14enne e 12enne sospettati di stupro di una donna. La Germania si chiede a che età si può punire “un bambino”

Violenza sulle donne, © ninocare, https://pixabay.com/it/photos/mano-donna-femmina-nudo-paura-1832921/ CC0

Nella cittadina di Mülheim, due ragazzini sono sospettati di aver stuprato una ragazza di 18 anni. Il caso che ha sconvolto la Germania

Lo scorso venerdì, tre ragazzi di 14 anni e due di 12, originari della Bulgaria, sono stati interrogati per rispondere all’accusa di stupro. I ragazzi avrebbero molestato una ragazza diciottenne in un giardino situato dietro un parco giochi, secondo quanto riportato dai locali che hanno avanzato l’accusa. I testimoni insospettiti hanno, infatti, seguito il cane dei ragazzi e assistito all’orribile scena. I dodicenni, che secondo la legge tedesca sono troppo giovani per essere perseguibili penalmente, sono stati consegnati ai genitoti. La polizia invece, ha interrogato gli altri di 14 anni per rilasciarli il giorno dopo. Uno di loro è stato preso in custodia lunedì. Tutti sono stati sospesi da scuola fino all’inizio delle vacanze estive. La ragazza è al momento in ospedale.

Il dibattito

Il caso ha fatto scaturire un acceso dibattito riguardante l’età minima imputabile dei ragazzi. Al momento, le leggi tedesche prevedono che un bambino di età inferiore ai 14 anni non può essere giudicato responsabile di un crimine, ma la pena si trasferisce ai suoi genitori o tutori legali. Dopo il recente accaduto, il capo del sindacato della polizia ha richiesto un abbassamento della soglia d’età a 12 anni, ma le autorità tedesche hanno rifiutato la proposta, sostenendo che non sarebbe un deterrente adeguato per limitare la criminalità giovanile.

Leggi a confronto

Come in Germania, anche in Italia un bambino non è imputabile fino a 14 anni perché nei suoi confronti è prevista una presunzione assoluta di incapacità. L’articolo 97 stabilisce che «non è imputabile chi, nel momento in cui ha commesso il fatto, non aveva compiuto i quattordici anni». Mentre tra i 14 e i 18 anni il minore è imputabile solo se il giudice accerta che al momento del fatto aveva la capacità di intendere e di volere. In Inghilterra e in Galles, l’imputabilità inizia dai 10 anni, in Scozia a 8, anche se il bambino non può presentarsi in tribunale fino a 12 anni. Negli Stati Uniti la situazione è un po’ più complicata: per i reati federali, l’età minima è 11 anni, ma la maggior parte dei 50 Stati non ha una legge che stabilisca la soglia minima. Ciò significa che, teoricamente, ogni bambino potrebbe essere condannato penalmente se ritenuto cosciente e in grado di intendere e di volere.

Leggi anche: Germania, “No significa no”, la legge tedesca anti-stupro


Berlino Schule tedesco a Berlino

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Immagine di copertina: Violenza sulle donne ninocare, CC0 on Pixabay

 

Leave a Reply