Xenofobia in Germania, folla blocca bus di migranti al grido di «siamo noi il popolo»

Sono le 19.20 di giovedì sera a Clausnitz, cittadina della Sassonia non lontana da Dresda e dal confine ceco. É appena arrivato un bus, a bordo ci sono tanti migranti. Uomini, donne, bambini. L’autista li sta accompagnando al centro di accoglienza dove dovranno risiedere ma la strada è bloccata, impossibile procedere.

Un centinaio di dimostranti circonda il bus, si crea una folla minacciosa. Alcuni gridano weg, via di qui, in tanti scandiscono slogan. Su tutti, risuona «wir sind das Volk!», siamo noi il popolo, la frase che un tempo i cittadini della DDR scagliavano disperati contro un’insopportabile dittatura e che oggi, in un tragico cortocircuito della storia, oppongono carica d’odio agli ultimi, ai dannati della terra. A uomini che scappano a loro volta da guerre, violenze indicibili, regimi repressivi.

I volti dietro i finestrini del bus sono spaventati. Un ragazzino si stringe a un uomo adulto, poi guarda fuori e scoppia in lacrime. Due giovani donne sedute si abbracciano. Un’altra in piedi, avvolta nel suo hijab, non riesce a trattenere la rabbia, e inveisce contro la folla ostile. Il veicolo resta fermo quasi un’ora e mezzo prima di riuscire a raggiungere la sua destinazione, intorno alle 21. La polizia indaga al momento sull’identita dei manifestanti, cui potrebbe essere imputata una violazione del diritto di associazione.

Negli ultimi mesi in Germania, in particolar modo a Dresda e in Sassonia, si è assistito a numerosi casi di intolleranza xenofoba. Gli attacchi ai centri di accoglienza, a volte anche di natura incendiaria, sono in crescita esponenziale. Il video di Clausnitz sta però facendo il giro del Paese, e non solo, suscitando reazioni di indignazione. Der Spiegel, in un editoriale firmato da Stefan Kuzmany, titola «voi non siete il popolo» mentre il conduttore televisivo Jahn Böhmermann condivide il video su Twitter commentando «ecco come il popolo tedesco accoglie chi è sfuggito alla morte per miracolo».

É questa l’Europa che avevano immaginato i suoi padri fondatori? É questo il modello di convivenza sociale che desideriamo tramandare ai nostri figli?

Foto di copertina © YouTube – Screenshot

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Related Posts

  • Settimana da dimenticare in Germania sul fronte delle violenze a sfondo xenofobo. Dopo gli inquietanti fatti di Clausnitz di giovedì, quando una folla urlante aveva assediato un bus di migranti al grido di «noi siamo il popolo», nel weekend si sono susseguiti ulteriori episodi di intolleranza in tutto il Paese.…
  • Siete in procinto di passare una vacanza a Berlino? Vi ci state per trasferire? Già ci vivete, ma ancora non avete chiaro cosa è bene e cosa non è bene fare? Ecco la lista delle 10 cose da non fare a Berlino 10-Non guidare all’italiana. La macchina qui è inutile,…
  • Una vecchia vignetta di Vauro recitava: «gli immigrati sono l'emergenza, i razzisti e gli imbecilli la norma». É una frase che sintetizza molto bene quanto successo ultimamente in Sassonia, regione che ormai può essere definita a buon diritto il cuore di tenebra della civile e accogliente Germania. Sabato scorso a…
  • In Germania il numero degli immigrati continua a crescere con effetti positivi su tutto il sistema produttivo Per anni si è temuto che la Germania stesse diventando un paese per vecchi, una tendenza tipica delle nazioni sviluppate in cui le condizioni di vita favorevoli e il benessere dei cittadini spesso si…
  • Angela Merkel è stata in visita in Egitto e Tunisia dove ha incontrato i capi di Stato per discutere la situazione dei migranti economici. La questione migranti non è più solo un problema di Italia, Spagna e Grecia, i Paesi europei che si affacciano sul Mediterraneo. Finalmente anche la Germania…

Gianpaolo Pepe

Laureato in filosofia politica e giornalista pubblicista, i suoi interessi spaziano da Hegel alle pagelle ignoranti di Calciatori Brutti. Dal 2014 coltiva un'insana passione per la cultura e la lingua tedesche, ancora non del tutto ricambiato.

One Response to “Xenofobia in Germania, folla blocca bus di migranti al grido di «siamo noi il popolo»”

  1. mh

    yeah, i wonder if recent acts of terror, or idiot followers of pedophile mohammud slapping women around have anything to do with suspicion of their low culture.

    Rispondi

Leave a Reply