Guida ai quattro teatri dell’opera di Berlino

Di Chiara Pioltelli

Anche l’opera è parte importante dello scenario musicale berlinese. Ecco quali sono i teatri che la rendono celebre in questo campo

A Berlino, che musicalmente è conosciuta soprattutto per i suoi club, l’opera è più in voga di quanto si possa immaginare. Nella città si concentrano varie insigni istituzioni operistiche, che la rendono un luogo dotato di un enorme potenziale artistico. Negli anni della Guerra Fredda la “cortina di ferro” ha provocato lo sviluppo di due ecosistemi paralleli, due scuole operistiche divise tra Berlino Est e Ovest e dopo la caduta del muro erano presenti nella capitale ben tre teatri lirici: la Deutsche Staatsoper, la Deutsche Oper Berlin e la Komische Oper. Quindi perché non fare un tour per i più celebri teatri d’opera e sale da concerto berlinesi?

Deutsche Oper Berlin

Partiamo dalla Deutsche Oper Berlin in Bismarckstraße, nel quartiere di Charlottenburg. Il prestigioso teatro, una volta situato nella parte ovest della città, è stato ricostruito nel 1961 in chiave moderna ed elegante dall’architetto Fritz Bornemann. La sua offerta operistica presenta soprattutto un repertorio classico del XIX secolo, incentrato sulle opere di grandi compositori, tra cui Giuseppe Verdi, Giacomo Puccini, Richard Wagner e Richard Strauss. Vi si affermano in misura crescente anche compositori francesi, nonché opere del belcanto italiano, come quelle di Vincenzo Bellini, Gaetano Donizetti e Gioacchino Rossini.

Staatsoper Unter den Linden

Nel distretto di Mitte si trova, invece, la Staatsoper Unter den Linden che prende il nome dal viale in cui è sita. Anch’essa gode di fama internazionale e di una ricca tradizione. Il 7 dicembre 2017 ha celebrato il suo 275esimo anniversario. Dall’apertura nel 1742 la casa operistica di Unter den Linden è stata soggetta a molteplici fasi politiche e artistiche e, dall’anno scorso, è tornata al suo domicilio originario dopo sette anni di ristrutturazione. Il suo programma va dalle opere barocche come L’Orfeo di Claudio Monteverdi alle pièce più celebri della letteratura classica, romantica e moderna, fino ad arrivare alle première di compositori contemporanei.

Komische Oper

In Behrenstraße (a Mitte) si trova la Komische Oper che, sin dalla sua istituzione nell’immediato dopoguerra, svolge la funzione di teatro lirico popolare. Dagli anni Venti ha definito lo scenario di intrattenimento internazionale con la messa in scena di operette, opere buffe, spettacoli di varietà e balletti. L’approccio cabarettista della Komische Oper ha fatto da ponte tra tradizione e modernità, rendendo l’opera più fruibile a tutti. Il repertorio della Komische Oper è rigorosamente in lingua tedesca. Un display sulle sedute fornisce comunque sottotitoli dei testi lirici in tedesco, inglese, francese e turco.

Konzerthaus Berlin

In Gendarmenmarkt troverete la Konzerthaus Berlin, sala da concerto aperta nel 1821. Qui Beethoven eseguì nel 1826 la prima berlinese della Sinfonia n. 9 e Wagner diresse il suo Olandese Volante. La Schauspielhaus vanta tuttora un ricco calendario di 550 eventi l’anno, che si svolgono nelle quattro sale: la Sala Grande, la Sala Piccola, la Sala Werner Otto e il Musikclub. La Sala Grande ospita un organo Jehmlich che, con i suoi 74 registri, è in grado di produrre complesse sinfonie che lo rendono adatto a ogni varietà musicale, da quella barocca a quella moderna.

A Berlino l’opera non è solo nei teatri

Oltre che presso celebri teatri, si può assistere a concerti di musica lirica all’interno dei café berlinesi o durante i molteplici eventi culturali che la città offre. Anche la Societá Dante Berlin ha scelto di promuovere la lirica nella capitale. L’ultimo evento che ha organizzato è stato l’Opera e Spritz, durante il quale sono state proposte arie operistiche cantate dal soprano Sarah Ring e da artisti facenti parte del suo ensemble, seguite da aperitivo e lotteria.

Leggi anche: Ludovico Einaudi in concerto a Berlino


Berlino Schule tedesco a Berlino

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Tutte le foto: © Chiara Pioltelli

Immagine di copertina: © Photo by Vlah Dumitru on Unsplash

Leave a Reply