“Te…lasciarti essere te” poesia di Erich Fried che ci invita a vivere l’amore con gli occhi dell’altro

Foto di copertina: © Annette Sousa, Sleep on it, BY-SA CC 0.0

Erich Fried e la sua bellissima poesia intitolata Te, dedicata all’accettazione dell’essenza della persona amata.

Chi ama solo una metà / non ti ama a metà / ma per nulla 

Sono questi alcuni versi della travolgente poesia scritta da Erich Fried. Il poeta austriaco dedica il componimento non solo al sentimento amoroso, ma specialmente all’accettazione dell’altro che questo comporta. Amare infatti implica il rispetto dell’altro, come anche permettere che la persona che amiamo sia sé stessa, nel bene e nel male. Sono questi i presupposti di una relazione autentica per Erich Fried. Altrimenti l’amore altro non sarebbe che “mutilare” e “ritagliare” l’altro, solo per le nostre egoistiche esigenze. Lo stesso William Shakespeare, per esempio, nel suo celebre sonetto numero 116 scrisse: “Amore non è amore se muta quando scopre un mutamento / o tende a svanire quando l’altro si allontana. Amore / è un faro sempre fisso che sovrasta la tempesta e non vacilla mai […] Amore non muta in poche ore o settimane / ma impavido resiste al giorno estremo del giudizio”. Purtroppo non è stato possibile risalire all’autore/ice della traduzione italiana che qui riportiamo.

Erich Fried, Te

Te
lasciarti essere te
tutta intera
Vedere
che tu sei tu solo
se sei
tutto ciò che sei
la tenerezza
e la furia
quel che vuole sottrarsi
e quel che vuole aderire
Chi ama solo una metà
non ti ama a metà
ma per nulla
ti vuole ritagliare a misura
amputare
mutilare
Lasciarti essere te
è difficile o facile?
Non dipende da quanta
intenzione e saggezza
ma da quanto amore e quanta
aperta nostalgia di tutto –
di tutto
quel che tu sei
Del calore
e del freddo
della bontà
e della protervia
della tua volontà
e irritazione
di ogni tuo gesto
della tua ritrosia
incostanza
costanza
Allora
questo
lasciarti essere te
non è forse
così difficile 

Erich Fried, Dich

Dich
dich sein lassen
ganz dich

Sehen
dass du nur du bist
wenn du alles bist
was du bist
das Zarte
und das Wilde
das was sich losreißen
und das was sich anschmiegen will

Wer nur die Hälfte liebt
der liebt dich nicht halb
sondern gar nicht
der will dich zurechtschneiden
amputieren
verstümmeln

Dich dich sein lassen
ob das schwer oder leicht ist?
Es kommt nicht darauf an mit wieviel
Vorbedacht und Verstand
sondern mit wieviel Liebe und mit wieviel
offener Sehnsucht nach allem –
nach allem
was du ist

Nach der Wärme
und nach der Kälte
nach der Güte
und nach dem Starrsinn
nach deinem Willen
und deinem Unwillen
nach jeder deiner Gebärden
nach deiner Ungebärdigkeit
Unstetigkeit
Stetigkeit

Dann
ist dieses
dich dich sein lassen
vielleicht
gar nicht so schwer. 

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Foto di copertina: © Annette Sousa, Sleep on it, BY-SA CC 0.0.

Leave a Reply