A Berlino una rassegna sul cinema friulano: si inizia con “Zoran – Il mio nipote scemo”

Zoran, il mio nipote scemo

Una rassegna di “cinema di frontiera” o, per essere più chiaro, del rapporto tra il Friuli Venezia-Giulia e la settima arte.

È quanto accadrà al Babylon di Berlino tra settembre e dicembre con quattro appuntamenti (ma cinque film, un giorno si bissa), sempre la domenica alle 16.00. L’iniziativa è dell’Istituto Italiano di Cultura di Berlino in collaborazione con Berlino Magazine e lo stesso cinema Babylon. La kermesse si inserisce all’interno di un più ampio programma dedicato alla cultura italiana nelle regioni di frontiera.

I film della retrospettiva

Il primo appuntamento della retrospettiva è il 17 settembre con Zoran – Il mio nipote scemo di Matteo Oleotto (proiezione più intervista Skype con il regista), si prosegue il 15 ottobre con Il viaggio della signorina Vila e Trieste la Contesa, entrambi di Elisabetta Sgarbi che per l’occasione salirà a Berlino. Il 29 ottobre è la volta di Senilità di Mario Bolognini, il 3 dicembre invece Ernesto di Salvatore Sampieri. I film sono sempre accompagnati da sottotitoli in inglese.

Il primo film: Zoran – Il mio nipote scemo

Ad ogni appuntamento Berlino Magazine dedica un articolo di approfondimento. Questo è dedicato a Zoran, il mio nipote scemo. Il film, girato nel 2003 da Metteo Oleotto, racconta di Paolo Bressan, un uomo corpulento quasi sempre ubriaco. Abita nella provincia di Gorizia, vicino al confine con la Slovenia. La sua semplice vita viene improvvisamente sconvolta dall’arrivo di Zoran, un nipote che viveva con una zia slovena di Paolo. Il ragazzo è estremamente introverso, ma intelligente. Alla morte della zia, Zoran viene affidato a Paolo per alcuni giorni, in attesa di venire poi affidato ad un istituto. Durante quei giorni Paolo prima cerca di sfruttare economicamente la grande abilità del ragazzo con il gioco delle freccette, ma la convivenza sarà l’occasione per guardare finalmente la propria vita in modo critico. Il regista del film, Matteo Oleotto, sarà ospite via Skype del dibattito che seguirà la proiezione del 17 settembre. Trovate ulteriori dettagli sull’evento Facebook.

Il Friuli-Venezia Giulia che si vede in Zoran – Il mio nipote scemol

Opera prima di Matteo Oleotto, Zoran, il mio nipote scemo è stato presentato alla 70ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia, nell’ambito della Settimana Internazionale della Critica, vincendo il Premio del Pubblico RaroVideo. Un film amato dalla critica, una storia divertente ma con molti spunti di riflessione. Paolo, il protagonista, è interpretato da Giuseppe Battiston, attore nato a Udine. La pellicola è girata tra la città italiana di Gorizia, nel Friuli-Venezia Giulia, e le aree nord-est al confine con la Slovenia. Molte scene sono state girate nelle zone del Collio e del Carso goriziano. Per quanto riguarda le scene interne, invece, molte le osterie della provincia friulana coinvolte. Vengono ritratti i caseifici delle campagne friulane e slovene, dove ancora oggi i contadini producono salumi, olio, vini e prodotti caseari.

Zoran, il mio nipote scemo

Film, aperitivo a base di Spritz & Pizza e intervista Skype con il regista Matteo Oleotto

domenica 17 settembre 2017 ore 16.00

presso il Babylon, Rosa-Luxemburg-Straße 30, 10178

biglietti 9 € acquistabili qui

Evento Facebook

Il Friuli al cinema

sempre al cinema Babylon, Rosa-Luxemburg-Straße 30, 10178

film in italiano con sottotitoli in inglese

dopo la proiezione aperitivo (spritz & pizza)

biglietti qui 

Gli altri film in programma

15 ottobre ore 16.00

Il viaggio della signorina Vila e Trieste la Contesa di Elisabetta Sgarbi

Film e, a seguire, incontro con la regista

Evento Facebook

29 ottobre ore 16.00

Senilità di Mauro Bolognini

Film e, a seguire, dibattito con Maddalena Graziano e Fabio Ferrarini

Evento Facebook

3 dicembre ore 16.00

Ernesto di Salvatore Samperi

Film e, a seguire, dibattito con Maddalena Graziano

Evento Facebook

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Immagine di copertina: © Facebook

Leave a Reply