Porchetta d’Ariccia, mozzarelle e cinghiale marinato: Cantina sociale di Berlino, che goduria

“Lasciate che il cibo sia la vostra medicina e la vostra medicina sia il cibo” scriveva Ippocrate nel IV a.C ed è quanto accade ogni giorno, a pranzo e cena alla Cantina sociale, eccezionale salumeria e ristorante inaugurato a settembre 2015 a Berlino su Zionskirchstraße, una delle strade più eleganti e affascinanti di Prenzlauer Berg. Culatello, salamini, porchetta di Ariccia, cinghiale marinato, affettati di ogni tipo e provenienza, pecorini e formaggi vari (ma sempre tipici regionali italiani): che si parli di antipasti o di primi (che hanno sempre anche una scelta vegetariana), guardando il menù o la vetrina posta all’entrata del locale è difficile non provare il desiderio di assaggiare tutto. Senza dimenticarsi che anche l’offerta dei vini è varia e di altissima qualità. Un nome fra gli altri, il Verruzzo, cuvée rosso maremmano che si abbina magnificamente al Ricciolo, il formaggio vaccino di latte crudo tipico della Valsassina.

Lesen Sie den Artikel auf Deutsch hier.

La specialità. Unica. Questo l’aggettivo che meglio descrive la mozzarella di bufala che si mangia alla Cantina. Senza conservanti, è irresistibilmente morbida e freschissima: comprata alle 9 del mattino in Italia e pronta per essere gustata a Berlino nel pomeriggio. Una mozzarella così in tutta la città la mangiate solo qui. Per sapere quando trovarla, leggete gli aggiornamenti sulla pagina Facebook.

mozzarella di bufala con acciuga
Mozzarella di bufala con acciuga

La storia della Cantina Sociale. Cantina sociale è il sogno realizzato di due romani: Roberto, skipper e grande amante del mare, al quale ha dedicato due libri usciti con TEA, e Paolo, sceneggiatore per la televisione, entrambi con la passione per la cucina e il mangiare bene. Tutti i rifornimenti delle prelibate materie prime arrivano principalmente dalla Tuscia, dalla bassa Toscana e dalla provincia di Orvieto, zone che conoscono molto bene perché sono le terre delle loro origini. Per la loro avventura berlinese si sono affidati in cucina a Giuseppe e Pasquale, che si alternano a pranzo e a cena. Giuseppe è il responsabile delle preparazioni: suoi sono i cantucci, le lasagne – da non perdere quelle con sfoglia e besciamella agli spinaci – i biscotti alla ricotta e la sua speciale focaccia, rivisitazione della tradizionale pizza bianca romana, ottima alternativa al panino. A cena, invece, lasciatevi consigliare da Pasquale su quali vini si accompagnano meglio ai taglieri o al crostone, il pane infornato con la fetta di bufala che sfida i taglieri in bontà. La sua conoscenza del vino fatta sul campo si sta trasformando nel tempo in un’autentica passione che è capace di trasmettere con grande entusiasmo.

Cantina sociale prenzlauerberg
Roberto, Pasquale, Giuseppe e Paolo

L’importanza della semplicità. Roberto parla del cibo con il piacere del buongustaio che ama la tradizione: «Noi badiamo alla sostanza. Tutti i prodotti che usiamo li scegliamo e proviamo personalmente prima di spedirli a Berlino. È un’abitudine che costa pazienza, ma che sicuramente è una garanzia di qualità e genuinità. Su tutto, per noi è fondamentale lolio. Spremuto a freddo da una monocultivar canenese, varietà di olive tipica della Tuscia e di Blera, che viene raccolta quando la prima oliva si tinge di viola e dà la sua massima resa in termini di qualità e sapore». Sulla stessa lunghezza d’onda sono le parole di Paolo: «Abbiamo voluto creare un locale come quelli in cui normalmente mangiamo noi, un locale in cui trovare le cose che ci piacciono, fatte bene e semplici. Noi siamo molto legati al territorio, non amiamo divagazioni sperimentali. Per questo abbiamo creato un locale meno addomesticato e più informale, nei materiali e nei modi, una cantina sociale appunto, dove tutta l’attenzione è rivolta esclusivamente alla qualità del cibo e del vino, offerti con semplicità e senza fronzoli». Basta scorrere le foto che seguono per farsi venire l’acquolina. Prezzi contenuti, cordialità del servizio e le due belle sale, fanno il resto. Se siete in cerca di sapori di casa rari da trovare altrove, questo è il posto giusto.

Cantina sociale

Zionskirchstraße 7, 10119 Berlino Prenzlauer Berg

Orari di apertura: lun-sab 11- 22, dom 9-17

Tutti i prodotti si possono anche ordinare per la consegna a domicilio.

Tel. +49 (0)151 52536761

Questo ristorante fa parte del network True Italian

Related Posts

  • Difficile trovare una città al mondo dove non ci sia un ristorante italiano. La scelta degli ingredienti, il rispetto per la tradizione accompagnato dal nostro desiderio innato di provare sempre qualcosa di nuovo, la cura nel servizio, l’idea che sedersi a tavola significhi stare bene: tutti questi sono elementi che…
  • Difficile trovare una città al mondo dove non ci sia un ristorante italiano. La scelta degli ingredienti, il rispetto per la tradizione accompagnato dal nostro desiderio innato di provare sempre qualcosa di nuovo, la cura nel servizio, l’idea che sedersi a tavola significhi stare bene: tutti questi sono elementi che…
  • Aperto nel 1987, il Café Aroma esporta a Berlino i sapori della migliore cucina italiana. Ravioli con l'astice su salsa di burro aromatizzato al rosmarino e arancia. Salsiccia con strudel di marroni e funghi porcini. Carpaccio di petto d’anatra con mele e lamelle di sedano-rapa. Tartufo umbro, zucche, castagne e…
  • Vino e cibo: abbinamento scontato, soprattutto per noi italiani, lo è un po' meno se, vivendo a Berlino, parliamo di buon vino e buon cibo e di come i due termini vadano più o meno d'accordo a seconda dell'accostamento. E allora ecco il Merlot per accompagnare una melanzana alla parmigiana, un…
  • Chi ha voglia di un viaggio in Liguria senza muoversi da Berlino può passare a prendere i biglietti da  Vino e Basilico, Tucholskystraße 18, zona Mitte. Polpo e patate con pomodori secchi e olive taggiasche, pasta fatta in casa, pescato del giorno alla ligure, frittura di calamari, gamberi e acciughe, Vermentino doc.…

Roberta Chimera

Arrivata a Berlino per la prima volta nel 2009 con in macchina vestiti e computer, si è subito sentita a casa.

One Response to “Porchetta d’Ariccia, mozzarelle e cinghiale marinato: Cantina sociale di Berlino, che goduria”

Leave a Reply