berlino sarebbero stati rimbalzati. Non ti controllano la borsa, puoi portarti dentro tutto, chissà, anche droghe o armi (le risse nei club italiani non sono rare). Certo, il mancato sequestro della macchina fotografica o dell’applicazione di un adesivo sul suo obiettivo come succede al Berghain ti rende più contento, ma un minimo di sicurezza ci vorrebbe. Entri ed ecco che quel discorso sulla fila – appositamente voluta dagli organizzatori – trova ennesima conferma: il locale è mezzo vuoto.

2. La cassa

L’entrata costa 10 euro, ma già alla cassa ti chiedono se vuoi utilizzare anche il guardaroba. Se lo vuoi devi pagare lì e poi andare a fare la fila con un tagliando davanti al deposito giacche/borse. Insomma, paghi prima di aver usufruito del servizio. E stessa cosa accade per il bar (cassa e bancone per le ordinazioni sono separati). Ogni volta fai di due file. In Toscana e buona parte di Italia è così. Ti chiedi perché non risparmino sul personale facendo incassare ai baristi stessi come succede un po’ ovunque nel mondo. Ma non è finita qui. Spesso per maglia e giacca al guardaroba ti viene chiesto di pagare doppio (nello specifico due volte 3€). L’ultima chicca? Al momento dell’ingresso ti danno anche un bigliettino che ti servirà per uscire, non ti azzardare a perderlo. “E’ per dimostrare che hai pagato l’ingresso”. Ma se sono dentro non è chiaro che l’ho pagato?

3. La pista

 Anche se il locale è nuovo, l’impianto audio è vecchio o fa comunque schifo, spesso ci metti 2 minuti a capire quale canzone sia stata messa. Non sai da quando sei diventato così pignolo per queste cose, probabilmente 4 anni fa non ci avresti mai fatto caso. Ti aspettavi che non ti sarebbe piaciuta la musica, ma mai che ti saresti messo a disquisire sulla qualità dell’impianto. Stai quasi rimpiangendo quello del Berghain, così potente che quell’unica volta che ci sei stato ti ha causato un mal d’orecchie durato 3 giorni, ma almeno dal suono perfetto. La qualità della musica non dovrebbe essere la prima cosa per una discoteca? E invece no, almeno non in questo genere di locali. Il perché lo capisci al punto successivo.

4. La gente

Perché la stragrande maggioranza della gente qui non viene per ballare. La stragrande maggioranza della gente qui viene per:
A. Apparire.
B. Rimorchiare.
C. Passare una serata.
D. Farsi fighi il giorno successivo su Facebook taggandosi nelle foto del locale (ebbene sì, c’è un fotografo, o almeno presunto tale, che passa tutta la sera a fare foto per creare all’indomani una galleria che invogli altra gente a partecipare alla serata successiva vedendo quanto è stata figa quella precedente).
Una tua amica venuta in visita a Berlino quella volta che l’hai portata allo Chalet disse “qui le persone non ballano, qui stanno in adorazione del dj”, riferendosi al fatto che nei locali si balla rigorosamente rivolti verso la consolle, quasi non si voglia dare le spalle al dj per mancanza di rispetto. Inutile dire che in Italia sia un po’ diverso…

5. Chi sta in consolle?

Ma c’è un motivo se in Italia è diverso. Gran parte dei dj che “suonano” in questi locali non meritano nemmeno di chiamarsi tali. Si limitano a mettere un pezzo dopo l’altro senza tentare alcun mix particolare, una sorta di play-pausa-avanti che potrebbe fare chiunque. Normalmente la selezione spazia tra le hit commerciali del momento con qualche momento nostalgico per la dance anni ’90 di Prezioso o Gigi D’Agostino. Il dj di ieri sera voleva evidentemente provare qualcosa di nuovo ma lo ha fatto in modo molto triste e tu per caso lo hai scoperto. Doveva essergli capitata in mano Hit Mania Dance Estate 2001, ci ha trovato vari pezzi interessanti e ieri sera, distanziati da altri, li ha fatti partire praticamente tutti, con lo stesso mix della compilation. Per sua sfortuna tu quel CD ce l’avevi e lo conosci ancora a memoria, ma potresti scommettere di non essere stato l’unico della sala. E dopo aver sentito performance live (perché hai scoperto che sì, anche per i dj c’è differenza tra suonare live o no) di dj del calibro di Klangkuenstler al Kosmonaut e aver visto Martin Patiño far risuonare un cactus con un arco di violino all’Ipse, beh adesso da un dj, per farsi chiamare tale, pretendi un po’ di più.

Tuttavia al peggio non c’è fine. Perché in Italia in consolle non ci sta solo il dj. Ti eri scordato della sua esistenza, ma lui è ancora lì: il vocalist. Nessuno ha mai capito la sua funzione, sta lì a pronunciare frasi senza senso che nessuno ha voglia di ascoltare. A volte è perfino offensivo. Tra le frasi più assurde che gli hai sentire pronunciare ieri sera ancora ricordi:
“Non ce l’hai fatta neanche stasera a raccattare una eh!” (rivolto non si sa bene a chi)
“Questa notte è magica faremo scintille!”
E nei momenti di vuoto gli immancabili e intramontabili:
“Voglio tutte le mani al cielo!”
“Eeeehh-Oooohh, Rieeeehh, rioooohh!”

6. La moda

Una serata con gli amici, la musica, ballare, tutto bello, ma c’era anche un altro motivo per cui trovavi interessante andare in certi locali italiani. E cioè che recarsi in alcuni club della zona di Firenze e di Montecatini equivaleva ad assistere ad una sfilata di alta moda. Un’eleganza che ogni tanto ti manca a Berlino. Purtroppo non è più così. Adesso, noti con dispiacere, l’Hipsteria di cui cantavano i Cani si è diffusa anche qui. E si è diffusa male. La filosofia generale è diventata, almeno per le donne, sono-figa-perché-vado-ballare-con-le-scarpe-da-ginnastica-oppure-gli-anfibi. Sì, peccato che sia quelle scarpe da ginnastica che quegli anfibi siano rigorosamente firmati. E ti manca quell’atmosfera da puoi-vestirti-come-ti-pare-e-non-solo-nessuno-ti-giudicherà-ma-neanche-se-ne-accorgerà.

7. La chiusura

Alla fine hai cercato di ambientarti. Ti sei abituato all’acustica pessima, alla gente che spinge e ti tocca per passare, hai sviluppato una totale indifferenza per le cavolate sparate dal vocalist. Stai quasi cominciando a divertirti. Ma qualcosa sta cambiando. Iniziano a mettere Rino Gaetano e Vasco Rossi, a un certo punto accendono le luci. Guardi i tuoi amici con aria interrogativa: ti spiegano che il locale sta chiudendo. Guardi l’orologio senza capire: sono le 4. E’ vero, le discoteche qua devono chiudere alle 4. Il vocalist saluta. La massa si dirige al guardaroba e all’uscita. Ti chiedi perché queste persone abbiano accettato di venire lì a mezzanotte, fare 40 minuti di fila per entrare, almeno altri 40 in totale tra guardaroba, casse e bar, ascoltare musica mediocre, farsi dire quando alzare le mani e quando abbassarle, farsi sbattere fuori ad un certo punto.
Forse semplicemente perché non ci sono molte alternative.

Photo ©Luca Volpi CC  BY SA 2.0

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Related Posts

  • Riccione, cuore della movida romagnola. I giovani si riversano per le strade, i locali sono pieni. Si beve, si gode dell'aria finalmente più fresca, si sfoggiano i migliori outfit e ci si prepara a un'altra notte brava. I club e le discoteche non mancano, ce n'è per tutti i gusti:…
  • E' vero, non bisogna mai generalizzare. Ma è altrettanto vero che, quando torniamo in Italia dopo aver vissuto in Germania per un po', non possiamo fare a meno di notare delle differenze. Di solito si tratta di quei comportamenti così tipicamente italiani che quasi ce li eravamo dimenticati durante il soggiorno…
  • La comodità e l'immediatezza di usare la mappa della metro di Berlino per indicare eventi, locali o musei della città è innegabile. Questa di WImdu divide anche i club secondo il genere musicale. Una mappa dei club di Berlino divisi per genere (Techno/Electro, Indie/Alternative/Rock e Jazz/Swing) ricalcata su quella della…
  • Colori intensi, sguardi rilassati e il suono pacato dell´acqua in sottofondo. Si respira un'aria di libertà ed allegria allo YAAM, storico club di Berlino situato accanto alla stazione di Ostbahnhof, sulle rive della Sprea. Il locale - celebre a livello internazionale perché il giamaicano Usain Bolt vi festeggiò, improvvisandosi dj,…
  • Ha aperto da pochi anni, ma si rivela già uno dei locali più belli di Berlino per godersi l'estate, ovvero con una buona dose di spazio all'aperto e in più sull'acqua. Stiamo parlando dell'Ipse, a due passi dalla stazione di Schleisches Tor, che si allunga su quella parte di canale derivante dal…

10 Responses to “Perché non riesco più ad andare a ballare in Italia dopo aver provato Berghain, Watergate e Renate”

  1. pierò muresu

    un po’ troppo severo come giudizio dei club nostrani

    Rispondi
  2. Gab

    Non potete paragonare le discoteche di Berlino (che sveglia, è diventata la città più banale del mondo) con discoteche Toscane che nascono senza troppe pretese. Provate a fare un giro a Milano al Tunnel o al Plastic prima di fare un discorso generalizzato sull’Italia. Se c’è una cosa veramente fastidiosa è l’atteggiamento di chi va all’estero ma parla di cose che non sa del proprio paese. Berlino era bella anni fa, ora è merda.

    Rispondi
  3. Le discoteche di Berlino e quelle italiane a confronto | hookii

    […] ragazza italiana residente a Berlino, torna per le vacanze in Italia e ricorda le differenze fra le discoteche in Italia e quelle tedesche a […]

    Rispondi
  4. Wedro

    Mai letta una tale quantità di provincialate da hipster figlio di papa’ come in questo articolo. E’ evidente che in un club serio in Italia non solo non ci ha mai messo piede, ma mai lo farà. Perderebbe la scusa per non parlare di quanto Berlino sia gentrificata, sempre meno sicura, meno povera e sempre meno sexy. Dove se ti vuoi divertire, creare, produrre, devi farlo con un progetto, e non solo pensando alla speed a buon mercato e a quanto sei stato fortunato ad entrare al Berghain.

    Rispondi
  5. Serena Galié

    avete tutti una ragione, Berlino era più fica prima e ora langue nella gentrificazione etc etc. ma vi faccio una domanda, anzi due:
    1. ma perché vi svegliate solo quando si parla di club? no dico, quasi gli unici articoli commentati. non è che la questione club vi stia un po’ troppo a cuore per poter fare la morale a chi parla di club?
    2. ve la ricordate la vicenda del cocoricò?
    3. Berlino ha sviluppato un circuito turistico intorno alla fama dei suoi club. gli hanno pure dato un nome “easy-jet generation” e ci hanno scritto libri, quindi sì indubbiamente nessuno sta scoprendo niente. non è che potete rosicare se l’italia, paese di naturale vocazione turistica, perde punti rispetto alla germania. sì spiace dirlo, ma ci sono più visite annuali a berlino che a roma, che è in effetti l’unica città italiana che potete comparare a berlino.
    e se si parla di divertimento, la faccenda è semplice: non puoi paragonare berlino a roma.

    Rispondi
  6. GianGian

    Diciamo che prima non eri mai entrata in un locale, hai scoperto a Berlino la vita notturna.
    Perché se citi il Renate per l’acustica è meglio che manco l’inizi un articolo del genere. Sempre tanta qualità in questo Blogghe!
    PS: quanta spocchia.

    Rispondi
    • Andrea D'Addio - Direttore

      Gentile lettore,
      come sicuramente potrà rendersi conto leggendo ciò che c’è scritto e non ciò che lei vorrebbe che ci fosse scritto per poi lanciare una battuta dispregiativa come “Sempre tanta qualità in questo Blogghe”, il Renate è citato dall’autrice non per la qualità dell’acustica, bensì per altre ragioni ben esposte nel resto dell’articolo. Sappiamo che questa obiezione non la smuoverà dal suo giudizio generale sulla nostra testata, che la sua critica è preconcetta come dimostra l’ultima frase, quindi, se vorrà, ripassi pure di qui con un’altra critica scevra da argomentazioni.
      Le critiche sono sempre ben accette, ma cerchiamo di dargli sostanza ogni tanto.
      Cordiali saluti

      Rispondi
  7. Perro666

    Quanta tristezza leggere questi articoli di ragazzine che hanno scoperto la vita notturna a Berlino, sono state magari qualche volta al Berghain ma non hanno nessuna conoscenza in ambito di vita notturna, musica elettronica e locali italiani, ma ciononostante scrivono articoletti per questo bloggucolo. Quante volte a Berlino ho parlato con gente che prima di spostarsi in Germania a stento considerava musica la techno, ed ora tutti esperti, tutti con i vinili, tutti con la musica house, tutti al Berghain e al Sisyphos. Articolo ipocrita e mediocre, l’Italia è piena di realtà underground, fiorfior di artisti inernazionaili hanno iniziato suonando in Italia ed è sicuramente possibile sentire tanti artisti che suonano al Berghain nelle discoteche italiane, basta solo informarsi, sperimentare, conoscere. Siete dei dannati gentrificatori e banalizzatori, Vergognatevi!!!!!!!!!!!!

    Rispondi
    • Andrea D'Addio - Direttore

      gentile Perro666,
      la sua opinione è un interessante punto di partenza per una discussione, ma se davvero pensa quel che dice, compreso il “vergognatevi”, perché non si firma con il suo vero nome o lascia una mail che esiste?

      Rispondi
  8. odnr

    Bell’articolo di merda! mi chiedo chi paga questi ‘scrittori’ cosi arricchiti culturamente nell’ambito della musica!
    (che poi nemmeno si capisce se parli di elettronica o altri genere, facendo paragoni tra Berghain e musica cantata come Rino Gaetano o Vasco Rossi)

    Rispondi

Leave a Reply