Cholets, il progetto fotografico di un italo-berlinese sui fascinosi palazzi colorati di El Alto, Bolivia

01_Yuri Segalerba Cholets Bolivia

A Berlino la mostra di un bel progetto fotografica su un “angolo nascosto” del Sud America: i Cholets.

Trentotto anni anni, originario di Genova, ma da diversi anni a Berlino, Yuri Segalerba è un fotografo con una particolare passione per i posti abbandonati. Dopo diversi progetti (Urban Sky, Schaflos II, Detroit/Genova, qui il sito) realizzati, e successivamente esposti, in varie parti del mondo, il suo occhio si è spostato in Bolivia, più precisamente sui palazzi colorati – Cholets – che contraddistinguono El Alto, città  a pochi chilometri dalla capitale La Paz, fondata nel 1985 che ad oggi conta quasi un milione di abitanti. “Qui gli indigeni Aymara costituiscono oggi circa il 75% della popolazione. Grazie a loro, all’attuale crescita economica della città e al rinnovato senso dell’orgoglio indigeno qui è nato un nuovo stile architettonico, il Nuevo Andino, caratterizzato da un forte utilizzo del mattone a vista e del colore. Le costruzioni in questo stile sono chiamate per l’appunto Cholet, un incrocio tra le parole “chalet” e “cholo”, epiteto sprezzante che si usa per identificare la popolazione indigena. Gli Cholets hanno una struttura fissa: al primo piano c’è un locale commerciale – macelleria, ferramenta, bazar.. -, al secondo il salone per le feste, al terzo appartamenti che i proprietari affittano per ammortizzare il costo dell’edificio, e all’ultimo piano il Cholet propriamente detto, l’abitazione dei proprietari”.

Cholets, la mostra a Berlino

La mostra delle foto di Yuri Segalerba Cholets sarà ospitata dal 27 settembre al 12 ottobre 2018 presso l’ambasciata della Bolivia a Berlino. L’ingresso è gratuito. Il vernissage, alla presenza del fotografo, è previsto per il 27 settembre alle 18.30.

Come un italiano arriva a fotografare Cholets

«Dovevo partire per la Bolivia e, come sempre quando sto per fare un viaggio, svolgo una ricerca approfondita su quello che i paesi dove mi sto recando hanno da offrire, concentrandomi ovviamente su situazioni un po più insolite delle solite attrazioni turistiche comunque spesso interessanti e non trascurabili. La mia ricerca passa sempre attraverso gli architetti locali, ed è così che sono incappato in questo nuovo stile architettonico tipico di El Alto, una città satellite di La Paz che normalmente tende a restare fuori dal circuito turistico se non per via del suo famoso immenso mercato. Senza una previa ricerca dubito avrei trovato questi edifici»

La realizzazione del progetto Cholets

«Si è composta di 3 fasi: la scoperta del soggetto, la localizzazione degli edifici che per quanto molto visibili sono comunque distribuiti all’interno di una città di oltre un milione di abitanti e, finalmente, lo scatto delle foto. In totale ci è voluto circa un mese di lavoro. Senza contare la post-produzione».

La Bolivia oggi

La situazione in Bolivia, come in quasi tutta l’America Latina è abbastanza complicata. Ci sono zone dove l’economia si sta stabilizzando grazie al piccolo commercio, come ad esempio Villazon, al confine con l’Argentina, una città che negli ultimi anni è cresciuta moltissimo, ad un ritmo tale che le infrastrutture non riescono a stare al passo con la crescita. El Alto stessa è simbolo di come l’economia si stia muovendo, smossa da piccoli imprenditori locali. Ma è anche un simbolo di differenza sociale, la gente arriva dalle campagne cercando lavoro, non lo trova e si crea povertà. Una povertà che nelle zone rurali non sarebbe stata così marcata, visto che c’è spazio per agricoltura ed allevamento, quindi il problema della fame è fortemente ridotto. Certo la geografia del paese non è un aiuto per la crescita. Le Ande superano i 6mila metri, ci sono zone desertiche, l’Amazonia. Posti di una bellezza unica che aiutati dalla loro ostilità restano incontaminati, o quasi, ma rendono molto complicato lo sviluppo, per quanto negli ultimi anni siano state costruite o migliorate moltissime strade, ma è ancora un lavoro molto lungo».

Cholets

mostra dei lavori fotografici di Yuri Segalerba

dal 27 settembre al 12 ottobre 2018

L’ambasciata è aperta dal lunedì al giovedì dalle 9 alle 17, il venerdì
dalle 9 alle 14 ed è chiusa nel week end

Vernissage

giovedì 27 settembre dalle 18:30 alle 21:30

presso l’ambasciata della Bolivia a Berlino

Wichmannstrasse 6,10787 Berlin

ingresso gratuito

Evento Facebook 

Per seguire Yuri Segalerba www.facebook.com/pg/my.point.of.view.ys

Vuoi sapere di altre mostre ed eventi a Berlino? Segui la sezione eventi di Berlino Magazine, clicca qui

Berlino Schule tedesco a Berlino

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Le foto dell’articolo sono © Yuri Segalerba

Leave a Reply