10 cose da vedere a Kreuzberg, il quartiere “ribelle” di Berlino

Kreuzberg, uno dei quartieri nevralgici e più caratteristici della capitale tedesca, è considerato un simbolo del multiculturalismo.

Si tratta di uno dei distretti più caratteristici di Berlino, che unisce il multiculturalismo e la vivacità artistica. Considerato quartiere di frontiera prima della caduta del Muro, oggi Kreuzberg è il centro nevralgico della città. Qui, oggi come ieri, si concentrano i “ribelli”, quelli che vogliono vivere una vita alternativa. Da quando il Muro non c’è più, ciò che un tempo era laterale, adesso è diventato centrale. La vivacità culturale di questa zona ha reso appetibile il quartiere, tanto che molti decidono di stabilirsi proprio qui. Vi si concentra la comunità turca, ma ci sono anche tanti studenti universitari, spesso stranieri. Inoltre, tra le strade di Kreuzberg si svolge ogni anno Myfest, la coloratissima festa del Primo Maggio (vedi qui i migliori momenti di quest’anno!). In questa piccola guida vi illustreremo 10 posti da vedere assolutamente a Kreuzberg, anche se il miglior consiglio che si possa dare è quello di fare una lunga passeggiata, lasciandosi trasportare da forme, suoni e suggestioni.

10. Jüdisches Museum

Uno dei più grandi musei dedicati alla cultura ebraica, una vera e propria immersione nella società ebreo-tedesca. L’edificio espositivo è affascinante: il palazzo barocco originale è stato infatti integrato con una costruzione moderna in pannelli di zinco. Il museo ospita collezioni sia permanenti che temporanee, oltre a una libreria e un immenso archivio.

Lindenstraße 9-14

Sito ufficiale

©MaraBreunesse, CC0

9. Viktoriapark

Kreuzberg è piena di parchi. Uno dei più suggestivi, grazie alle sue splendide cascate e alla collina su cui sorge, è Viktoriapark, perfetto per rilassarsi o fare un picnic.

©Moritz_Nack, CC0

8. Berlinische Galerie

Uno dei musei più moderni di Berlino. Qui sono collezionate opere di arte moderna, dal 1870 ad oggi, ma lo spazio viene adibito anche a esposizioni architettoniche e fotografiche. Il museo è stato spostato nel 2004 in uno spazioso capannone industriale, vicino a Jüdisches Museum. Ospita un’esposizione permanente e almeno due esposizioni temporanee.

Alte Jakobstrasse 124

Sito Ufficiale

7. Kottbusser Tor e Oranienstraße

Oltre a essere una fermata della metro, Kottbusser Tor, per i berlinesi semplicemente Kotti, è una delle zone più suggestive di Kreuzberg. È questo il centro della vivacità culturale, qui il cibo d’ordinanza è il kebab, e le strade sono disseminate di locali di svariate etnie. La sensazione, quando si cammina per le vie della zona, è quella di trovarsi a Brooklyn. La folla che attraversa la rotonda dove si trova la stazione della metro è sempre enorme. Il viale che segue la piazza, Kottbusser Damm, è un’elogio al cibo di strada. Inoltre, quella di Kottbusser Tor è una zona pulsante della vita notturna. I bar segreti, ben conosciuti dai residenti, rischiano di passare inosservati agli occhi dei turisti. A pochi passi si trova anche una delle strade più caratteristiche di Berlino: Oranienstraße. Questa era in passato la patria del punk: i locali ospitavano leggende musicali come David Bowie o Iggy Pop. Ancora oggi è possibile trovare alcuni bar leggendari come il Die Rote Harfe, il Würgeengel e il leggendario club SO36.

Kotti bei Nacht

Un post condiviso da Anto Jularic (@antojularic) in data:

6. Il Görlitzer Park

Il Görlitzer Park è uno dei centri nevralgici di Kreuzberg. Situato in una posizione piuttosto centrale, è uno dei luoghi ricreativi preferiti dai berlinesi. Qui sorgeva la stazione di Görlitzer Bahnhof e dopo la sua demolizione, l’area è rimasta inutilizzata per decenni. Il parco venne realizzato tra gli anni ottanta e novanta, diventando una delle aree verdi più frequentate della città.

5. Il ponte di Oberbaumbrücke

Il ponte che collega il quartiere di Kreuzberg a quello di Friedrichshain è uno dei simboli della riunificazione tra Est e Ovest. Nato nel 1724 come struttura in legno, viene ristrutturato nel 1894 e nel 1992, raggiungendo il suo attuale aspetto in pietra. È il simbolo della creazione del nuovo quartiere Friedrichshain-Kreuzberg, mettendo in collegamento le zone ricreative di Schlesisches Tor con la parte sud di Friedrichshain. Attraversare l’Oberbaumbrücke permette di avere un magnifico punto di osservazione sulla città, osservando il tramonto sulla Sprea e la Fernsehturm.

©Sylla. CC0

4. Il parco di Tempelhof

Sorge nell’area che ospitava il leggendario aeroporto di Tempelhof un parco di dimensioni notevoli, che è punto di incontro di tre quartieri: Neukölln, Tempelhof e Kreuzberg. L’aeroporto fu uno dei primi in Europa ad essere costruiti e fu teatro di eventi storici importanti per Berlino, come i discorsi di Adolf Hitler o il ponte aereo degli Stati Uniti a Berlino Ovest. Lo scalo centrale ha continuato a funzionare dopo la Riunificazione, ma è stato dismesso nel 2008. Oggi è un suggestivo parco pubblico, un po’ più vasto di Central Park. Adorato dagli appassionati di sport, da quelli delle grigliate e dalle famiglie, è diventato un punto d’incontro per i tre quartieri che lo circondano. Inoltre, le piste dell’aeroporto ospitano numerose competizioni automobilistiche e motociclistiche, oltre ad un Gran Premio della Formula E.

3. Marheineke Markthalle e Bergmannstraße

Nella zona denominata Bergmannkiez sorge uno dei mercati coperti più colorati e famosi di Berlino. Si tratta del Marheineke Markthalle, che vanta una lunga storia, come pure il vivace quartiere intorno a Bergmannstraße. Il mercato offre carne, formaggi, latte, pane, pesce, succhi, frutta, verdura e fiori su una vasta area. È possibile fare uno spuntino ovunque, gustando prodotti biologici e locali, sia nel mercato che nelle strade vicine. La zona di Bergmannstraße, inoltre, è zeppa di negozi. Oltre alle botteghe dell’usato, si possono trovare boutique, enoteche e negozi gastronomici di ogni genere.

Marheinekeplatz 15

2. Maybachufer

Kreuzberg è attraversata da un lunghissimo canale: il Maybachufer. Durante le belle giornate è possibile fare una bellissima passeggiata sulle rive del canale, partendo dall’angolo tra Prinzenstrasse e il Carl-Herz Ufer fino alla fine del corso d’acqua. Una zona zeppa di locali e di gente, che si popola nella zona dell’Admiralbrücke, dove i musicisti di strada si esibiscono in mezzo a giovani e meno giovani. Il canale, inoltre, ospita uno dei mercati più suggestivi della città: il mercatino turco. Oltre alla frutta e alla verdura, vi si possono trovare anche altri prodotti tipici turchi e non solo. Inoltre ci sono banchi che vendono tessuti, cerniere, bottoni, prodotti di merceria e manufatti artigianali.

#maybachufer #berlin

Un post condiviso da Floris te Boekhorst (@floristeboekhorst) in data:

1. Checkpoint Charlie

Non si può prescindere dal visitare questo luogo, nonostante abbia perso tutta la sua “sacralità”. Mercatini e persone vestite da soldati ne hanno fatto perdere (o magari, valorizzare) l’importanza storica. Ma è suggestivo trovarsi nello stesso luogo in cui tanti berlinesi hanno provato, rischiando la vita, di passare da Est ad Ovest. Vicino al sito dove si trovava il confine americano, si può visitare l’esposizione del Musem Haus am Check Point Charlie. Qui sono raccolte in particolare le testimonianze dei modi, a volte tragici, a volte rocamboleschi, con cui i berlinesi dell’Est tentarono di oltrepassare il Muro sin dal giorno in cui questo venne eretto.

©cocoparisienne, CC0

 

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Immagine di copertina: ©Sarah_Loetscher, Graffiti, CC BY-SA 0.0.

Leave a Reply