«Quell’apatico geniale bibliotecario di Kreuzberg»

Foto di copertina: © Glen Noble, a Library

Il bibliotecario

Sulla Wrangelstrasse, poco prima dell’incrocio con la Oppelner, c’è una minuscola libreria economica che assomiglia a un cunicolo; migliaia di volumi ricoprono le pareti fino al soffitto e altre migliaia sono accatastati l’uno sopra l’altro in alte colonne ad altezza del volto; spesso i titoli in copertina non sono immediatamente visibili e, naturalmente, non esiste un catalogo se non nella mente del proprietario.

Ci si intrufola per uno stretto corridoio fino al banco: con solo pochi passi si attraversano epoche del pensiero umano fino a raggiungere un affabile signore piuttosto apatico, che ogni tanto si lascia sorprendere dal sonno e, seduto al suo posto, schiaccia una pennichella, impedendo così ogni transazione.

Quando è sveglio e lo si interroga, però, dimostra di possedere delle virtù pressoché magiche; la prima volta che gli chiesi un titolo specifico, in quel marasma di tomi, si fermò sovrappensiero per qualche istante, si chinò e estrasse da sotto il banco il libro che gli avevo chiesto, Misteryum Buffo di Majakovskij come se lo avesse avuto tutto il tempo a portata di mano.

Quasi lo stesso ha fatto oggi con la richiesta di Von der Unmoral der Moral di Henry Miller, si è spostato di un passo, ha tolto tre o quattro libri dalla pila sul bancone e me lo ha consegnato senza fare una piega.

Al contrario a me questa performance ha impressionato molto; sono tornato a casa stupefatto, ma ora ho raccolto il coraggio sufficiente per tornare là e sottoporlo a una prova definitiva: gli chiederò Cent Mille Milliards de Poèmes di Raymond Queneau.
Casomai lo avesse e lo trovasse in meno di trenta secondi lo considererò per sempre con infinita ammirazione come una creatura puramente superiore, immersa perfettamente in quell’elemento fluido che, con vaga ingiustizia, chiamiamo conoscenza.

Die Bücherfundgrube in der Wrangelstraße 
Wilmersdorfer Str. 23, 10585 Berlin
aperta dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 19 e il sabato dalle 10 alle 16

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Foto di copertina: © Glen Noble, a Library, BY-SA CC 0.0 

Ismaele Rossi

La vita sgangherata e unica di Carlo a Berlino ti porta nei bassifondi, tra i barboni, i ricchi rampolli decaduti, le mense dei poveri, gli Hartzer che vivono di sussidi, quella Berlino che per molti è cool ma che pochi conoscono davvero

Leave a Reply