Raubdruckerin, l’artista di Berlino che crea magliette utilizzando i tombini delle fognature. Ecco come.

Un’idea originale, facile ed estremamente d’effetto…un timbro che più onesto, rude e underground non si potrebbe!

Ebbene sì, Raubdruckerin è l’artista con base a Berlino che gira l’Europa portando alla gente dei prodotti, che più rappresentativi del posto in cui si trova non potrebbero essere.

Quello in cui consiste l’idea di Raubdruckerin è praticamente usare una vernice particolare che viene spalmata sui tombini della città, del quartiere in cui si trova ed in seguito posarci sopra la maglietta, la borsa o l’indumento di interesse facendo aderire adeguatamente le due superfici…il metodo è tanto facile quanto il risultato totalmente affascinante!

I disegni dei tombini infatti assumono sulle magliette, e sugli altri prodotti, delle sembianze meravigliose: rudi come qualcosa che chiaramente proviene dalla strada, dalla vita quotidiana e al tempo stesso con un fascino underground, un significato e una preziosità unici, che raccontando delle origini di chi le veste.
Un’idea insomma tanto semplice quanto efficace di valorizzare qualcosa che passa usualmente alquanto inosservato come i tombini.

I tombini che sorprendentemente finiscono per rivelare invece un’identità e una particolarità tutta loro, dipendentemente dalla loro dislocazione: è così che per prezzi assolutamente modici si possono comprare i diversi prodotti di Raubdruckerin che porteranno di volta in volta effigi della Torre della Tv di Berlino, dell’elefante simbolo di Catania e tanti altri.

Ogni prodotto è unico e deriva di volta in volta dal diverso gesto artistico e dalla diversa manualità apportata dall’artista nello “stampare” il tombino.

I prodotti sono inoltre realizzati sempre con materiale di provenienza e lavorazione 100% ecologica e in linea con le direttive della Fairwear Foundation.

“Raubdruckerin” significa letteralmente “colei che stampa rubando” e vuole essere un cenno ironico all’abilità dell’artista nel produrre qualcosa di assolutamente originale e accattivante senza realmente “creare” alcunchè, bensì valorizzando in modo intelligente e creativo un aspetto della città e della quotidianità urbana usualmente ignorato dalla gente.

Insomma se cercate qualcosa di veramente underground, beh l’avete trovato…: cos’altro se non un arte, un prodotto che mette al centro dell’attenzione proprio quelle che sono in un certo senso le “porte” ai sotterranei (sotto terra = underground) della città, ossia i tombini?

Emma, l’autrice di questo brand, lavora da molto tempo in diversi progetti come designer dei tessuti ed è la creatrice tra le altre cose della bellissima linea indossata dai componenti della band berlinese “Maurizio Presidente!” di cui abbiamo parlato qualche articolo fa…

è possibile acquistare i prodotti di Raubdruckerin cliccando sulla parola: così si viene reindirizzati al suo online shop.

Per saperne di più è possibile anche visitarne la pagina facebook : www.facebook.com/raubdruckerin

Di seguito invece vi proponiamo un video di una performance dell’artista avvenuta l’estate scorsa ad Amantea in Calabria:
https://www.facebook.com/video.php?v=314228632106006&set=vb.160701204125417&type=2&theater
 

Related Posts

  • 10000
    Due dei simboli di Berlino, ovvero la coppia di graffiti realizzata dallo street-artist italiano Blu sulle facciate di altrettanti palazzi su Cuvrystrasse, a Kreuzberg, sono stati cancellati nella notte tra giovedì 11 e venerdì 12 dicembre. Brothers e Chain, questi i loro nomi, furono realizzati dall'artista marchigiano nel 2007 all'interno della grande…
  • 10000
    Siete in procinto di passare una vacanza a Berlino? Vi ci state per trasferire? Già ci vivete, ma ancora non avete chiaro cosa è bene e cosa non è bene fare? Ecco la lista delle 10 cose da non fare a Berlino 10-Non guidare all’italiana. La macchina qui è inutile,…
  • 10000
    L’Hamburger Bahnhof è uno dei più spettacolari esempi di recupero architettonico della città: considerata la più antica stazione ferroviaria di Berlino (1846), oggi è uno dei musei di Berlino da visitare assolutamente. Il Museo del Presente, all'interno di un'ex stazione ferroviaria, è uno spazio in cui periodicamente vengono allestite mostre…
  • 10000
    Dal libro al teatro. Tutto made in Berlin, seppure autrice, regista ed interprete siano italiani. Dal 25 al al 27 settembre 2015 torna dopo la prima serie di rappresentazioni del dicembre 2014 Grillen im Kopf (traduzione Grilli per la testa) spettacolo ispirato al libro L'Orologio è Rotto della scrittrice Nora Cavaccini…
  • 10000
    Mercati di Natale, luci, colori, vin brulè e temperature sotto zero: il mese di dicembre a Berlino è questo e tanto altro. Ecco cosa fare a dicembre 2014 a Berlino, tutti gli eventi da non perdere. Mostre La mostra permanente WESTEN! che racconta la storia dei quartieri di Charlottenburg e…

Carlo Barbini

Musicista, cantautore, studente di Biologia Molecolare alla Humboldt Universitaet, amante della scrittura, del cinema, tanto innamorato della propria Venezia, quanto attratto dalla Grande Mela e sempre assetato di novità, viaggi e spritz!

Leave a Reply