Tempelhof, l’ex leggendario aeroporto di Berlino diventerà anche galleria d’arte e centro per la tecnologia

https://pixabay.com/it/aeroporto-aeroplani-viaggio-691047/

L’ex aeroporto Tempelhof di Berlino diventerà anche un centro per l’arte e la creatività

Dalla sua chiusura nel 2008, l’aeroporto Tempelhof è diventato uno dei monumenti di Berlino. Simbolo del regime ai tempi del nazismo, ora è luogo di sport, fiere e relax. La sua area esterna è oggi un parco pubblico, meta ideale per sportivi o per chi semplicemente vuole trascorrere la giornata all’aria aperta. All’interno, invece, si tengono fiere e visite guidate. Nei prossimi anni, diventerà un centro per l’arte e la cultura. SI chiamerà Kreativquartier (quartiere creativo) ed è parte del Tempelhof Projekt,  progetto dedicato alla valorizzazione dell’aeroporto. Non sarà solo uno spazio espositivo ma un vero e proprio distretto per artisti e anche aziende per far nascere opere e start up. Il Kreativquartier è una realtà vicina ha avuto già una prova generale durante la scorsa Berlin Art Week di settembre, quando in un ex hangar dell’aeroporto è stato allestito uno dei principali eventi della settimana dedicata all’arte.

L’aeroporto Tempelhof oggi

Lo spazio esterno e il suggestivo edificio si prestano ad eventi e manifestazioni di ogni tipo, a cura di Tempelhof Projekt GmbH. Tra le iniziative al Tempelhof Feld (campo di Tempelhof) corse, maratone e persino il festival degli aquiloni. Nel 2015 si è tenuta una tappa della Formula E, la corsa automibilistica riservata alle macchine elettriche. Gli hangar sono utilizzati per ospitare fiere, mostre (L’AlliertenMuseum – il Museo degli alleati – sarà spostato permanentemente nei prossimi mesi) e come alloggio per i rifugiati. Grazie ai tour guidati è possibile visitare i luoghi nascosti e conoscere i segreti che si celano nell’aeroporto nazista. Inoltre, se il tempo lo permette, è anche possibile godere di una splendida vista dal tetto dell’edificio.

 

La storia dell’aeroporto Tempelhof

Tempelhof fu inaugurato nel 1923. L’aeroporto come lo conosciamo oggi è opera della propaganda nazista. Il terminal fu ricostruito nel 1934 da Ernst Sagebiel, con l’obiettivo di trasformare l’aeroporto in un imponente simbolo della Germania nazista. Grazie alla sua posizione centrale a Berlino e in Europa, Tempelhof divenne uno dei centri più trafficati. E’ stato inevitabilmente scenario di momenti storici. Tra i tanti, ebbe un ruolo importante nella Seconda Guerra Mondiale: l’aeroporto diventò il punto di sbarco del ponte aereo per Berlino, grazie al quale fu possibile rifornire Berlino ovest e raggirare il blocco terrestre imposto dai Russi.


Berlino Schule tedesco a Berlino

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

 

Photo: © Free-Photos, Aeroporto, CC0

Leave a Reply