A Berlino c’è un negozio di vinili dove puoi anche incidere il tuo LP. E lo ha fondato un italiano

Berliner Vinylwerk, il negozio dove puoi incidere vinili.

Berliner Vinylwerk aperto nel 2017, è un negozio che si trova in Mengerzeile 14 (Berlino) che oltre alla vendita di vinili (minimal, house…) ha anche uno spazio dedicato all’incisione di vinili. Il progetto nasce da un’idea di Francesco Passantino, un dj italiano ma che da anni vive e lavora a Berlino. Lo spazio che ospita Berliner Vinylwerk si divide in due zone. Nel piano superiore si trova il negozio dove si possono acquistare vinili di varie label di musica house e minimal con uno spazio dedicato anche a presentazioni musicali. Mentre, nel laboratorio (che si trova nel piano inferiore) i clienti possono richiedere l’incisione di vinili di ogni stile musicale rock, pop, ambient, jazz e tanto altro. Il processo di masterizzazione invece avviene presso un’altra sede la Decode Studio.

“Your track, your vinyl”, come nasce il progetto del laboratorio dove professionisti e non possono incidere vinili

«Il negozio Berliner Vinylwerk è nato principalmente dalla necessità di incidere vinili. A gennaio 2019 compie due anni e la ditta che si chiama invece Vinyl2go l’ho fondata insieme ad un mio caro amico con l’idea di incidere tracce su vinili. Sono riuscito a trovare uno spazio in una zona centrale dove la gente viene con un’idea ben precisa della musica che desidera. Normalmente per incidere un vinile si va in una fabbrica che prevede tempi di attesa lunghi e spese certamente impegnative per un’artista, al contrario Berliner Vinylwerk facilita il processo generale. Il negozio è un’alternativa al solito file digitale inviato tramite email sostituito con un supporto fotomeccanico che potrebbe essere utilizzato anche nei club e locali. Berliner Vinylwerk non è frequentato solamente da artisti professionisti. Una volta un papà mi ha chiesto di incidere la canzone di suo figlio “Happy Birthday Mom” e ho inciso la musica su un piccolo vinile da 7 pollici. Un’altra volta invece una mia amica ha chiesto di trasformare in musica la canzone del suo gatto. Per questo Berliner Vinylwerk è certamente rivolto a professionisti ma alla fine è adatto anche per chi voglia fare un semplice regalo».

© Tiziana Mortel – Berliner Vinylwerk

Il laboratorio: dove nasce la musica

«Nel laboratorio incido i vinili. Quest’ultimo si divide in due zone: una parte è dedicata al lavoro di Berliner Vinylwerk dove si sonorizzano le tracce, mentre l’altra parte è quella “più privata” dove realizzo le mie produzioni. Per prima cosa è necessario eseguire un mastering idoneo all’operazione di transfer, che segua tutte le norme quali tagli delle estreme frequenze basse/alte, correzione della fase sulle basse frequenze dove da 300hz in giù tutto diventa mono, e relativi controlli sulle frequenze medio/alte che potrebbero limitare un buon rendimento del supporto finale. Si parte da una plastica vuota (PVC) con vinili vuoti e attraverso il diamante viene incisa la musica. Il giradischi serve solo da motore e per ascoltare in tempo reale la traccia. Il diamante è così una parte molto importante del processo. Per l’incisione è necessario che la fonte sia di buona qualità in modo tale da ottenere un prodotto finale migliore. I clienti possono richiedere da 1 o 30 copie su vinili neri o trasparenti da 7, 10 e 12 pollici con una grammatura di120, da 140 e da 180 e ritrarli dopo circa 2 o 5 giorni lavorativi. Chiunque può proporre una traccia e aspettare che si trasformi in un vinile. Presso un’altra sede, (la Decode Studio) utilizziamo apparecchiature analogiche per il mastering, ovvero la sistemazione e il potenziamento della traccia finale. Il lavoro di incisione di vinili deve essere obbligatoriamente affiancato a uno studio di mastering».

Berliner Vinylwerk

Mengerzeile 14, 12345 Berlin

Sito Ufficiale

Vinyl2go

Pagina Facebook

Sito Ufficiale

Leggi anche: “Viva il vinile! A Berlino la terza edizione della fiera europea e swap dei 33 giri”

Berlino Schule tedesco a Berlino
Berlino Schule tedesco a Berlino

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

 Foto di copertina: © Tiziana Mortel – Francesco Passantino

Leave a Reply