Belgio, test del Dna rivelano origini ebraiche ed africane per Hitler. Non era un ariano.

La notizia arriva da uno studio belga pubblicato sulla rivista Knack: test del Dna condotti sulla famiglia di Adolf Hitler rivelano la presenza dell’aplogruppo (gruppo di cromosomi) E1b1b, molto raro sia tra i tedeschi che tra gli europei occidentali in generale. Si tratta di un’impronta genetica comune in Grecia e in Sicilia (l’hanno il 25% della popolazione) e ancor di più in Nordafrica (l’hanno l’80% dei somali e più della metà dei nordafricani) tra gli ebrei Ashkenazi, di cui è il secondo più comune.

Insomma, per quanto il Führer si battesse – o meglio – facesse battere al posto suo – per la razza ariana, le sue origini erano più che mai miste. “I risultati dello studio sono sorprendenti” ha dichiarato il professore Ronny Decorte, esperto di genetica all’Università di Leuven, “Hitler non ne sarebbe contento. Non ci sono dubbi. Per la scienza, oggigiorno, non esiste nessun tipo puro né esiste la possibilità di mettere a punto programmi che la preservino”.

La ricerca del Dna su cui fare ricerche è stata condotta dal giornalista Jean Paul Mulders che per l’occasione ha raggiunto vari parenti e discendenti della famiglia di Hitler che oggigiorno vivono in Austria e Stati Uniti. Il suo prossimo obiettivo è riuscire a far analizzare la mandibola di Hitler custodita negli archivi di Mosca raccolta dall’esercito russo nel bunker in cui il dittatore si suicidò. Sarebbe anche l’occasione per mettere fine alle leggenda del suo falso suicido. Al momento le autorità russe negano i permessi necessari.

Foto di copertina: Hitler-Attentat vom 20. Juli 1944 © Unknown CC BY-SA 3.0 DE

Related Posts

  • Amburgo 13 giugno 1936. Durante le celebrazioni per il varo del vascello Horst Wessel un uomo nella folla si rifiuta di alzare il suo braccio per il saluto nazista. Quell’uomo è August Landmesser, che all'epoca aveva una relazione con una donna ebrea con cui aveva messo al mondo un bambino…
  • Vi capita mai di tornare sui vostri passi? Di lanciare il sasso con mano noncurante per poi stupirvi del vostro gesto? È quello che è capitato a noi, scrivendo la recensione di La gemella H., ultima fatica letteraria di Giorgio Falco. Sarà che scrivere impone un momento di riflessione pre-durante-post.…
  • È sempre difficile raccontare un amore, ancora più arduo se ha le tinte dolenti del ricordo e del distacco. Soprattutto quando l'esilio volontario si trasforma in una scelta civile obbligata per affermare la propria libertà artistica e intellettuale, oltre alla presa di posizione risoluta contro una delle più abiette dittature…
  • “Nessuno può uccidere le idee”: nel 1933 sono invece state proprio le idee, nella loro forma scritta, a essere state vittime di un tristemente noto massacro a opera dei nazisti. È il rogo dei libri la pietra miliare della efferata lotta censoria della dittatura hitleriana. Uno sterminio utile a terrorizzare…
  • C'è anche un quadro di Adolf Hitler tra le 200 opere esposte nel Museo di Salò nell'ambito della mostra Museo della Follia. Da Goya a Bacon. La mostra ospitata dal Museo di Salò (Brescia) e curata da Vittorio Sgarbi porta in Italia un quadro del dittatore tedesco Adolf Hitler. Mai…

One Response to “Belgio, test del Dna rivelano origini ebraiche ed africane per Hitler. Non era un ariano.”

  1. ranio

    Le origini non ariane di Hitler non sono affatto una novità e neppure è una notizia che le dicerie che circolano da sempre, legate alle sue ascendenze illegittime, siano state confermate dal DNA ottenuto sai suoi parenti. Che notizia è?

    Rispondi

Leave a Reply