Berlino Nascosta: a Schöneweide il centro per le arti curato dai Moving Poets

Schöneweide, nel distretto di Treptower-Köpenick è stato per anni, prima del crollo del Muro, un quartiere industriale e operaio. Oggi è al centro di tanti progetti di riqualificazione.

Alcuni tra questi sono progetti artistici e festival, che in alcuni periodi dell’anno richiamano nelle due zone di Oberschöneweide e Niederschöneweide (in cui è diviso il quartiere di Schöneweide) tanti artisti e musicisti. Uno dei progetti ha dato vita a un centro fisso per le arti internazionali curato dal gruppo MoBe -Moving Poets Berlin.

Il passato del quartiere

La storia del distretto di Schöneweide è fortemente connessa con la quella del gruppo AEG, Società Generale di Elettricità, per la quale l’architetto P. Behrens, a fine ‘800, progettò imponenti edifici produttivi sulla Wilhelminenhofstraße, dando vita al nuovo quartiere industriale e operaio.

Con la fine della DDR questa zona va mano mano perdendo la forte valenza industriale originale, ma gli edifici, con le facciate in mattoni rossi e gialli, creano tutt’oggi  un paesaggio molto affascinante.

I progetti di riqualificazione

Da diversi anni e con molto impegno la città punta a dar nuova immagine al quartiere, anche se la natura e le dimensioni degli edifici rendono l’operazione di non facile gestione. Rendere accattivante un’area periferica è sempre una sfida a tutti gli effetti.

Si punta sull’arte: con il festival Kunst am Spreeknie, organizzato ogni anno e il cui ultimo appuntamento è stato a maggio 2017, Schöneweide è diventato un “luogo culturale” riunendo ben 400 tra artisti e creativi. Mostre, concerti, spettacoli e visite d’arte, tutto per invogliare la città a scoprire questo quartiere poco conosciuto. Qualche anno fa, dal Kunst am Spreeknie è nato un luogo permanentemente dedicato all’arte.

Nel contesto del festival del 2014, infatti, il curatore John Power, direttore della galleria G11 (che si trova nella Funkhaus di Nalepastraße) ha organizzato un’interessante collettiva in una delle sale macchina dell’ex sottostazione elettrica; un’occasione unica per gli amanti dell’archeologia industriale e per i curiosi, visto che queste strutture sono solitamente inutilizzate e chiuse al pubblico.

In quella circostanza è stato deciso che la storica villa Hasselwerde, lungo la Sprea,  è sede permanente del progetto NOVILLA, un centro per le arti internazionali curato dal gruppo MoBe -Moving Poets Berlin.

Moving Poets

Moving Poets è una comunità di artisti internazionali provenienti da diversi background. L’obiettivo è quello di fornire ad artisti di vari interessi, culture ed età l’opportunità di confrontarsi, conoscersi e trarre ispirazione dalla collettività creata in un posto comune. Attraverso forme artistiche diverse, come danza, musica, teatro, arti visuali e multimediali, si affrontano questioni e temi provenienti dalla letteratura e le arti di tutto il mondo.

Moving Poets è stato fondato a Charlotte, negli Stati Uniti, nel 1996. Nel giugno 2011 il progetto si è spostato in Germania e ha creato un contesto culturalmente interessante nel quartiere di Schöneweide, dove organizza tuttora performances, concerti, esibizioni d’arte e workshops in discipline differenti. Alla guida dell’organizzazione c’è la coppia di artisti MyLoan Dinh e Till Schmidt-Rimpler.

Di certo la trasformazione di un’area così ampia non sarà semplice e i benefici di questo tipo di operazioni non saranno decisivi se non saranno supportati anche dalla comunità cittadina, ma puntare sull’arte e la cultura è di certo un tentativo che in una città come Berlino potrebbe, forse, ancora, portare ad un risultato…

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Foto: Dario Laganà | Blog: Elephant in Berlin

ricerche a cura di: Z. Munizza, responsabile del progetto Berlino Explorer che organizza periodicamente esplorazioni urbane.

Related Posts

  • 44
    di Isotta Ricci Bitti «No, no, non ci sto più insieme. Litighiamo come cane e gatto, quindi sono venuto qua perché tanto in Sardegna non c’è niente da fare. Quella si aspetta che mantenga lei e il bambino, ma io lo so che è a casa di sua mamma a…
    Tags: è, non, in, si, berlino, per, fuori
  • 41
    Al riparo dal caos e dal rumore del traffico, di fronte alla stazione centrale Hauptbhanhof, circondato da alte mura in una piccola oasi di tranquillità, si trova uno storico luogo della memoria: il parco didattico Geschichtspark Ehemaliges Zellengefängnis, nell’area in cui sorgeva l'antico carcere prussiano. La struttura Le ex-prigioni modello…
    Tags: in, è, per, si, berlino, nel, nascosta
  • 37
    Tra i tanti luoghi abbandonati o nascosti di Berlino ce n'è uno con una storia così unica che sarebbe degno da solo di un film .L’ex ambasciata irakena di Berlino Est su Tschaikowskistraße 51 è ormai un brutto edificio della zona di Pankow (un’area che, prima della caduta del muro, era…
    Tags: berlino, è, si, in, nel, non, per, nascosta
  • 37
    Siete in procinto di passare una vacanza a Berlino? Vi ci state per trasferire? Già ci vivete, ma ancora non avete chiaro cosa è bene e cosa non è bene fare? Ecco la lista delle 10 cose da non fare a Berlino Una breve guida per raccontarvi quali sono le…
    Tags: non, è, si, per, in, berlino
  • 35
    Marie, un’area gioco per i più piccoli e un’isola felice per le mamme nel cuore di Prenzlauer Berg "Ein Platz für die Marie" è un interessante, e riuscito, progetto di pianificazione partecipata realizzato nel Winsstraßenviertel, area residenziale di Prenzlauer Berg. Questo è un quartiere in cui, dopo la caduta del…
    Tags: per, è, quartiere, in, berlino, nel, nascosta

Zuleika Munizza

Zuleika Munizza responsabile del progetto di ricerca Berlino Explorer, presenta e racconta Berlino attraverso la sua storia e le sue trasformazioni, da un punto di vista architettonico e sociale.

One Response to “Berlino Nascosta: a Schöneweide il centro per le arti curato dai Moving Poets”

  1. Schöneweide un centro per l'arte - Berlino Explorer

    […] Articolo pubblicato nella sezione Berlino Nascosta del Magazine Berlino Cacio e […]

    Rispondi

Leave a Reply