Alexander Freier, il politico di Berlino che fa campagna elettorale su Tinder (ma è fidanzato)

Si chiama Alexander Freier, ha 29 anni, è di Berlino e usa Tinder, la più popolare app per organizzare appuntamenti con ragazzi e ragazze partendo dal reciproco like sulle foto profilo, da molti considerata oggigiorno il modo più facile per una one-night-stand. Fin qui nulla di strano. Sugli smartphone dei single di Berlino trovare l’icona di Tinder è facile quanto trovare quella del meteo, installata normalmente di default. Se non fosse che Freier utilizza Tinder per fare campagna elettorale. È candidato alle prossime elezioni comunali di settembre nelle file dell’SPD, il partito socialdemocratico, lo stesso dell’attuale sindaco Michael Müller.

Le foto profilo. Come riporta la BZ, invece di utilizzare normali scatti di sé stesso, Frier usa foto accompagnate da slogan elettorali come  “La città della libertà” e “Berlino rimanga gay”. «I feedback finora sono stati molto positivi. Ricevo decine di like, molti dei quali da donne che poi flirtano». Peccato però che Freier sia fidanzato: «Devo separare vita privata dal lavoro. Oltretutto non sono libero, ma felicemente in una relazione». Ma perché proprio Tinder? «Non è male andare incontro al “dove si trovano i cittadini”. Come uomini politici dobbiamo guardare dove vivono i cittadini.»

Le reazioni del partito. Nessuna condanna dalla divisione cittadina dell’SPD come sottolinea il portavoce Marisa Strobel: «I candidati sono liberi di scegliere come portare avanti le proprie campagne elettorali ferme restando le norme del partito e il suo statuto. Una presenza su un portale dedicato ai flirt non infrange nessuna regola». Per scoprire cos’altro ha in serbo Alexander Freier per farsi eleggere (il suo nome apparirà sulle schede dei bezirk di Alt-Treptwo, Baumschulenweg, Plänterwald e Niederschöneweide, si può seguire il suo blog o il suo Facebook. Attenti però a mettergli qualche like sulle foto. Potrebbe venirvi a cercare a casa. E farvi votare per lui.

 

 

Schermata 2016-07-20 alle 07.19.22

 

banner3okok (1)

Related Posts

  • Si intitola Tinderella ed è l'esilarante video realizzato dal sito College Humour che, sulla base di una sceneggiatura di Jake Hurwitz. attualizza l'omonima fiaba, resa celebre dal film della Disney del 1950, inserendoci un dettaglio fondamentale, Tinder. Niente più gran ballo: i due protagonisti si incontrano grazie a quell'app per…
  • Berlino è una città bellissima per mille motivi diversi, a partire dal suo multiculturalismo, e sono estremamente felice di aver trascorso due mesi della mia vita nella capitale tedesca per un Erasmus+ Traineeship. C’è una quantità di cose che mi mancano, a cominciare dai parchi e dai musei per arrivare…
  • Facebook? La bacheca degli annunci in piazza. Ebay? Il negozietto sotto casa. Twitter? il pettegolezzo sulla panchina. Il progetto si chiama Web 0.0 ed è stato creato dall'artista milanese Biancoshock in occasione di CVTà, il festival dedicato alla street art tenutosi lo scorso aprile a Civitacampomarano, un paesino di circa 400 abitanti…
  • Ingobbirsi sul proprio smartphone alla ricerca di un altro like su Facebook, di compagnia su Tinder o della foto del giorno su Instagram è ormai parte del nostro quotidiano, inutile girarci attorno. Spesso e volentieri siamo così social dipendenti da non poter fare a meno di controllare i nostri telefoni…
  • di Lucia Vanni Vivo a Berlino da 7 anni. Mi ci sono trasferita assieme al mio fidanzato io perché assunta da un'all'epoca piccola, ma oggi importante azienda che produce occhiali e lenti a contatto, lui a rimorchio: a Genova aveva da poco finito un tirocinio in uno studio di grafica, aveva il sogno…

Leave a Reply