Hanno realizzato un murale sul pestaggio di Kottbusser Tor, Berlino

"Police at work", un murale di denuncia del pestaggio di Kottbusser Tor https://www.instagram.com/p/BpOxjxnFJGF/?utm_source=ig_embed&utm_medium=loading

“Police at work”, un pezzo di street art contro la violenza della polizia.

Il 27 settembre a Kreuzberg, un quartiere di Berlino, la polizia ha fermato un ladro di biciclette. In seguito alla resistenza opposta dal ragazzo, gli agenti lo hanno immobilizzato e malmenato. Il video del pestaggio di Kottbusser Tor è diventato subito virale e ha provocato grande indignazione. Per questo l’artista AlaniZ ha realizzato un murale per prendere posizione contro la violenza. La street art, letteralmente “arte di strada”, è una forma di arte che in moltissimi casi ha un importante ruolo di denuncia sociale, e questo ne è un esempio.

La vicenda raccontata dall’artista

AlaniZ, l’artista che ha dipinto il murale “Police at work” (“Polizia all’opera”), ha postato su Instagram il suo lavoro, fatto in una fabbrica abbandonata a Berlino. «Un ragazzo sospettato di aver rubato una bicicletta è stato brutalmente picchiato da più di 5 poliziotti  solo perché aveva preso a calci la volante della polizia, davanti a una folla che protestava. È stata una sorpresa per me tornare nella città in cui ho vissuto per più di 7 anni e scoprire che razzismo e violenza della polizia sono in crescita. Sempre più persone sembrano sostenere questa stupidità. Può sembrare nulla, ma il rischio di permettere questo tipo di situazioni senza denunciarle è più grande di quello che pensiamo.»

View this post on Instagram

"Police at work" The 27th of September in Kottbuser Tor, Berlin a suspected bike thief was brutally hit by more than 5 police man in front of an angry mob just because he kicked their police car. It was a suprise for me to come back to the town where I lived for more than 7 years, just to find out that racism and police brutality is the trend and more and more people seems to support this stupidity. It may seems like nothing, but the risks of allowing this type of situations to keep on ocurring without any denounce, are bigger of what we think. To accept and incorporate in our society actions like this as normal, not only probes how common violence have become, but it also opens the door for future forms of suppression. Painted at an abandoned factory in Berlin, with good friends. #alaniz #alanizart #acab #police #Berlin #urbanart #streetartberlin #mural #abandonedberlin #streetart #policebrutality

A post shared by AlaniZ (@alanizart) on

Le ragioni dell’artista

«Quando sono venuto a conoscenza del pestaggio di Kottbusser Tor, mi sono indignato perché non si può trattare un essere umano in questo modo, non importa cosa abbia fatto», ci ha raccontato AlaniZ. «La gente non dovrebbe accettare ciò come normalità, perché il rischio che si nasconde dietro l’angolo è più grande di quello che pensiamo», ha  ribadito. «La violazione dei diritti umani da parte di organismi che dovrebbero proteggerci e la mancanza di punizione per questo comportamento sono qualcosa di molto pericoloso per una società democratica».

Leggi anche: 10 murales di Berlino da non perdere

Berlino Schule tedesco a Berlino
Berlino Schule tedesco a Berlino

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Immagine di copertina © AlaniZ

valentina riolo

Da Crotone a Berlino, passando per Roma e Parigi. Ho lasciato un pezzo di cuore in ogni città in cui ho vissuto. Amo la filosofia e l'arte, l'odore dei libri, le biblioteche e i musei. Amo il rumore delle onde, le albe e i tramonti in spiaggia, i pranzi di famiglia e le riunioni con gli amici in giro per il mondo. Amo le stazioni e gli aeroporti, le partenze e i ritorni, quando ancora è tutto da scoprire e quando ormai hai tante cose da raccontare.

Leave a Reply