10 dialoghi che si possono ascoltare tra i passeggeri in volo da Berlino a Roma

Pochi giorni prima del Natale 2013 presi un volo Air Berlin da Berlino a Roma per passare con la famiglia le vacanze di Natale. Quelli che seguono sono dialoghi ascoltati mentre aspettavo nel terminal o direttamente sull’aereo da parte di vari passeggeri. Sicuramente tra tedeschi, in tedesco, di ritorno da Roma a Berlino, si dicono cose analoghe. Ad ogni modo mi astengo da qualsiasi commento.

Due donne dietro di me

-Si fanno tanto i belli, ma loro in fondo cosa hanno da mangiare? Ce l’hanno le mozzarelle di bufala? E la pasta di semola di grano duro? E la pizza?

Sempre le due donne dietro di me

-I mercatini di Natale di Berlino mi hanno delusa. E’ più mangiare che Natale

Un gruppo di ragazzi – o meglio, un’infinita scolaresca – in fila per salire sull’aereo

-Berlino sarà anche la città dei giovani, ma Roma rimane Caput Mundi!

Dialogo tra un signore che ci metteva una vita a mettere le proprie cose dentro lo sportello sopra i sedili e una donna che gli chiedeva se poteva fare il tutto stando davanti al proprio sedile in modo da non fermare la fila delle persone che stavano entrando

-E a lei che gliene frega di quelle persone?
-Beh, stanno prendendo freddo lì sulle scale fuori dall’aereo
-Senta se c’ha fretta se ne rimanga con i tedeschi!
-Guardi che io sono italiana e torno in Italia quando voglio. Comunque fa niente, anzi mi scusi se l’ho disturbata. Buon Natale.
-Beh io a lei Buon Natale non so se glielo auguro, anzi non glielo auguro per nulla. Stronza.

Sempre le due donne dietro di me

-E poi, hai visto che freddo. Quelli so’ invidiosi del nostro sole. Se potessero ce lo tasserebbero.

Aspettando l’imbarco nel terminal, una coppia sui cinquant’anni, mentre lui commenta l’opposizione della Germania ad un’unione bancaria europea

-La Merkel è un’ex della Ddr, in fondo con la mentalità del dittatore ci è cresciuta

Accanto a me, sempre nel terminal

-Alla fine il tedesco mi sembra molto simile all’inglese

Due ragazzi della scolaresca

-Aho, alla fine all’Artemis non ce siamo stati, ma a Giovanni diciamo di sì, scarico un paio di foto sull’iPhone e glie faccio credé che c’abbiamo passato tutta la giornata a scopà
-Guarda che se glie diciamo che c’è un posto del genere a Berlino quello pur de venicce se vende pure la madre a Tor di Quinto

Sempre le due donne dietro di me

-Si, Berlino l’abbiamo girata tutta, ‘sti quattro giorni non finivano mai, forse quattro erano pure troppi, in due e mezzo hai visto tutto.

Una coppia di sorelle brasiliane (che però non andavano a Roma) incontrate mentre facevo il controllo del metal detector e che poi, chiacchierando, quando gli ho rivelato che scrivo tanto di Berlino e che conosco la città molto bene, mi fanno…:

-Alla fine ci ha deluso un po’ il muro. Non c’è quasi da nessuna parte. Certo, c’è stata la guerra che lo ha distrutto, ma ce ne aspettavamo di più.

HEADER SCUOLA DI TEDESCO

Photo: © Martin Teschner CC BY SA 2.0

Related Posts

  • Presentato ai Festival del Cinema di Repubblica Ceca, Sud Africa, Stati Uniti, Italia, Portogallo, Iran, Messico, Slovenia, nonché selezionato per il "One World in Schools Educational Programme", il film documentario "CI PROVO" racconta l'esperienza di Luigi Fantinelli, primo studente affetto da sindrome di down ad aver ottenuto, nel 2010, una…
  • Prima o poi quel momento arriva per tutti, piomba fra capo e collo inclemente e coglie alla sprovvista. Quell'attimo profetico, greve di conseguenze e disturbi somatizzanti a lungo termine che striscia subdolo e poi ti annienta senza colpo ferire. Quel fatidico lasso di tempo di noia, in un piovoso pomeriggio…
  • È l’8 Settembre 1943 quando il Maresciallo Badoglio annuncia l’armistizio fra l’Italia e le Forze Alleate; la guerra sembra finita, ma per molti italiani quel momento segna l’inizio di un nuovo capitolo tragico della loro vita. Nel 1943 sono 640 mila i soldati italiani che stanno combattendo in giro per…
  • Sono sempre più le persone che si trasferiscono in Germania senza sapere niente del tedesco prima di partire e senza impegnarsi ad apprenderlo una volta arrivati. Lavorano da freelancer con commissioni nella propria lingua (o in inglese), oppure sono impiegati presso i dipartimenti relativi alla loro nazione per grandi aziende internazionali. Insomma, ritengono che…
  • Il tedesco notoriamente non è una delle lingue più semplici al mondo. Ma alcune parole sono più importanti di altre per vivere in Germania. Tra articoli, casi, verbi separabili e parole composte lunghe mezzo rigo l’impresa di chi gli si accosta al fine d’impararlo per necessità o semplice divertimento (di…

Andrea D'Addio - Direttore

A Berlino dal 2009, nel 2010 ha fondato Berlino Cacio e Pepe prima il blog, dopo il magazine. Collabora anche con Wired, Il Fatto Quotidiano, Repubblica, Io Donna, Tu Style e Panorama scrivendo di politica, economia e cultura, e segue ogni anno da inviato i maggiori festival del cinema di tutto il mondo.

2 Responses to “10 dialoghi che si possono ascoltare tra i passeggeri in volo da Berlino a Roma”

  1. Fabrizio

    Verissimo. I dialoghi che si sentono in fila pre o post check-in sono pazzeschi. Io aggiungerei anche il generale mormorìo di fondo che ti fa capire subito che sei in fila per il Berlino Napoli, a differenza del silenzio dei Napoli Berlino fuori stagione, a maggioranza pressocché tedesca 🙂

    Rispondi
  2. Girasole

    Menti ristrette a iosa, peccato.

    Rispondi

Leave a Reply