Da un’esperienza berlinese il nuovo libro di Elisa Talentino

Elisa Talentino è un’artista torinese che si occupa di pittura, illustrazione e grafica d’arte. Nel 2015, nell’ambito della rassegna “Torino incontra Berlino”, ha realizzato, con il patrocinio della Città di Torino e la curatela del Goethe-Insitut Turin una mostra allestita nei portici della splendida Piazza San Carlo. Le illustrazioni sono state realizzate a seguito di un periodo di tre settimane, che Elisa ha potuto trascorrere nella la capitale tedesca, grazie a una residenza d’artista.

Da questa esperienza è nato un progetto editoriale; La grande illusion editore ha pubblicato un libro dal titolo Metamorphosis composto dalle illustrazioni di Elisa accompagnate dalle poesie di Mariagiorgia Ulbar.

Abbiamo incontrato Elisa nel suo Atelier torinese, per farci raccontare meglio questa esperienza.

Quando hai visitato Berlino per la prima volta?

Nel 2008 ho deciso di andare a Berlino per approfondire la conoscenza degli studi di grafica, dato che in Italia è molto più complicato ottenere il sostegno economico necessario a produrre i propri lavori. L’impatto con la realtà culturale berlinese è stato ottimo e, quando si è presentata la possibilità di ritornare, ne sono stata felice.

Berlino è considerata un punto di riferimento per gli artisti, emergenti e non, anche se ormai molti guardano con preoccupazione al futuro, tra aumento degli affitti, gentrification e la crescita dei partiti nazionalisti e xenofobi che ha interessato anche una città multi-kulti come la capitale tedesca. Qual è la tua opinione?

Nel mio caso Berlino è stata importante, ma l’artista deve avere la capacità di esprimersi dovunque; l’ispirazione dipende dalla propria volontà, capacità e sensibilità, i modi e i luoghi con i quali si decide di ricercarla sono solo strumenti a nostra disposizione. Per quanto riguarda i cambiamenti che la città sta subendo non mi preoccuperei troppo. La forza di Berlino è proprio la sua capacità di trasformarsi e di certo non smetterà di farlo; sono sicura che saprà mantenere la propria unicità.

Qual è, secondo te, l’aspetto più berlinese di Torino e quello più torinese di Berlino?

Penso che Torino si stia “berlinizzando”, e ne sono felice. La riconversione di vecchi edifici industriali in locali e centri d’aggregazione culturale, l’importanza data alla vita di quartiere e l’attenzione per i giovani, nonostante la risi e le difficoltà si respira un’aria positiva in città. Di Berlino mi ha colpito l’eleganza, non solo dei luoghi più tipicamente turistici o storici, ma anche di scorci più particolari e insospettabili. Ecco, forse è propria questa eleganza che mi ricorda Torino. Apparentemente sono due città molto diverse, ma l’occhio più attento nota facilmente questo filo conduttore.

 

banner3okok (1)

Related Posts

  • 50
    In occasione del terzo appuntamento del ciclo di eventi L'ambasciata incontra..., organizzato dall'Ambasciata Italiana a Berlino e dall'associazione non profit Peninsula e.V., si parlerà d'arte italiana contemporanea nel panorama berlinese. Ospiti dell'evento saranno tre figure attive in ambito artistico nella capitale tedesca: Elena Agudio, storica dell'arte e curatrice, Luca Trevisani, artista, e…
    Tags: l, berlino, in, è, arte, per, italiana, incontra, nel, d
  • 45
    Il 9 novembre 2014 è ricorso il venticinquesimo anniversario della caduta del Muro di Berlino. In tale occasione, Torino ha organizzato una serata speciale al Teatro Regio in cui, attraverso la musica (si sono esibiti i 100 Cellos di Giovanni Sollima), le letture proposte da Andrea Bajani e Michela Cescon e una…
    Tags: torino, berlino, incontra, è, in, per, si, arte
  • 44
    Torino e Berlino non sono mai state così vicine. Per tutto l’arco di questo 2015 il capoluogo piemontese ha organizzato e ospitato moltissimi eventi legati alla capitale tedesca: lezioni di filosofia al prestigioso Circolo dei lettori, rassegne cinematografiche e culinarie, ma anche laboratori di lettura e musicali. Un sodalizio che ha…
    Tags: torino, non, l, berlino, in, si, per, più, i, propria
  • 41
    «Ero venuta in vacanza a Berlino a bordo di un furgone Volkswagen dell’ ’84 per vedere un amico di Ancona che si era appena trasferito qui. Poi sia il mio compagno di viaggio che il furgone hanno imboccato un’altra strada e allora io ho deciso di cercarmi un lavoro per restare…
    Tags: è, in, berlino, per, italia, non, i, mi, più, nel
  • 40
    Abbiamo chiesto a redattori e collaboratori di Berlino Cacio e Pepe Magazine le ragioni per cui si potrebbe pensare di lasciare Berlino (e l’estero in generale) per ritornare in Italia. Tutti vivono o hanno vissuto in Germania o a Londra: sono studenti e giovani lavorati, che alla domanda “per quale…
    Tags: non, in, per, è, mi, italia, berlino

Samuele Mollo

Torinese, classe 1986, giurista e fotografo, pieno di idee, sempre in movimento. La prima volta a Berlino nel 2011 e, da quel momento, ogni occasione è buona per tornarci: un concerto, un fine settimana, il solstizio d’estate…

Leave a Reply