Quattro parole tedesche (e una italiana) di cui non esistono traduzioni

Si intitola Found in Translation ed è un interessantissimo progetto grafico realizzato Anjana Iyer presentato all’interno dell’iniziativa 100 days Project (“Sei un artista? trascorri 100 giorni dedicandoti ad un progetto a cui tieni moltissim”o).

Al centro delle illustrazioni di questa graphic designer neozelandese vi sono parole dal significato così originale che esistono solo in una lingua. Non hanno traduzioni dirette, servono più parole e, magari, come ha fatto lei, anche un bel disegno. . E così la spiegazione pu che, attraverso delle illustrazioni, cerca di spiegare il significato di quelle parole che non hanno traduzione nelle altre lingue.

Giustamente in questa lista appaiono anche alcune parole tedesche. Conoscete una parola capace di rendere il Fernweh tedesco, ovvero la nostalgia per un posto in cui non ci è mai stati? E di Schadenfreude tedesco e cioè “il godere delle disgrazie altrui”? E che dire di quella faccia da schiaffi che in Germania può essere semplicemente menzionata come Backpfeifengesicht? Anche noi abbiamo i boschi, ma sarà perché non abbiamo avuto i Grimm, il desiderio di descrivere la sensazione di trovarsi da soli in mezzo alla boscaglia non l’abbiamo mai definita come i tedeschi con Waldeinsamkeit. Per l’Italia c’è solo una parola, la trovate alla fine dell’articolo. E sorriderete…

 found-in-translation-untranslatable-words-illustrations-anjana-iyer-4

Found in Translation

found-in-translation-untranslatable-words-illustrations-anjana-iyer-3
found-in-translation-untranslatable-words-illustrations-anjana-iyer-7

2d4a4acbcdd0c9b3c789a9b95af7855a

———

 HEADER SCUOLA DI TEDESCO

Andrea D'Addio - Direttore

A Berlino dal 2009, nel 2010 ha fondato Berlino Magazine prima come blog, dopo come magazine. Collabora anche con AGI, Wired, Huffington Post, Repubblica, Io Donna, Tu Style e Panorama scrivendo di politica, economia e cultura, e segue ogni anno da inviato i maggiori festival del cinema di tutto il mondo.

10 Responses to “Quattro parole tedesche (e una italiana) di cui non esistono traduzioni”

  1. elle

    …Schadenfreude è essere sadici ed è una parola….Backpfeifengesicht è faccia da schiaffi solo scritto tutto attaccato…la parola più figa in tedesco è “DOCH” ;-)))

    Rispondi
  2. serena.

    Bella la grafica! ..di chi è?

    elle, per quanto riguarda “doch!” sono assolutamente d’accordo con te! SUPER!

    Rispondi
  3. Monica

    ..e “Gemütlich” e “Kulanz”?

    Rispondi
    • Martina

      credo che le uniche parole con cui si potrebbe tradurre gemütlich sia accogliente/confortevole… se riferito a luoghi almeno…

      Rispondi
  4. Martina

    Credo che la spiegazione fornita del significato di “Fernweh” sia un po’ bizzarra… credo che i tedeschi usino questa parola per esprimere semplicemente la voglia di viaggiare e scoprire posti nuovi. Tradurla come “nostalgia di posti mai visitati” fa proprio pensare che siano matti! Buono a sapersi che gattara è l’unica parola italiana intraducibile in altre lingue! XD

    Rispondi
    • Andrea

      Ciao Martina, mi capita spesso di essere affetto da “fernweh”, e ti assicuro che la traduzione è esatta 🙂

      Rispondi
  5. Ervin

    “Sehnsucht” ?

    Rispondi
  6. Enzo

    Gattara si puó tradurre con die Katzenfrau o Katzenmutter.

    Rispondi

Leave a Reply