Startup Safary, la due giorni per scoprire tutti i segreti delle start-up di Berlino

Come si sviluppa una app? Come si crea un marchio? Quali sono i lati negativi del lavoro in una start-up? Questi e molti altri i temi che verranno affrontati giovedì 13 e venerdì 14 ottobre a Berlino in occasione di Startup Safary, evento che darà a tutti gli interessati la possibilità di esplorare l’immenso panorama delle start-up berlinesi da una posizione privilegiata. L’evento si svolge da stamattina in varie location, disseminate per tutta la città: le aziende partecipanti apriranno le loro porte al pubblico per mostrare chi sono, come funziona il loro lavoro, di cosa si occupano esattamente. L’obiettivo dell’evento è dare l’opportunità di comprendere meglio l’ecosistema delle start-up a Berlino, ed è quindi u’occasione da non perdere per gli investitori, per i semplici curiosi e per gli aspiranti startupper.

Cos’è una start-up. In inglese start up significa “avviare”. In economia con il termine start-up si identifica un’impresa con una forma di organizzazione flessibile. Da qualche anno questa parola si è fatta prepotentemente largo nelle nostre vite: sulla scia delle esperienze americane della Silicon Valley e di New York, sono sempre di più i giovani che decidono di non aspettare di trovare un lavoro ma di crearselo da soli con l’idea giusta.

Scoprire le start-up berlinesi. Uno dei luoghi in cui si parla tanto di start-up è proprio Berlino. Nella capitale tedesca ne sono nate tantissime, attirando giovani imprenditori, creativi e investitori pronti a finanziare i progetti dei nuovi Mark Zuckerberg e Steve Jobs. Tra le start-up berlinesi, alcune hanno avuto molto successo realizzando fatturati da capogiro in pochi anni: Soundcloud, Zalando, ResearchGate, Hellofresh, Number26, Lieferando solo alcune delle più famose. Ma l’elenco sarebbe in realtà molto più lungo.

13895173_1580197788941680_4649834327583124864_n

 

Startup Safary

Quando: Dal 13 al 14 ottobre 2016

Dove: varie location, le trovate qui insieme al programma

Biglietti: Da 39 a 350 euro

Sito internet

banner3okok-1-1024x107 (1)

Ilaria Porru

Classe 1993, sarda. E’ laureata in Lingue e Comunicazioni presso l’Università degli Studi di Cagliari. Viaggiatrice per natura, durante il suo corso di studi ha incontrato la Turchia, Paese che le ruba il cuore e da cui non riesce più a separarsi.

Leave a Reply