Come si fanno gli Spätzle, i celebri gnocchetti tedeschi

Cosa sono i celebri Spätzle.

Non solo Bretzel e Knödel, ma anche gli Spätzle fanno parte del patrimonio culinario tedesco. Originari delle regioni meridionali della Germania, nello specifico del Bayern e del Baden-Würtenberg, si possono trovare anche in Svizzera, Austria e Trentino-Alto Adige. Il nome è piuttosto curioso: si tratta di un termine proveniente dal dialetto svevo che significa “passerotti”. Di fatto, gli Spätzle sono gnocchetti di forma irregolare a base di acqua, uova e farina di grano tenero. Innumerevoli gli accompagnamenti e le varianti. Ad esempio si possono mangiare con il formaggio, con le erbe, con lo speck e così via.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da BavarianGrill (@mybavariangrill) in data:

Ingredienti per gli Spätzle

Per preparare degli Spätzle per 4 persone serviranno:

  • 2 uova
  • 1 cucchiaino di sale
  • 1/2 o una tazza intera di acqua
  • poco più di 2 tazze di farina di grano tenero
Spätzle: © RitaE, CC0.

Il procedimento

Si inizia con gli ingredienti secchi, ovvero unendo insieme farina e sale in un contenitore. Successivamente aggiungere le uova e mescolare per bene. Gradualmente si deve aggiungere l’acqua, in modo tale da avere un impasto liscio, leggero e consistente. Lasciare riposare il tutto per 10 minuti. Intanto, portare ad ebollizione dell’acqua alla quale verrà aggiunto del sale. Ed ecco il passaggio cruciale: quando l’acqua bolle bisogna appoggiare il coperchio per gli Spätzle sulla pentola e spalmare l’impasto su di esso, in modo tale che gli gnocchetti si formino e cadano subito nell’acqua per cuocersi. Gli gnocchetti usciranno grazie al movimento del raschietto che si muoverà avanti ed indietro. Bastano davvero pochi minuti per la cottura, infatti gli Spätzle saranno pronti quando saliranno in superficie.

Coperchio per gli Spätzle: © RitaE, CC0.
Berlino Schule tedesco a Berlino
Berlino Schule tedesco a Berlino

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Immagine di copertina: © RitaE, CC0

Leave a Reply