A Berlino ci sono 269 casi di omicidio ancora irrisolti. Tanti i fuggitivi verso la Turchia, ma il caso più inquietante è a Neukölln

 ©geralt, CC0, Polizia. 

Centinaia di assassini a Berlino sono ancora a piede libero

Sono 269 gli omicidi rimasti irrisolti dalla polizia di Berlino dal 1968 ad oggi. A renderlo noto è il Senato cittadino a seguito di un’inchiesta a seguito della richiesta avanzata dal portavoce dei Verdi, Benedikt Lux. Secondo l’indagine ben 55 di questi delitti sarebbero già riesaminati più volte nel tentativo di giungere alla soluzione. Di questi solo sette hanno raccolto abbastanza nuovo materiale da mantenere l’indagine attiva tanto che per quattro c’è addirittura un processo in corso.

Diversi sospettati sono fuggiti nel loro paese d’origine

Per molti degli omicidi ci sono dei sospettati, ma l’assenza di sufficienti prove ha impedito il processo o la condanna. Non solo: in alcuni casi, ben 60, i sospettati sono fuggiti all’estero. “La  maggioranza degli stranieri indagati è fuggita nel proprio Paese d’origine per sfuggire al processo”, si legge nel report. Molti di loro risultano provenire dalla Turchia. A seguire Libano, Iraq, Siria, Russia, Vietnam, Thailandia, Paesi dell’ex Jugoslavia e diversi stati africani. Secondo quanto comunicato dall’amministrazione della città, “non ci sono accordi di estradizione con questi stati”. Tuttavia, stando a quanto è emerso, 6 dei 60 sospettati sarebbero comunque detenuti all’estero, per altri reati da loro commessi.

Il caso più eclatante tra i 269 omicidi rimasti irrisolti: l’omicidio di Hildegard Z.

Nel novembre del 1989, una donna di 76 anni venne assassinata nel suo appartamento nella zona di Neukölln. Il caso è rimasto irrisolto per ben venticinque anni. Solo nel 2015,  il caso è stato riaperto e, grazie al test del DNA, gli scienziati  sono riusciti ad individuare il presunto colpevole, un uomo di Zehlendorf, prosciolto però successivamente per mancanza di prove. Ad oggi non c’è nessun colpevole.

Berlino Schule tedesco a Berlino

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Foto copertina: ©geralt, CC0, Polizia.

Leave a Reply