Settimo Bezirk, una delle zone più belle e vive di Vienna. Ecco dove dormire

Settimo Bezirk

Voglia di evadere per un weekend? Vienna è la capitale perfetta, che si lascia visitare in pochi giorni grazie alle brevi distanze e offre davvero di tutto, dai musei stupendi dell’espressionismo austriaco, ai castelli imperiali, alle bellissime passeggiate tra negozi di design, parchi e caffè d’altri tempi. Questo ultimo profilo della città si lascia scoprire al meglio sostando nella zona del Settimo Bezirk – Neubau, leggermente ad est del centro. Da qui infatti si può raggiungere il centralissimo Museumsquartier (quartiere dei musei) e Hofburg (l’insieme delle monumentali residenze asburgiche) a piedi, attraversando strade contornate da palazzi eleganti, caffè letterari, gallerie d’arte e di design, che di sera diventano centro della vita notturna con numerosi bar e locali alla moda.

Un hotel che si trova proprio in questa zona, e collegato benissimo perché a due passi da due fermate di due linee della metro diverse (Burgasse-Stadhalle sulla U6 e Westbahnhof sulla U3), è Arcotel Wimberger. Questo albergo della grande catena Arcotel è presente a Vienna anche con un’altra struttura, il Kaiserwasser, che si trova però a nord un po’ più lontano dal centro, vicino al Danubio. Il Wimberger si affaccia invece imponente su una strada principale, facilmente riconoscibile da lontano per le numerose bandiere che lo sormontano. Una volta entrati scoprirete una hall elegante e luminosissima, perché si apre su un cortile interno ricco di piante dove è possibile rilassarsi ad uno dei tavolini in legno.

Al piano terra si trova la sala per le ricchissime colazioni, che uniscono dolci, croissants, una selezione di ottime marmellate, formaggi e salumi, fino a piatti salati caldi. L’hotel ha anche un ristorante di altissimo livello specializzato in cucina vegana (in questo periodo dell’anno particolarmente amati gli asparagi), che ogni domenica organizza un Jazz Brunch, ovvero un brunch dove è possibile durante il pasto ascoltare performance jazz dal vivo.

Le camere sono ovviamente molto belle e godono di tutti i comfort di un hotel a 4 stelle. La struttura ha anche ben dieci sale conferenza per organizzare congressi ma anche eventi privati come cocktail e buffet. Tuttavia il fiore all’occhiello di questo albergo è un’altro: al settimo piano si trova l’area Fitness/Wellness, una vera e propria palestra e spa. Godendo della bellissima vista da attico su Vienna potrete allenarvi su tapis roulant e cyclette, per poi rilassarvi nelle sale bagno turco e sauna e infine farvi un bagno nella bellissima piscina idromassaggio. Nei mesi più caldi e soleggiati (Vienna è calda come città, al momento ci sono più di 30 gradi) potrete anche prendere il sole sulla terrazza adiacente.

WELLNESS

Arcotel Wimberger

Neubaugürtel 34-36, 1070 Vienna, Austria
Telefono: +43 1 521650

Foto copertina © Gregor Kobelkoff CC BY SA 2.0

Foto articolo © Arcotel

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Related Posts

  • 10000
    No, questo non è uno di quei design-hotel alla moda... piuttosto un pianeta privato, basato tutto sul gusto del suo inventore. qui niente è stato comperato, ogni costruzione è un pezzo unico. tutto è vero e tutto ha una sua funzione, niente è falso, niente è decorazione nuda. nessuna plastica…
  • 10000
    Un bar per tre mesi. E poi basta, o meglio, il bar rimane, ma arredamento, offerta di drink e gastronomica cambiano completamento. Nuovo concept, nuovo menù. È l'idea alla base dei pop-up bar (che in alcuni casi sono store): funzionano se sono originali e vengono percepiti come qualcosa di unico,…
  • 10000
    Se si visita Lisbona, anche per pochi giorni, non si può non andare a Belém, a circa un quarto d'ora di metropolitana di superficie verso Est. Un monastero enorme e bellissimo, una torre sull'acqua che toglie il fiato, la pasticceria più famosa della capitale per gustare i tipici dolcetti portoghesi...…
  • 10000
    Berlino è splendida, ma se si ha modo di fare una gita fuori porta, il primo luogo da raggiungere è senza dubbio Dresda. E, accanto a Dresda, c'è un'altra zona che vale la pena visitare: la Svizzera sassone, un'area montuosa splendida per i suoi panorami montuosi e castelli. Varrebbe la pena…
  • 10000
    di Claudia Panzavecchia* Nell'ultimo anno i media ci hanno infarcito la testolina con questa diatriba, che all'inizio faceva sorridere, ma adesso anche no, ovvero: Lipsia è la nuova Berlino?. Ci si sono messi proprio tutti: Der Spiegel, Stuttgarter Zeitung, the Guardian, Berliner Zeitung, Zeit online, Il Post (solo per citarne…

Paco Romito

Barese e fiero figlio degli anni 80, non porto spalline e capelli cotonati ma chiedetemi il titolo di qualche film o telefilm (all'epoca non si chiamavano ancora SERIE) di quegli anni e non solo annuirò compiaciuto, vi canticchierò anche la sigla. Ho giocato per 10 anni a football americano, non è rugby, anticipo la domanda. Uno sport che mi ha insegnato moltissimo sul lavoro di squadra e sul sacrificio ma anche sul fatto che i quarterback cuccano solo negli USA. Sono a Berlino da gennaio 2015 e intendo restarci.

Leave a Reply