Zombie con i cellulari, dalla Svezia i cartelli che li ridicolizzano

Ingobbirsi sul proprio smartphone alla ricerca di un altro like su Facebook, di compagnia su Tinder o della foto del giorno su Instagram è ormai parte del nostro quotidiano, inutile girarci attorno. Spesso e volentieri siamo così social dipendenti da non poter fare a meno di controllare i nostri telefoni anche mentre camminiamo, di conseguenza a tutti è capitato almeno una volta di subirne gli effetti: paletti presi in pieno di solito in zona inguinale,alluci che colpiscono i marciapiedi o peggio ancora scontri frontali con altri pedoni nella nostra stessa situazione. Sarebbe possibile evitare tutto questo? Difficile a dirsi ma in Svezia hanno pensato di provarci e di avvisare del rischio chi si aggira per le strade guardando solo lo schermo del proprio dispositivo. Perchè in Svezia? Semplice, basta tenere conto del fatto che il 70% della popolazione è attiva sui social, il che la dice lunga.

Attenzione ai binari @Transformer18
Attenzione ai binari @Transformer18

 

Arrivano quindi i primi cartelli che avvisano di tale pericolo, la classica forma triangolare dei segnali stradali vede al centro la figura di un uomo e una donna che camminano a testa bassa guardando il proprio smartphone. Come racconta il The Local, l’idea è venta a Jacob Sempler ed Emil Tiisman due pubblicitari. Proprio Jacob racconta come abbia avuto una specie di illuminazione il giorno in cui ha rischiato di essere investito proprio perchè intento a guardare il proprio telefono invece che la strada. Purtroppo i cartelli non sono stati omologati dall’agenzia dei trasporti e con ogni probabilità dovranno essere rimossi, nonostante lo stesso ente statale si sia detto favorevole alla campagna di sensibilizzazione in tal senso.

Ufficiale o meno, l’immagine dei segnali è divenuta subito virale, proprio attraverso i social da cui mette in guardia. Un trend che ha coinvolto anche la MTR, società che gestisce i trasporti metropolitani di Stoccolma che tramite un Tweet si è dichiarata favorevole all’installazione di questi cartelli soprattutto nelle stazioni della metro. Prestare attenzione nel salire o scendere dai mezzi, rimandando magari di qualche secondo l’utilizzo dei dispositivi potrebbe evitare spiacevoli sorprese.

Ci auguriamo che nessuno sia incappato in un paletto o sia stato quasi investito dagli implacabili ciclisti berlinesi mentre leggeva quest’articolo.

HEADER SCUOLA DI TEDESCO

Photo CC BY SA 2.0

Paco Romito

Barese e fiero figlio degli anni 80, non porto spalline e capelli cotonati ma chiedetemi il titolo di qualche film o telefilm (all'epoca non si chiamavano ancora SERIE) di quegli anni e non solo annuirò compiaciuto, vi canticchierò anche la sigla. Ho giocato per 10 anni a football americano, non è rugby, anticipo la domanda. Uno sport che mi ha insegnato moltissimo sul lavoro di squadra e sul sacrificio ma anche sul fatto che i quarterback cuccano solo negli USA. Sono a Berlino da gennaio 2015 e intendo restarci.

2 Responses to “Zombie con i cellulari, dalla Svezia i cartelli che li ridicolizzano”

  1. I cartelli per gli smartphonisti incalliti -

    […] E se a Washington,  per ovviare agli scontri fra pedoni, si è pensato di creare un’apposita corsia sul marciapiede dedicata a chi utilizza lo smartphone mentre cammina (vedi foto), in Svezia appaiono i primi cartelli per gli smartphonisti incalliti: Berlinocacioepepemagazine.com […]

    Rispondi
  2. ilaria

    nessno ti risponde perchè scrivi la Verità ..
    io provai a farne degli adesivi di piccole dimensione qui a mialno. ma la gente non accettava neanche quelli.. tutti omologati sui cellulari …

    Rispondi

Leave a Reply