A Berlino un evento per conoscere storia e ricchezze del Trentino

A Berlino un evento per parlare di Trentino

di Delia Airoldi

Berlino celebra il Trentino, una delle regioni (o mezze regioni) più interessanti d’Italia grazie al suo essere frontiera tra mondo italiano e germanico. Accadrà grazie alla Società Dante Alighieri Berlin e l’evento “Il Trentino nei secoli: identità politica e culturale viste attraverso una storia di famiglia”. Protagonista, parlando sia in italiano che in tedesco, sarà il Dott. Thomas Von Lutterot, trentino residente a Berlino. Al centro del suo racconto vi sarà un viaggio nella storia del territorio. L’appuntamento è per sabato 6 aprile alle 18:45 presso la Zunftwirtschaft in Arminiusstraße 2, Moabit. Si può prenotare o chiedere informazioni scrivendo a info@danteberlin.com.

Storia e struttura amministrativa

Il Trentino ha molti motivi per essere considerato come un ponte culturale tra mondo germanico e mondo italiano. Originariamente vi risiedevano veneti, reti ed altre popolazioni autoctone. La discesa dei Cimbri (II. sec. a.C.) rappresentò il primo “scontro ravvicinato” con la realtà germanica. Il Congresso di Vienna (1815) stabilì che il Trentino fosse accorpato al Tirolo, diventando austriaco; dopo il 1860 la volontà di unificare il Trentino con il Regno d’Italia portò a un forte movimento irredentista (con martiri come Cesare Battisti). Con la fine della Prima Guerra Mondiale l’Alto Adige fu annesso all’Italia e con la costituzione della Repubblica italiana il Trentino-Alto Adige divenne una regione autonoma a statuto speciale, con ampi poteri alle due province di Trento e Bolzano. Nel 1948 la regione fu chiamata “Trentino-Alto Adige/Tiroler Etschland”, nome poi cambiato nel 1972 con quello ufficiale “Trentino-Alto Adige/Südtirol”.

Cultura, comunità e lingue

Il Trentino è ricco di cultura ed è caratterizzato da varie comunità: italiana, tedesca, ladina e con varie minoranze (ad esempio peruviane). Per questo motivo oggi si parla di “plurilinguismo”. Nella regione si possono distinguere essenzialmente due realtà, ciascuna con un centro principale: 1) Trento in Trentino; 2) Bolzano in Alto Adige (sud- tirolese). In Trentino la lingua ufficiale è solo l’Italiano, ma è comunque presente una minoranza tedescofona non trascurabile (mocheni e cimbri), cui la normativa statale e provinciale riservano particolari interventi di tutela e promozione della lingua e della cultura. A scuola il Tedesco è considerato una Lingua Straniera, non Seconda, ma in aula è studiato per molte ore a settimana. A Trento la maggioranza della popolazione è italofona, mentre in Alto Adige c’è un’altissima percentuale di tedescofoni e bilingui. Curiosità: il dialetto trentino è stato fortemente influenzato dalla lingua tedesca. Nel Trentino, inoltre, si sono conservati i più antichi dialetti del tedesco tirolese: il mocheno (Fersentalerisch) e il cimbro (Zimberisch), con aspetti caratteristici dell’antico tedesco tirolese del secolo XIII.

Attrazioni turistiche: monumenti, sport e paesaggi mozzafiato

Di ognuna delle diverse dominazioni storiche della regione è rimasta traccia attraverso il gran numero di monumenti e bellezze architettoniche. In primis fortezze e castelli, tra i più noti il Castello del Buonconsiglio di Trento, di epoca medievale, sono. Tanti monasteri, chiese ed abbazie. Non è tutto: considerando che i 3/4 del territorio hanno un’altitudine superiore ai 1.000 metri e sono ricchi di boschi e piccoli laghi, le bellezze naturalistiche sono davvero mozzafiato. I panorami spettacolari favoriscono la regione come meta ambita prediletta per fare trekking e godere dell’aria di montagna. Il territorio si estende sul versante soleggiato delle Alpi, è un paradiso invernale per gli appassionati di sci e snowboard, con i suoi 1.200 km di piste in 12 zone. Le Dolomiti, Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco dal 2009, sono raggiungibili con unico skipass.

Enogastronomia soprendente

Nella cucina del Trentino-Alto Adige strudel e canederli (italianizzazione dei Knödeln, a cui sono simili), che richiamano la cucina austriaca, godono di successo e grande fama. La spaccata è un pane tipico di forma ovale e facile da spezzare in due parti, perché si contraddistingue per una lunga incisione posta sull’intera lunghezza. Nel periodo natalizio la città di Trento riserva una gustosa sorpresa chiamata Zelten, perché sembrerebbe risalire ai Celti. Per la particolarità dell’impasto, preparato con frutta secca e canditi, alcuni lo descrivono come “torta” e altri come “pane farcito”. Sta di fatto che pare si tratti di una delle prelibatezze più tipiche. Dulcis in fundo: non solo sono prodotte diverse varietà di vini (come il Trento spumante bianco), ma non manca neppure la birra! Nell’ultimo ventennio, infatti, si è assistito ad una considerevole diffusione delle piccole produzioni brassicole e delle attività agricole e ristorative. Ogni appassionato dovrebbe assaporare almeno una delle promettenti birre della regione.

 

Il Trentino nei secoli: identità politica e culturale

sabato 6 aprile 2019 alle 18.45

evento in italiano e tedesco

presso la Dante Alighieri Berlin

Arminiusstr. 2-4, 10551 Berlino

L’ingresso è gratuito per i soci, 7 € per i non soci.

Evento Facebook

Berlino Schule tedesco a Berlino

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Photo Cover: © Tre Cime Dolomiti –  CC0 Pixabay 

Leave a Reply