Germania, salmonella nelle uova. Ritirate migliaia di scatole dai supermercati

Le uova di una nota azienda produttrice di alimenti sono state ritirate da numerosi supermercati tedeschi. L’ennesimo caso di salmonella nei prodotti alimentari.

Le uova provenienti dal terreno dell’azienda Eifrisch sono state richiamate da molti supermercati tedeschi perché infettate dal batterio della salmonella. L’autorità pubblica per la sicurezza sanitaria ha riscontrato la presenza del batterio della salmonella durante un controllo a campione. Immediato è stato l’ordine di ritiro dagli scaffali dei supermercati interessati della Germania.

Il prodotto e i supermercati coinvolti

Secondo il produttore delle uova di Lohne (distretto di Vechta), le uova colpite sono quelle con il numero di stampa 2-DE-0351691. Data di scadenza dal 19 al 24 dicembre 2018. Molti sono le regioni dell Germania dove le uova sono state vendute, come: Bassa Sassonia, Renania settentrionale-Vestfalia e Renania-Palatinato, Horst e Großbeeren, Sassonia, Sassonia-Anhalt, Brandeburgo, Meclemburgo-Pomerania Anteriore e Turingia. Ancora una volta i supermercati tedeschi devono richiamare le uova a causa del batterio della salmonella. I supermercati coinvolti sono: Netto, Lidl, Aldi, Rewe, Kaufland.

I sintomi della salmonella

L’Ufficio federale della protezione dei consumatori e la sicurezza alimentare, intanto, ha tenuto a informare tutti sugli effettivi rischi dell’infezione provocata dal batterio. «L’infezione si manifesta attraverso diarrea, dolore addominale, talvolta vomito e una leggera febbre. I sintomi di solito scompaiono da sé nel giro di diversi giorni. I neonati, i bambini piccoli, gli anziani e le persone con un sistema immunitario indebolito, in particolare, possono sviluppare modelli di malattia più gravi». In caso di infezione, le prime reazioni si manifestano genere entro le 12 ore che seguono l’assunzione del cibo contaminato.

Leggi anche: Germania, trovata salmonella nei supermercati. Ritirata intera linea di prodotti

Berlino Schule tedesco a Berlino

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Immagine di copertina: © monicore CC0

Leave a Reply