A Berlino un ciclista molestatore seriale di donne è stato solo multato

jogging Foto: CC0 / Pixabay

La condanna, se pensa alla gravità del gesto, è stata molto lieve

Come riportato dalla Morgenpost, un ventottenne berlinese è stato recentemente condannato a pagare una multa di 4.500 euro per aver molestato alcune donne. La corte distrettuale del Tiergarten ha accusato il giovane di molestie sessuali e aggressione ai danni di quattro donne, due delle quali molestate più di una volta. Il modus operandi era sempre lo stesso: correndo in bicicletta l’uomo toccava il fondoschiena delle donne che facevano jogging nei parchi di Berlino, nelle zone di Prenzlauer Berg e Hohenschönhausen. Le aggressioni erano avvenute tra gennaio e aprile del 2017. Il giudice ha accolto la prima condanna proposta dal Pubblico Ministero, anche perché l’avvocato del giovane non è riuscito a formulare una controproposta adeguata.

A nulla sono valse le giustificazioni del molestatore

Durante il processo il molestatore ha cercato di giustificarsi dicendo che, all’epoca, stava passando un periodo difficile a causa della separazione dalla sua fidanzata. Inoltre aveva anche perso il suo lavoro da netturbino. A causa di questi fatti, aveva cominciato ad abusare di cocaina e alcol, davanti ai giudici aveva confessato di essere stato sotto l’effetto di queste sostanze mentre molestava le donne. Giustamente i giudici non hanno ritenuto che questi motivi potessero essere un’attenuante dei suoi comportamenti. Durante il processo sono state ascoltate le quattro donne aggredite. Secondo la Morgenpost una di queste, ventiduenne, ha dichiarato di essere stata aggredita mentre portava i suoi bambini a scuola e di averlo colpito con un calcio. Un’altra ha dichiarato di «essere stata sotto shock per tre giorni». Due di loro, inoltre, hanno ammesso di essere state ripetutamente molestate dal ciclista.

Berlino Schule tedesco a Berlino
Berlino Schule tedesco a Berlino

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Immagine di copertina ©CC0 / Pixabay

Leave a Reply