In onore di Thomas Salbey, il 57enne che provò (e quasi ci riuscì) a sventare con una bottigliata l’attentato di Monaco 2016

Thomas Salbey

La strage di Monaco del 22 luglio 2016 vista attraverso gli occhi di un coraggioso tedesco che ha provato a bloccarla

22 luglio 2016. Un 18enne non del tutto a posto con le rotelle si mette a sparare vicino al centro commerciale Olympia di Monaco di Baviera. I feriti sono più di 42 (di cui 9 morti sarà il bollettino finale), ma fino a quel momento non si sa nulla. Si sentono solo le sirene di ambulanze e polizia. 

È in questi momenti di caos assoluto, di timori di attentati e indagini ancora in corso, che avviene l’intervento strepitoso di un genio metropolitano: Thomas Salbey.

Lui è un bavarese ruspante, tracagnotto. Ha 57 anni portati malissimo, pochi capelli, canotta d’ordinanza e tatuaggi ignoranti. Sta bevendo una birra sul balcone di casa caratterizzato da un corvo nero pacchissimo e una lastra di cemento grezzo quando si accorge che sul tetto del palazzo di fronte si sta riparando un imbecille assassino che sta spaventando mezzo mondo sparando a caso.

Legioni intere di intellettuali snob e di palestrati lampadati sarebbero scappati subito.

Lui no.

Thomas Salbey. gli tira addosso la bottiglia di birra e lo copre di insulti assortiti in dialetto bavarese e sbraitando come un pazzo. La bottiglia si infrange su un vetro. Non si saprà mai se Ali David Sonboly – questo il nome dell’attantatore – il 18enne, cittadino tedesco-iraniano, autore della strage, l’abbia vista o sentita arrivare visto che di lui non si è raccolta nessuna testimonianza, si è suicidato prima di essere catturato. Certo è che alla fine, forse più per gli insulti che per la birra lanciata, Ali David Sonboly spara a Salbey. Non lo prende, ma il muro è ancora oggi visibile sulla parete dell’edificio.

Ecco perché Thomas Salbey può essere reputato un eroe assoluto e merita il nostro inchino.

 

ps: qui il video del vicino che, senza avvertire Thomas Salbey, ha regalato ai posteri l’atto di eroismo del nostro eroe.

Berlino Schule tedesco a Berlino

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Roberto Conte

Appassionato di architettura, storia, fotografia e bla bla bla. Sta sperimentando gli effetti su corpo e mente del rientro in Italia dopo aver vissuto a Berlino. Per il momento è ancora vivo.

Leave a Reply