Uno studio ci rivela se nel mondo ha più peso la cultura italiana o quella tedesca (e non solo)

La classifica 2017 dei migliori Paesi al mondo vede al primo posto la Svizzera. Ma quando si parla di influenza culturale il primato indiscusso va alle nazioni che si affacciano sul Mediterraneo.

Ogni anno viene stilata una classifica dei migliori Paesi al mondo, uno studio che nasce dalla collaborazione tra il BAV consulting della società di comunicazione e marketing Y&R e la Warthon School dell’Università della Pennsylvania. La ricerca si basa su un sondaggio condotto su un campione di più di 21.000 persone provenienti da diverse parti del mondo, a cui viene chiesto di associare peculiarità specifiche a 80 Paesi del globo. La classifica generale relativa al 2017 vede ai primi cinque posti la Svizzera, il Canada, il Regno Unito, la Germania e il Giappone che si sono distinti per qualità della vita, benessere dei cittadini e stabilità dell’apparato economico. Tuttavia, oltre a questa classifica, sono state stilate anche delle sotto-classifiche che hanno avuto un peso non indifferente nel determinare quella generale: avventura, cittadinanza (più specificatamente diritti umani e rispetto per l’ambiente), imprenditorialità, eredità culturale, dinamismo (ossia quanto il Paese si dimostri unico, dinamico e capace di fronteggiare le sfide del mercato internazionale), apertura al business, potere (influenza sia politica sia economica), qualità della vita e influenza culturale. In quanto a influenza culturale è l’Italia a classificarsi prima (16esima nel ranking generale), seguita da Francia e Stati Uniti. La Germania (terza nel ranking generale) si colloca al 12° posto.

La classifica 2017 dei Paesi con maggiore influenza culturale al mondo

Quando si parla di influenza culturale in termini di intrattenimento, moda e cibo, il primato indiscusso va ai Paesi che si affacciano sul Mediterraneo. La medaglia d’oro se la aggiudica il Belpaese, che si è piazzato al primo posto nella sottoclassifica dell’eredità culturale e dei siti di interesse storico, e al secondo posto per le opportunità che offre nell’ambito dell’avventura e del divertimento. Subito dopo troviamo la Francia che non smette di incantare turisti provenienti da tutto il mondo grazie alla sua sterminata offerta artistica e culinaria. Al terzo troviamo gli Stati Uniti, dove i flussi migratori dei secoli passati hanno contribuito a plasmare un Paese variegato sotto ogni aspetto culturale. Spagna e Regno Unito si aggiudicano rispettivamente il quarto e il quinto posto.

E la Germania?

In campo economico la Germania è imbattibile: non a caso, si aggiudica la medaglia d’oro per imprenditorialità, infrastrutture e tecnologie avanzate. Anche il ruolo che ricopre in politica internazionale è a dir poco rilevante: dopo Stati Uniti, Russia, Cina e Regno Unito, lo Stato tedesco è il più forte sotto il profilo politico-militare. La Germania risulta inoltre molto alta in graduatoria sia per qualità della vita sia nella sfera dei diritti umani e civili, arrivando in questo modo a conquistare il quarto posto nella classifica generale dei migliori Paesi al mondo nel 2017. Tuttavia la Repubblica Federale Tedesca risulta poco influente a livello culturale e si piazza molto più in basso rispetto ai suoi cugini europei (per la precisione al dodicesimo posto). Poco accattivante è inoltre la sua offerta di intrattenimento: a quanto pare, la Germania non riesce a soddisfare le esigenze dei più temerari (nella classifica “avventura” si colloca al sessantesimo posto) e questo forse spiegherebbe la tendenza tipica dei tedeschi a intraprendere viaggi e avventure in altri Paesi del mondo.

Migliori Paesi per influenza culturale – top 5

1. Italia

19592132492_5f892b1db6_k
© Maëlick CC BY-SA 2.0

2. Francia

869942883_eb7264baae_b
© Alfie Ianni CC BY-SA 2.0

3. Stati Uniti

4531811249_f6dcbfc4b2_b
© Alessio Milan CC BY-SA 2.0

4. Spagna

456352002_0197eb33e8_b
© Angelo Amboldi CC BY-SA 2.0

5. Regno Unito

3029613413_145219499e_b
Foto Regno Unito: © Harshil Shah CC BY-SA 2.0

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Immagine di copertina: © Dimitris Kamaras CC BY-SA 2.0

Related Posts

  • 10000
    Toni Servillo, Dacia Maraini, Claudio Magris: sono solo alcuni dei nomi eccezionali che l'Istituto Italiano di Cultura di Berlino ha presentato come ospiti del programma del 2017, un programma ricchissimo che spazia tra arte, letteratura, filosofia, cinema, fino ad arrivare alla cucina italiana. Giovedì scorso in Istituto il direttore Luigi Reitani ci ha dato la possibilità…
  • 10000
    A Berlino c'è un cinema che parla italiano. Non tanto i film, ma nella scelta artistica e gestione della sala. Si chiama Il KINO, è situato su Nansenstr.22, quartiere Neukölln (ma siamo sul canale quasi al confine con Kreuzberg) e ogni giorno proietta film in lingua originale con sottotitoli in…
  • 10000
    Tra Italia e Germania Ho scelto la bellezza alla funzionalità, la (quasi) precarietà alla (quasi) certezza, il rischio al conosciuto, il calore, alla finta freddezza. Ho scelto il banale all’inusuale, il natale al trapiantato, l’indefinito allo straniero, il legame alla distanza. Ho scelto perché dovevo, non volevo, perché forse non…
  • 10000
    Abbasso gli stereotipi. Nonostante la bellezza dell'Italia, i suoi cittadini sono pronti a fare le valigie e trasferirsi altrove più di ogni altro cittadino europeo. Ben l’88% di loro infatti dichiara di essere pronto a lasciare il proprio Paese per trovare un impiego in un’altra nazione europea. In particolare, la…
  • 10000
    Se c’è qualcosa di cui potremmo davvero andare fieri, oltre alle prelibatezze culinarie che esportiamo in tutto il mondo, è proprio la lingua italiana. Mentre in patria ci divertiamo a stravolgerla e a trascurarla, relegandola alle poche ore di lezione a scuola, ignorando talvolta l’importanza dell’apprenderne le regole in modo da…

Federica Zeppieri

Viaggiatrice instancabile e lettrice insaziabile, amo tutto ciò che rappresenta evasione fisica e mentale. Gli aeroporti e le librerie sono i miei luoghi preferiti. Adoro la sabbia, l'odore della benzina, gli ostelli sovraffollati, le supercazzole, i film trash e la polemica fine a se stessa. I miei sport preferiti sono il disegno e il trekking in solitaria. Cervello germanico e cuore latino, di giorno passeggio per le strade di Berlino, di notte sogno il Brasile.

Leave a Reply