Via da Berlino (o dalla Germania)? Ecco come funziona l’Abmeldung, spiegato bene

Berlino è per molti una città di passaggio: ok, c’è chi ci resta una vita intera, ma per tanti si tratta di un capitolo con un inizio ed una fine, che la storia d’amore con la capitale tedesca duri sei mesi, due o dieci anni.

Ebbene, se si decide di lasciare Berlino (o qualunque altra città tedesca) per ritornare in Italia o per trasferirsi in un altro Paese, c’è una trafila di inevitabili incombenze burocratiche da sbrigare: tasse, conti bancari e abbonamenti in palestra da chiudere, canone radiotelevisivo di cui sbarazzarsi, internet e contratti telefonici da rescindere. Ebbene, per molte di queste pratiche può essere davvero utile (se non indispensabile, come nel caso del canone) procurarsi l’Abmeldung, vale a dire la certificazione da parte di un Bürgeramt che non siete più residenti in Germania. Le indicazioni che trovate all’apposita pagina del portale del comune di Berlino non sono – come ci ha confermato un funzionario del Bürgeramt Rathaus Mitte – particolarmente esaustive e aggiornate, così ci siamo informati per voi e abbiamo scritto una guida chiara e completa all’Abmeldung che possa facilitarvi questa procedura in un momento di transizione qual è il trasloco all’estero, in cui si ha da pensare a tante scadenze contemporaneamente.

Chi deve fare l’Abmeldung

In primo luogo, naturalmente, deve fare l’Abmeldung soltanto chi, al suo arrivo a Berlino (o in un’altra città tedesca), ha effettuato l’Anmeldung. Premesso ciò, è tenuto a effettuare l’Abmeldung chi si trasferisce definitivamente all’estero o chi risulta registrato in più di un’abitazione in città (ad esempio dispone di un Hauptwohnung, abitazione principale, e di una Nebenwohnung, abitazione secondaria) e ne lascia una. Non è dunque tenuto all’Abmeldung chi lascia il Paese per un periodo limitato o chi cambia casa all’interno della Germania: in tal caso – a differenza che in passato – è necessario procedere solo alla pratica di Anmeldung per la nuova abitazione e la certificazione dell’abbandono della vecchia seguirà automaticamente.

Modalità per ottenere l’Abmeldung

La procedura di Abmeldung può essere eseguita sia tramite colloquio in un Bürgeramt sia per posta. Ma con notevoli differenze nei tempi di elaborazione della domanda e nella garanzia di ricevere l’Abmeldebestätigung, cioè l’attestazione scritta che la pratica sia andata a buon fine (a volte indispensabile per chiudere altre pratiche burocratiche, come ad esempio il Rundfunkbeitrag, il canone radiotelevisivo di ARD, ZDF e Deutschlandradio: chi è tenuto a pagarlo deve in questo caso inviare, insieme al modulo di disdetta apposito, una copia dell’attestazione di Abmeldung).

Quando bisogna fare l’Abmeldung

Sul portale berlin.de si legge che l’Abmeldung può essere richiesta da una settimana prima fino a 14 giorni dopo il trasferimento (è evidente che a posteriori la pratica andrà sbrigata necessariamente per posta). Al Bürgeramt ci hanno spiegato che le procedure sono leggermente cambiate, e che da qualche tempo è possibile fare domanda soltanto a partire dal momento del proprio trasferimento: modifica piuttosto astrusa visto l’attuale funzionamento della burocrazia (come faccio a presentarmi se sono partito per l’estero?), ma che probabilmente prelude a uno snellimento e a una digitalizzazione dell’intera procedura. Ad ogni modo i funzionari conoscono le incongruenze del sistema e sono piuttosto flessibili sulla data di Auszug, di trasloco: se per esigenze logistiche ne dichiarate una leggermente anticipata rispetto a quella reale non dovrebbero esserci problemi.

Documenti necessari

Sia che vi rechiate al Bürgeramt, sia che spediate per posta la vostra domanda, i documenti fondamentali da compilare e allegare sono sempre due: il modulo Abmeldung bei der Meldebehörde e l’Auszugsbestätigung des Wohnungsgebers. Trovate entrambi i file a questo link sotto la voce Formulare. Dovete scaricarli, stamparli e compilarli. Nel primo indicherete i dati dell’abitazione che lasciate, quelli della vostra abitazione futura, il giorno di Auszug, i vostri dati personali, data e firma. Il secondo è invece lo stesso modulo (obbligatorio da novembre 2015) per l’Anmeldung, e costituisce la certificazione del vostro Auszug da parte di colui che concede l’appartamento (il Wohnungsgeber) e del proprietario (Eigentümer), in caso le due persone non dovessero coincidere. Oltre ai dati di residenza del Wohnungsgeber, avrete dunque anche bisogno della sua firma (da apporre alla fine insieme alla data); procederete poi a indicare la data del vostro Auszug, gli estremi dell’abitazione che lasciate, le altre persone che vanno via. Dettaglio importante: a meno che non siate una coppia sposata o una famiglia, ogni persona che lascia l’appartamento deve compilare separatamente i suddetti documenti.

Abmeldung tramite posta

Berlin.de spiega che l’Abmeldung può avvenire via posta, ma non specifica ulteriori dettagli. Una volta compilati i moduli di cui sopra, dovete spedirli con una lettera affrancata a un Bürgeramt della vostra città (non necessariamente a quello del Bezirk in cui abitate, né allo stesso in cui avete ottenuto l’Anmeldung)È consigliabile allegare una fotocopia di un documento di identità (carta di identità o passaporto) in corso di validità, ma non è detto che serva. Il vantaggio di questo metodo è che vi evita una visita al Bürgeramt, mai troppo divertente. Lo svantaggio è che, nel caso in cui vi serva, rischiate di non ricevere (o di ricevere con più difficoltà) l’Abmeldebestätigung, l’attestazione del trasloco: se proprio dovete optare per la procedura postale (ad esempio perché siete già andati via), vi conviene allegare una dichiarazione in cui richiedete specificamente l’invio dell’AbmeldebestätigungNon tutti i Bürgerämter acconsentono a spedire i moduli all’estero o a inviare un Pdf; in quel caso potete fornire l’indirizzo di un vostro conoscente in Germania e far spedire lì la dichiarazione.

Abmeldung di persona in un Bürgeramt

L’altra soluzione, magari meno comoda ma certamente più sicura – specie se vi serve l’Abmeldebestätigungè di risolvere tutto di persona al Bürgeramt. Portate con voi i due suddetti moduli compilati (Abmeldung bei der Meldebehörde e Auszugsbestätigung des Wohnungsgebers) più un vostro documento di identità e un addetto vi rilascerà sul momento l’agognata Abmeldebestätigung.

Prenotare un appuntamento

Per procedere in questo modo, però, avete bisogno di un appuntamento, che potete concordare in anticipo direttamente presso l’ufficio informazioni del Bürgeramt o, più comodamente, chiamando allo 030 90 24 990, la nuova hotline messa a disposizione dal comune di Berlino. Se manca poco alla vostra partenza e avete fretta di risolvere la faccenda, potete sempre recarvi di buon’ora al Bürgeramt senza appuntamento e spiegare la vostra situazione: gli impiegati dell’ufficio informazioni sono normalmente flessibili vista l’urgenza di chi ha una data di partenza ravvicinata e vi proporranno due possibili soluzioni: a) lasciare direttamente all’ufficio informazioni i moduli di Abmeldung, ma in questo caso darete solo notizia della vostra partenza e non riceverete alcuna conferma scritta; b) fissare un appuntamento presso l’ufficio competente mediante un Sondernummer (numero speciale), normalmente stesso in giornata ma con un’attesa più lunga, perché potreste essere chiamati dopo i numeri regolari.

Insomma, anche nel caso – un po’ più complicato – in cui abbiate bisogno di una conferma scritta dell’Abmeldung, niente paura: non c’è da affrontare nessuna selva burocratica insormontabile. Informarsi e pianificare tutto per tempo può però aiutare a rendere meno stressante la procedura e, in generale, il commiato da Berlino (e dalla Germania), un momento che può essere già di per sé malinconico. E scacciate la tentazione di andarvene via evitando grattacapi e lasciando tutto com’è: la mastodontica macchina burocratica tedesca registra tutto e ricorda tutto, dunque perché rischiare? Non si sa mai, magari il vostro addio potrebbe rivelarsi soltanto un Auf Wiedersehen

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Leave a Reply