Nicoletta Grillo presenta il suo ultimo libro “Lasciatemi divertire. Quaderno di un poeta in erba”

Nicoletta Grillo

Un libro interattivo pensato per avvicinare adulti e ragazzi alla poesia in modo creativo ed originale

Nicoletta Grillo, giornalista pubblicista, scrittrice e autrice di poesie, da anni vive e lavora tra Berlino e l’Italia. Ci ha raccontato le esperienze che l’hanno portata a scrivere il suo ultimo lavoro dal titolo «Lasciatemi divertire. Quaderno di un poeta in erba». La presentazione del libro, edito da RAUM Italic, avrà luogo venerdì 16 Novembre alle ore 19.30 presso la libreria italiana Mondolibro.

Come nasce questo quaderno speciale

«Questo speciale quaderno rappresenta un manifesto che vuole tirar fuori la creatività presente in ognuno di noi. Le grafiche curate e realizzate da Barbara Gizi di RAUM Italic/ SPAZIO Corsivo, hanno reso questo mio lavoro ancora più bello ed interessante. La poesia è un piacere, un sollievo per chi la legge, ma soprattutto per ciò che riescono ad esprimere i versi che la compongono. Scrivendo poesie, però, mi sono accorta che i lettori si approcciano a queste con timore e paura. Ciò accade perché, a volte, non si riesce a trovare il giusto metodo. La poesia può essere un gioco con il quale gestire cose più serie. È possibile avvicinarsi ai grandi poeti anche in modo scanzonato. Questo è stato il risultato di un esperimento che ho svolto in alcune scuole italiane. Il miglior modo per gustare una cosa è semplicemente farla. Come si possono gustare i sapori in cucina, attraverso la sperimentazione di ingredienti e ricette, lo stesso vale per la poesia. Un’esperienza simile è stata possibile grazie a Wine4Poetry, iniziativa che ho organizzato a Berlino. Serate di vino e poesia: 4 poeti per 4 calici, con un sommelier che  abbinava a sua discrezione  un vino ad una poesia. Il poeta leggeva, il pubblico degustava. È necessario lasciare ampio spazio alla propria originalità. Benedetto Croce diceva che chi scrive poesie dopo i diciott’anni o è un poeta o un cretino. Mi permetto di sfatare questo tabù. Non vi è un’età definita per imparare qualcosa di nuovo, come suonare uno strumento musicale ad esempio. Si può fare lo stesso ragionamento anche per la scrittura di poesie. Esplorare se stessi e farlo con divertimento. Un percorso valido  sia per  i bambini che per  gli adulti. La finalità di questo quaderno speciale è proprio quella di offrire alcuni strumenti per potersi divertire e giocare con le parole ed il linguaggio. Bisogna sbloccare la propria fantasia e per farlo ogni mezzo è lecito.»

Cosa resta di poetico a Berlino dopo quasi vent’anni

«Quando arrivai a Berlino la prima volta, quasi vent’anni fa, mi trovai davanti ad una città neutra. Rappresentava una specie di foglio bianco. Erano presenti dei vuoti di creatività che era possibile riempire. Lo si poteva fare attraverso le arti grafiche, la musica o la scrittura. Berlino era poetica, con le sue strade deserte e l’impressione di vivere in un altro tempo. Aveva un fascino malinconico e decadente tipico di alcune città dell’est Europa. Un luogo in cui la storia si cancella e riscrive in continuazione. Adesso Berlino si sta uniformando alle grandi capitali europee, perdendo un po’ della sua identità. Sta cambiando e segue la direzione di una metropoli qualunque. Quartieri come Prenzlauer Berg, dove vivo, sono notevolmente cambiati. Friedrichsain è irriconoscibile rispetto a qualche anno fa. Il turismo abbastanza selvaggio ha contribuito allo sviluppo di determinate dinamiche che rappresentano ormai un processo irreversibile. Personalmente mi sarei aspettata una regolamentazione da parte del comune di Berlino per impedire che ciò avvenisse. La città ha perso quel vuoto che aveva prima e adesso è un foglio sul quale tutti vogliono scrivere.»

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da PIA Firenze (@palazzina.indiano.arte) in data:

Crescere un figlio a Berlino rispetto all’Italia

«Provengo da una realtà italiana piccola e super protetta. Aver cresciuto un figlio a Berlino mi ha fatto chiaramente notare una serie di differenze rispetto all’Italia. In primo luogo è necessario che un figlio entri nell’ottica che qui dovrà scendere a patti con situazioni, anche atmosferiche, sicuramente diverse da quelle italiane. In più ho potuto osservare un modo differente di educazione e sistema scolastico. La cosa più evidente ed importante però riguarda abituare sin da subito i propri figli all’indipendenza. Qui i bambini iniziano ad andare a scuola da soli anche a otto anni. Questo rappresenta una fiducia nelle possibilità di un ragazzo in modo che cresca nella completa autonomia ed indipendenza. Una predisposizione che spesso non hanno i suoi coetanei italiani. A volte per un genitore italiano è difficile gestire questo spirito di indipendenza. Credo che questa sia una differenza sostanziale nel crescere un figlio in Germania rispetto all’Italia.»

Poesie e progetti futuri

«Vorrei che questo mio ultimo lavoro diventasse materiale per workshop itineranti in lingua italiana. L’idea è quella di girare l’Europa all’interno di comunità italiane interessate a progetti di poesia creativa. Allo stesso tempo mi piacerebbe svolgere workshop simili nei licei, ma rivolgermi anche ad un pubblico adulto. Poi continuerei a scrivere, la mia passione da sempre, e avrei intenzione di dedicarmi alla stesura di un romanzo. Durante la presentazione del libro qui a Berlino mi piacerebbe creare alcuni momenti ludici in cui già da subito poter iniziare a sperimentare e fare poesia in modo spassoso e creativo.»

Presentazione del libro di Nicoletta Grillo

Lasciatemi divertire. Quaderno di un poeta in erba.

Venerdì 16 Novembre ore 19.30

Mondolibro, Torstraße 159, 10115 Berlino

Evento Facebook

Leggi anche: Un italiano ha scritto un libro su una delle migliori gelaterie di Berlino che racconta anche la nostra immigrazione in Germania

Berlino Schule tedesco a Berlino

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Foto di copertina  © Gaia Vittoria Marturano

Leave a Reply