Strage di Berlino, sarebbero tre gli italiani coinvolti nell’attentato

Berlino. Sarebbero tre gli italiani coinvolti nell’attentato di ieri sera a Breitscheidplatz. Due solo lievemente feriti.

Fabrizia Di Lorenzo, 31enne di Sulmona a Berlino dal 2013, compariva nella lista dei dispersi già da questa mattina. Il suo cellulare sarebbe stato ritrovato nelle vicinanze del luogo della strage da un ragazzo che lo ha poi consegnato alla polizia. Fabrizia, che lavora come Transport Specialist presso la 4Flow AG, un’azienda di logistica, oggi non si è recata in ufficio. L’azienda, contattata telefonicamente, non ha rilasciato dichiarazioni in quanto non autorizzata. Nelle scorse ore sua cugina ha lanciato un appello su Twitter. Durante la notte la famiglia è stata contattata dalla Farnesina e la madre e il fratello sono partiti immediatamente per Berlino. Il papà, Gaetano Di Lorenzo, ha detto a Repubblica che la famiglia è in attesa dell’esito degli esami del DNA, ma che già stanotte all’una e mezza aveva capito “che era finita”.

Originaria di Sulmona, Fabrizia si era trasferita a Berlino nel 2013. Nella capitale tedesca ha lavorato anche per Bosch tra il 2013 e il 2014, dopo essersi laureata in Relazioni internazionali e diplomatiche all’Università di Bologna e in Mediazione Linguistico-culturale presso La Sapienza di Roma. In passato ha scritto per diverse riviste di geopolitica tra cui l’IsAG, l’Istituto di Alti Studi in Geopolitica. Nel 2014 ha brevemente collaborato con Berlino Magazine.

Non si hanno notizie invece riguardo l’identità degli altri due italiani coinvolti, probabilmente turisti. Dovrebbero essere rimasti feriti solo lievemente, uno dei due già dimesso.

Related Posts

  • Un'interessante iniziativa dedicata agli italiani che si stanno facendo valere all'estero. L’Ambasciata d’Italia a Berlino è lieta di presentare il Premio istituito dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale (MAECI) per valorizzare gli italiani che, all’estero, si dedicano con successo alla ricerca e all’innovazione. Il Premio si articola…
  • di Marianna Usai Berlino è una finestra spalancata sulla testa di una donna. Basta sporgersi un po’ e la compostezza di Monbijouplatz, diventa un filo tra un balconcino e l’altro e panni tesi ad asciugare, saturi del colore che fa la stoffa quando ancora è bagnata. Così, ci entri in…
  • di Claudia Panzavecchia* Nell'ultimo anno i media ci hanno infarcito la testolina con questa diatriba, che all'inizio faceva sorridere, ma adesso anche no, ovvero: Lipsia è la nuova Berlino?. Ci si sono messi proprio tutti: Der Spiegel, Stuttgarter Zeitung, the Guardian, Berliner Zeitung, Zeit online, Il Post (solo per citarne…
  • A due giorni dall'attacco che ha colpito Berlino la sera di lunedì 19 dicembre, le forze dell'ordine sono sulle tracce di un nuovo sospettato. Il bilancio delle vittime rimane fermo a 12. Disperse l'italiana Fabrizia Di Lorenzo e apparentemente una donna di nazionalità israeliana. Dall'autopsia effettuata sul corpo dell'autista polacco…
  • Berlino ricorda le vittime dell'attentato di Nizza con una messa ecumenica celebrata al Duomo. «Dopo i terribili eventi di giovedì scorso dobbiamo dare spazio all'elaborazione del lutto, al dolore, alla memoria» ha dichiarato il sindaco della capitale Michael Müller. La funzione religiosa, che si è tenuta oggi a partire dalle 13, è stata…

Leave a Reply