Quanto sono inquietanti i bassifondi di Berlino

Miron Zownir

«Berlino è vitale, sperimentale e aperta, gentile e dura, bella e orribile»

Negli ultimi quarant’anni il fotografo tedesco Miron Zownir ha immortalato la vita nei bassifondi di città come Berlino, New York, Londra e Mosca. L’autore americano Terry Southern lo ha definito “poeta radicale della fotografia”. Il suo stile è crudo, al limite della brutalità. Esprime una personale visione del mondo senza rinunciare a una cifra documentaria e testimoniale. I suoi soggetti sono i dimenticati, per scelta o per destino: gli appartenenti alle sottoculture punk e di protesta, ma anche i senzatetto, gli ubriachi, i drogati, i diseredati, gli outsider, coloro che non si riconoscono nellestablishment, ma neanche in nessun altro gruppo. Oppure le persone comuni che, senza sapere come, si trovano in mezzo a una grande crisi politica, economica, sociale. L’ultimo libro di Miron Zownir, pubblicato da PogoBooks, si intitola Berlin Noir, con riferimento all'”anima oscura” della capitale tedesco e al tratto stilistico più evidente con cui è rappresentata: il bianco e nero. In questa intervista Zownir commenta i suoi scatti berlinesi, la vita berlinese e i temi dell’esibizionismo, dell’autenticità e dell’influenza di internet sul mondo della fotografia.

Vivere a Berlino

«Berlino non ha un oceano, non ha un deserto e ha tanti altri difetti. Ma è vitale, sperimentale e aperta, gentile e dura, bella e orribile. È un melting pot per i giovani e per i confusi, i perduti e i rifiutati, i coraggiosi e gli arrabbiati, i sognatori e i perdenti. La scena notturna “alternativa” è ancora molto viva, il numero dei senzatetto sta crescendo e la città continua a essere piena di pazzi. I soggetti per il mio lavoro non mancano. Sono tornato a Berlino nel 1995, dopo 15 anni di vita negli Stati Uniti. Berlino è la mia base operativa. Del resto non posso più dire come negli anni ’60, ’70 e ’80 “Beh il prossimo anno mi trasferisco per un po’ di tempo a Londra, Parigi, Los Angeles, New York“. Oggi devi avere delle credenziali, un lavoro ben pagato e molti contatti. Devi recitare, produrre ed entrare in competizione. E che ti piaccia o no, devi fare il gioco di qualcuno. In tutte quelle metropoli invase dalla gentrification non è rimasto un grammo di sottocultura. Nessun alloggio economico, nessun dormitorio, nessun appartamento. Se vivo qui non è soltanto per l’eccitazione, l’attaccamento o l’affetto particolare che provo per la capitale tedesco. Berlino è una delle ultime città veramente eccitanti al mondo in cui la vita continua ad avere un costo accessibile».

Fotografia come testimonianza

«Immagino di essere un testimone del tempo. Il testimone di una sottocultura alternativa che sta lentamente scomparendo o si sta trasformando in qualcos’altro che non posso prevedere. lI testimone di alcune tra le maggiori crisi e di alcuni tra i più grandi cambiamenti della contemporaneità, come New York prima e dopo l’AIDS, Berlino prima e dopo la guerra, Kiev prima e dopo la rivoluzione. Il testimone della sofferenza del mondo e della crescente miseria che lo tormenta. Ma anche nelle grandi congiunture storiche mi soffermo sempre sulla situazione singola, sull’individuo. La mia fotografia suscita domande ed emozioni, ma non dà mai risposte. La fotografia può essere uno strumento contro l’ignoranza, la disinformazione, la propaganda e le bugie oppure può servire ai loro fini».

La fotografia nell’era social

«Negli ultimi anni è avvenuto un grande cambiamento nel mondo della fotografia. In passato era una cosa intima, la relazione tra il fotografo e i suoi soggetti era qualcosa di privato e di segreto. Nessuno vedeva l’immagine prima che fosse sviluppata e nessuno si aspettava di comparire nei giornali o in televisione. Da quando tutti hanno un fottuto smartphone, milioni di immagini sono state caricate su internet. E tutti quelli che fotografo vogliono essere rappresentati a modo loro oppure per niente. Tutti sono sospettosi nei confronti del fotografo. Tutti si mettono in posa. Ognuna delle mie foto ha la sua storia. Non so mai che cosa sto per incontrare in strada o a casa di qualcuno, in un club o nella metropolitana. Sono sempre pronto ad accogliere quella variabile che rende il mio lavoro imprevedibile. Non ho pregiudizi o riserve morali».

La seguente galleria include fotografie scattate a Berlino da Miron Zownir tra il 1979 e il 2016, apparse nel suo libro Berlin Noir, di recente pubblicazione.

Miron Zownir
1. © Miron Zownir 1980
Miron Zownir
2. © Miron Zownir 1980
Miron Zownir
3. © Miron Zownir 1980
Miron Zownir
4. © Miron Zownir 1980
Miron Zownir
5. © Miron Zownir 2012
Miron Zownir
6. © Miron Zownir 2012
Miron Zownir
7. © Miron Zownir 2000
Miron Zownir
8. © Miron Zownir 1997
Miron Zownir
9. © Miron Zownir 1979
Miron Zownir
10. Iggy Pop © Miron Zownir 1980
Miron Zownir
11. © Miron Zownir 1980
Miron Zownir
12. © Miron Zownir 1980
Miron Zownir
13. © Miron Zownir 1980
Miron Zownir
14. © Miron Zownir 1980
miron zownir
15. © Miron Zownir 2007
Miron Zownir
16. © Miron Zownir 1980
Miron Zownir
17. © Miron Zownir 1980
Miron Zownir
18. © Miron Zownir 2007
Miron Zownir
19. © Miron Zownir 2008
Miron Zownir
20. King Khan © Miron Zownir 2013
Miron Zownir
21. © Miron Zownir 2013
Miron Zownir
22. © Miron Zownir 2016
miron zownir
Miron Zownir © Miron Zownir

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Tutte le fotografie © Miron Zownir

Immagine di copertina: Berlin 1980 © Miron Zownir

Related Posts

  • 53
    Ecco una lista di dieci cose/luoghi/oggetti/persone che si chiamano Berlin, ma non sono quello che pensate. Berlin (Berlino in italiano) è la capitale della Germania. Ma basta farsi un giro nella pagina di disambiguazione di wikipedia per venire a conoscenza di altri luoghi, oggetti e individui che portano lo stesso…
    Tags: berlin, in, è, si, per, berlino
  • 51
    A seguito del corso di Street Photography tenuto da Anna Agliardi l'anno scorso presso Berlino Magazine, il ristorante Café Aroma Photogalerie (parte del network True Italian) presenta una nuova mostra collettiva, intitolata Photo Reflections e curata da Anna Agliardi e Martina Trabucco, con i lavori dei ragazzi che hanno partecipato allo scorso laboratorio fotografico.…
    Tags: in, berlino, come, per, berlin, è, i, si, photography, fotografia
  • 46
    Scegliere il momento giusto per raccontare un evento o saper scattare una foto perfetta all'aperto, il Corso di Fotografia - Livello Avanzato - di Berlino Schule è anche questo Spesso non è facile scegliere la migliore inquadratura, capire qual è la giusta quantità di luce, tenere il polso ben fermo e…
    Tags: per, in, è, berlino, fotografia, si, come, photography
  • 45
    La bellezza di Berlino, molto spesso, non risiede tanto nei luoghi-simbolo o nei monumenti istituzionali, quanto nell'estetica dei dettagli, negli angoli nascosti, nel fascino postindustriale, nella quotidianità metropolitana eppure non omologata dei suoi abitanti. Che già viviate a Berlino, che stiate progettando di trasferirvi o che semplicemente la vagheggiate da…
    Tags: berlino, è, non, per, i, in, berlin
  • 44
    Una settimana di eventi a Berlino per gli amanti degli spostamenti delle due ruote. A quanto pare la tendenza a inforcare la bicicletta aumenta esponenzialmente all'aumentare della latitudine, anzi potremmo affermare senza esagerazioni di sorta, che diventa sempre più frequente incontrare gente su trabicoli a due ruote man mano che…
    Tags: berlino, per, in, berlin, si, è, non, i, mondo

Leave a Reply