Sony World Photography Awards, a Berlino la mostra è gratis

Dodici mesi per andare in giro per il mondo con una macchinetta fotografica al seguito e scattare fotografie. Dodici mesi per scegliere l’immagine che farà il giro del mondo premiata alla competizione di fotografia più importante, al mondo. Stiamo parlando dei Sony World Photography Awards che nel 2017 spegneranno le dieci candeline per festeggiare il premio che da nove anni l’Organizzazione Mondiale della Fotografia, supportata dalla multinazionale giapponese Sony, organizza.

© Kajan Madrasmail,
© Kajan Madrasmail,

La mostra. Oltre 230 mila le foto pervenute all’organizzazione nell’edizione del 2016, arrivate da 186 paesi diversi; le 200 vincitrici, premiate a Londra lo scorso 21 aprile e dopo essere state esposte proprio nella capitale britannica presso la Somerset House fino all’8 maggio, saranno visibili per tutta l’estate a Berlino. La mostra, dal titolo Sony World Photography Awards, è infatti visitabile fino al 25 settembre 2016 presso la Willy-Brandt-Haus. Un’opportunità per vedere il talento fotografico dei migliori fotografi contemporanei sotto diverse sfumature e livelli, generi e aree di interesse.

© Burak Åenbak,
© Burak Åenbak,

Le sezioni. “National Awards”, “Professional Art”, “Professional Documentary”, “Open”, “Student Focus” e “Youth”, sono queste le competizioni alle quali i fotografi hanno potuto partecipare, ognuna composta da svariate categorie e generi, dalla cultura, l’ambiente e i ritratti ai documentari, l’architettura, il viaggio, la natura e il sorriso.

131020330704893688_3595448k
© Abhijit Banerjee

I premi. Aperto a tutti, i “National Awards” hanno coinvolto lavori di fotografi provenienti da 60 paesi diversi, dall’Australia all’Argentina, dalla Russia al Vietnam, ricevendo nuove attrezzature targate Sony per dare loro la possibilità di continuare i loro viaggi alla ricerca dello scatto perfetto. Sono state invece oltre 127 mila le foto che l’Organizzazione Mondiale della Fotografia ha ricevuto per la competizione “Professional”, da sempre vetrina importante per altri prestigiosi premi di fotografia, come l”Iris d’Or Photographer of the Year Prize’. Quattordici le categorie suddivise in due generi diversi, l’arte e il documentario, con novità rispetto all’anno passato come ‘vita quotidiana’ e ‘ambiente’. “La fotografia è un duplice talento. Combina un’arte concettuale con conoscenze tecniche, e con gli avanzamenti tecnologici sempre in miglioramento è accessibile a tutti”; sono queste le parole di Jael Marschner, presidente della giuria della competizione “Open”. I singoli scatti sono stati scelti tra quasi cento mila, da giocatori di rugby a ballerine fluttuanti, un orso polare appena uscito dall’acqua o una foresta giapponese illuminata. Immancabili i premi dedicati ai giovani fotografi, “Youth” e “Student Focus” entrambi mirati a far conoscere giovani talenti compresi studenti di fotografia al quale è stato chiesto di lavorare ad un singolo scatto che rappresentasse la generazione Millennials.

© Salvo Bombara, Italy, Shortlist, Open, Enhanced, 2016 Sony World Photography Awards
© Salvo Bombara

Gli italiani vincitori. Enrico Finotti Re, Salvo Bombara, Francesco Amorosino, Cristina Vatielli, Alberto Alicata, Marcello Bonfanti, Christian Massari, Andrea Rossato, Alberto Polonara, Alessandro D’Angelo, Simona Ghizzoni. Questi i nomi dei fotografi italiani, vincitori in tutte le categorie e premi. C’è il ‘Pomodoro Migrante’ di Amorosino che cela le storie di chi lo scorso anno è morto per le alte temperature raccogliendo la pianta, ci sono ‘Le donne di Picasso’, un progetto di Cristina Vatielli che comprende sette scatti, ognuno rappresentante una delle donne più influenti nella vita sentimentale ed artistica di Pablo Picasso. E ancora, l’icona Barbie di Alberto Licata, quasi fosse una modella di LaChapelle, ‘I sopravvissuti all’Ebola’ di Marcello Bonfanti. Ogni scatto di ispirazione per i colleghi, coinvolgimento ed emozione per i visitatori.

© Miriam Strong
© Miriam Strong

Aspettando l’edizione del 2017. A partire dal febbraio del 2017 saranno annunciati i vincitori della decima edizione dei Sony World Photography Awards, aperti a tutti con nuove categorie e alla ricerca del migliore fotografo della Gran Bretagna. In attesa di celebrare il decimo anniversario del prestigioso premio e di vedere le nuove fotografie vincitrici, grazie a ‘theprintspace‘ è possibile ordinare dal sito lo scatto che è piaciuto di più e farlo arrivare direttamente a casa propria.

Sony World Photography Awards

Fino al 25 settembre 2016
Da martedì a domenica dalle ore 12 alle ore 18

Presso la Willy Brandt Haus
Wilhelmstraße 140, 10963 Berlino

Ingresso Gratuito

banner3okok (1)

Foto copertina © Khairel Anuar Che Ani, Burak Åenbak, Miriam Strong, Kajan Madrasmail, Abhijit Banerjee 2016 Sony World Photography Awards

Maria Michela D'Alessandro

Nata a Roma nel lontano '93, è laureata in comunicazione con una tesi sulla semiotica dei musei. Attualmente vive tra Berlino e San Pietroburgo dove frequenta una doppia laurea in giornalismo internazionale. Giornalista pubblicista, scrive di arte e cultura. Ama le mostre, i musei, la radio, l'As Roma e la neve.

Leave a Reply