Staatsbibliothek di Berlino, la storia e come visitare la leggendaria biblioteca di Il cielo sopra Berlino

La Biblioteca di Stato ospita alcune tra le più importanti collezioni originali di opere tedesche.

«Medicina per l’anima» recitava l’iscrizione sulla porta della Biblioteca di Tebe. Ma, sicuramente, questo è valido per moltissimi altri luoghi. Tra questi, senza dubbio, la Staatsbibliothek di Berlino. La Biblioteca di Stato, infatti, ospita opere di straordinaria importanza, come la maggior parte dei testi autografi di Goethe, la Bibbia di Gutenberg, la più grande collezione al mondo di manoscritti di J.S. Bach e W. A. Mozart, e la partitura originale della Sinfonia n. 9 di Ludwig van Beethoven. Inoltre, è stata anche il set per alcune scene del film Il cielo sopra Berlino.

Staatsbibliothek di Berlino, cenni storici

Nel 1914 viene inaugurata per volontà dell’imperatorie Federico Guglielmo II la sede lungo il centralissimo viale Unter den Linden, strada che collega l’Isola dei Musei alla Porta di Brandeburgo. Qui viene trasferita l’antica Biblioteca reale, a due passi dalla Staatsoper – il Teatro dell’Opera – e dalla Humboldt Universität, la principale università di Berlino. Questa nuova sede è stata ritenuta dall’imperatore più idonea per l’importanza e il prestigio delle opere che vi si trovano. Sotto la Repubblica di Weimar prende il nome di Preußische Bibliothek – Biblioteca prussiana – fino al 1955, momento in cui terminano i lavori di restauro in seguito al bombardamento subito durante la guerra. A partire da quell’anno, infatti, assume l’attuale nome di Staatsbibliothek – Biblioteca di Stato -. Dopo la costruzione del Muro, viene creata una nuova sede oltre a quella su Unter del Linden, nella ex Berlino est. Questa seconda struttura nasce vicino Potsdamer Platz (ex Berlino Ovest).

Staatsbibliothek di Berlino, come si presenta oggi

Oggi la Biblioteca di Stato di Berlino è chiamata anche Biblioteca delle due case proprio per via di queste due sedi. La Haus 1 (Haus Unter del Linden) è la più antica e conserva le opere più prestigiose e rare, i testi autografi e i manoscritti. I tre diversi materiali con cui è stata costruita assolvono a tre diverse funzioni: il legno per gli scaffali, il vetro per la sala di lettura e la pietra per i depositi. La Haus 2 (Haus Potsdamer Straße) è la più recente e ospita il materiale pubblicato dal 1955 in poi, anno in cui termina la collezione della Haus 1. Qui vi è un unico ambiente che ospita spazi adibiti allo studio e scaffali aperti in cui si trovano le opere.

Come visitare la biblioteca e utilizzarne i servizi

Prima di tutto, per accedere alla Staatsbibliothek di Berlino e usufruire dei servizi bisogna acquistare una tessera. Il suo prezzo varia in base alla durata della validità, mensile o annuale, e può essere acquistata da chiunque abbia compiuto 16 anni. Dopo sarà possibile consultare il catalogo online e prendere in prestito i libri, fino a un massimo di 30 giorni. Anche chi vive in un’altra città o all’estero può usufruire dei servizi della biblioteca, tramite prenotazione. È possibile, inoltre, utilizzare il servizio che permette di fare fotocopie a pagamento. La consumazione di cibi e bevande è permessa solo nella caffetteria di ciascuna delle due sedi, ma non nelle sale. Il primo venerdì e il primo sabato del mese c’è la possibilità di avere accesso alla struttura e partecipare alle visite guidate in tedesco, per le quali non è necessaria la prenotazione.

Haus Unter den Linden – Staatsbibliothek di Berlino

Entrata: Dorotheenstraße 27 10117 Berlin (Mitte)
Da lunedì a venerdi dalle ore 9am alle ore 9pm, Sabato dalle ore 10am alle 7pm

Informazioni +49 30 266-433888

Haus Potsdamer Straße – Staatsbibliothek di Berlino

Potsdamer Straße 33 10785 Berlin (Tiergarten)
Da lunedì a venerdì dalle 9am alle 9pm, Sabato dalle 10am alle 7pm

Informazioni +49 30 266-433888

 Leggi anche: le 10 foto più belle della Biblioteca di Stato di Berlino

Berlino Schule tedesco a Berlino
Berlino Schule tedesco a Berlino

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Immagine di copertina © gnrklk

valentina riolo

Da Crotone a Berlino, passando per Roma e Parigi. Ho lasciato un pezzo di cuore in ogni città in cui ho vissuto. Amo la filosofia e l'arte, l'odore dei libri, le biblioteche e i musei. Amo il rumore delle onde, le albe e i tramonti in spiaggia, i pranzi di famiglia e le riunioni con gli amici in giro per il mondo. Amo le stazioni e gli aeroporti, le partenze e i ritorni, quando ancora è tutto da scoprire e quando ormai hai tante cose da raccontare.

Leave a Reply