Il DDR Museum di Berlino, un tuffo nel passato con 18 foto di oggetti dell’epoca

Un tuffo nella vita della Germania dell’est raccontato attraverso foto, oggetti, pannelli didascalici, video e giochi interattivi: il DDR Museum è un museo più che mai interessante per chi vuole avere un’infarinatura generale su come fosse vivere dall’altra parte del Muro.

Inaugurato nel 2006, si tratta di un museo privato. La collezione è stata messa assieme attraverso una lunghissima ricerca in molti casi aiutata da donazioni volontarie da parte dei cittadini dell’ex DDR (il sito ne dichiara più di 300). Non è molto grande, se – come spesso accade – il flusso di visitatori è ampio c’è il rischio che ci si possa sentire un po’ stretti seguendo il percorso messo a punto dai curatori, ma il materiale è ben disposto e viene naturale spendere una manciata di minuti su ogni teca e reperto. Alla rievocazione cronologica della storia della Germania dell’Est, dagli anni del dopo guerra al 1989, si accompagnano spiegazioni sullo svolgersi della vita quotidiana (in casa, in ufficio, a scuola e nella vita pubblica) passando dai simboli (come la Trabant) a piccoli aneddoti che tanto dicono sulla mentalità del governo socialista dell’epoca come la scelta di denominare nel 1959 quel ballo che negli States chiamavano rock’n’roll nel più tedesco “lispi”.


C’è un grosso focus sul Muro, le ragioni della sua creazione ed il come “funzionasse”, nonché una ricchissima offerta di ritagli di giornali dell’epoca. Insomma, sia “l’esperto” che il “novizio” (compresi i bambini, il museo è pensato davvero per tutti) hanno modo di spendere almeno un’ora e mezza arricchendosi, basta andarci con il giusto spirito, ovvero quello di impegnarsi un minimo a guardare, leggere ed osservare. Del resto, nonostante qui quasi tutto sia interattivo, parliamo pur sempre di un museo. Tutto il materiale scritto ed audio è sia in tedesco che in inglese.

DDR Museum

Karl-Liebknecht-Str. 1,

10178 Berlino, Germania
+49 30 847123731

http://www.ddr-museum.de/

Ingresso 7 euro – studenti 3,50 euro

Orari di apertura dal lunedì alla domenica dalle 10 alle 20, la domenica fino alle 22

FOTO GALLERIA © DDR MUSEUM

FOTO COPERTINA © Heinz Himdorf/Bundesarchiv, Bild 183-1989-0407-015 / CC-BY-SA/vh

Related Posts

  • Entrare nel sotterraneo dello Jϋdisches Museum, il museo ebraico di Berlino, è alquanto vertiginoso, disarmante. I piedi camminano per inerzia dall’altro capo della testa roteante che si chiede: quale percorso seguire? C’è un percorso? L'impressione ricevuta dal visitatore coincide con l’impatto ricercato da Daniel Libeskind, architetto polacco ideatore di questo…
  • Oltre ai reperti d'arte classica, egizia e orientale, oltre ai capolavori dell'impressionismo e dell'arte contemporanea, a Berlino c'è qualcos'altro da vedere. Un museo che contiene pezzi vecchi massimo trent'anni, ma che già fanno parte della nostra storia culturale. Camminando sulla Karl-Marx-Allee di Berlino, in mezzo a tutti quei palazzoni di…
  • L’Hamburger Bahnhof è uno dei più spettacolari esempi di recupero architettonico della città: considerata la più antica stazione ferroviaria di Berlino (1846), oggi è uno dei musei di Berlino da visitare assolutamente. Il Museo del Presente, all'interno di un'ex stazione ferroviaria, è uno spazio in cui periodicamente vengono allestite mostre…
  • Il Museo d’Arte di Berna ha accettato di ospitare la collezione del mercante d’arte di Hitler. Di quali opere parliamo?  Nel 2012, a causa di un'indagine su di una frode fiscale, la polizia bavarese entrò sono nell’appartamento di un anziano signore, Cornelius Gurlitt. Vi trovò 1406 opere d’arte  rimaste praticamente nascoste da decenni. Erano il frutto…
  • 1,2,3,4,5,6,7,8. Der Katalog: è questo il titolo scelto per la serie di concerti, che si preannunciano memorabili, della band tedesca dei Kraftwerk, in scena dal 6 al 13 Gennaio 2015 a Berlino. Otto date che corrispondono alla raccolta di otto album (1974-2003), Der Katalog appunto, che uscì nel 2009 alla…

Leave a Reply