Aperto il bando della Farnesina che premia 2 giovani architetti italiani con 6 mesi a Berlino

architetti

Il Premio di Residenza artistica permette a due giovani architetti italiani di vivere nella capitale tedesca per 6 mesi con un rimborso spese quasi totale.

Il ministero degli Affari esteri e della Cooperazione Internazionale, in collaborazione con l’Istituto Italiano di cultura di Berlino, lancia un concorso rivolto a giovani architetti italiani che lavorano nel campo specifico del riuso e della rigenerazione urbana. Il bando “Premio di residenza artistica” è attivo già da diversi anni per le città di New York e Shanghai, mentre è alla sua prima edizione per la capitale tedesca.

Le condizioni di partecipazione al bando

Il premio è rivolto a tutti gli architetti nati dopo il 31 dicembre 1986, cittadini italiani e residenti in Italia. Un requisito fondamentale è che siano attivi nel settore del riuso o della rigenerazione urbana e che abbiano un progetto in quel campo. Non è obbligatoria la conoscenza del tedesco. L’obiettivo del bando è quello di permettere a due giovani architetti italiani emergenti di approfondire tematiche legate all’urbanistica e alla riqualificazione degli spazi urbani, questione molto importante per ridisegnare in modo sostenibile il volto delle metropoli dei prossimi anni. La scadenza per la presentazione della candidatura è il 25 giugno 2017.

Le possibilità offerte

I vincitori della borsa potranno risiedere a Berlino durante il prossimo inverno, da ottobre 2017 a marzo 2018. Avranno la possibilità  di collaborare con alcune organizzazioni culturali come la ANCB, The Aedes Metropolitan Laboratory e l’Istituto italiano di cultura di Berlino. Inoltre, saranno affiancati un tutor con esperienza internazionale, residente a Berlino, nonché esperto della scena professionale locale. Alla fine del soggiorno gli architetti potranno esporre il loro progetto all’interno degli spazi dell’IIC.

Il Premio comprende: un assegno mensile per vitto, alloggio e rimborso spese prestazioni presso uno studio di architettura specializzato nelle questioni di rigenerazione e recupero delle periferie urbane; un biglietto aereo A/R per Berlino dall’Italia e la copertura assicurativa per spese sanitarie, infortuni, incidenti.

Qui il link al bando.

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Foto di copertina: © Desny, Pixabay, CC0 Public Domain

Related Posts

  • Toni Servillo, Dacia Maraini, Claudio Magris: sono solo alcuni dei nomi eccezionali che l'Istituto Italiano di Cultura di Berlino ha presentato come ospiti del programma del 2017, un programma ricchissimo che spazia tra arte, letteratura, filosofia, cinema, fino ad arrivare alla cucina italiana. Giovedì scorso in Istituto il direttore Luigi Reitani ci ha dato la possibilità…
  • «Berlino è una città estremamente attraente per i giovani, soprattutto per la grande sensazione di libertà che trasmette. Il ruolo dell'Istituto italiano di cultura deve essere sicuramente quello di diventare un punto di riferimento per loro, ma non deve essere lo spunto per una ghettizzazione. Non voglio che si trasformi…
  • Se siete amanti dell’architettura, un viaggio in Germania non vi lascerebbe delusi, dal momento che questa nazione vanta una lunga tradizione di stili architettonici diversi che si sono sviluppati con l’innovazione tecnologica al punto da raggiungere eccellenti risultati. Di recente, The culture trip ha stilato una lista dei 10 migliori architetti tedeschi…
  • STaRT fortalents lancia un nuovo concorso di idee per porre l'attenzione sul distretto di Kreuzberg-Fredrichshain uno dei quartieri berlinesi più di tendenza e in crescita di Berlino (non a caso è la sede di Berlino Cacio e Pepe Magazine)  Obiettivo del concorso è di immaginare una nuova residenza per artisti,…
  • Birreria attiva fino al 2005, oggi ospita un caffè e varie esposizioni di arte contemporanea. Ecco l'incredibile storia della Kindl Brauerei. Come Prenzlauer Berg ha la sua Kulturbrauerei, Neukölln ha la sua Kindl Brauerei, entrambi spazi rigenerati secondo la consuetudine berlinese che dopo essere stati dismessi come birrerie sono stati destinati a…

Leave a Reply