A Bolzano un artista ricostruirà il Muro di Berlino ed è polemica

Muro di Berlino ©Ira Gorelick da Pixabay CC0 Muro di Berlino ©Ira Gorelick da Pixabay CC0https://pixabay.com/it/photos/berlino-muro-di-berlino-graffiti-3835504/

L’opera è stata commissionata dal Comune in occasione del trentennale del crollo del Muro che divideva la capitale tedesca

Per realizzarla è stato chiamato Kiddy Citny, famoso street-artist tedesco che già aveva decorato il Muro originale negli anni ’80. L’opera, realizzata in polistirolo, verrà collocata nel cortile del museo Civico di Bolzano dove i visitatori potranno ammirarla solo per due settimane. Proprio come il Muro originale, infatti, anche quest’opera verrà simbolicamente abbattuta dagli studenti delle scuole superiori della città sudtirolese. Un’installazione voluta proprio adesso per celebrare il trentesimo anniversario dell’abbattimento del vero Muro. Il finto Muro costerà 20.500 euro, gran parte finanziati dal Comune di Bolzano. Proprio l’investimento di denaro pubblico ha però sollevato molte polemiche nella giunta comunale.

Le polemiche per il costo dell’opera

Secondo quanto riportato dal quotidiano Alto Adige, il consigliere comunale Della Ratta avrebbe duramente criticato l’utilizzo del denaro per finanziare l’opera. «Non si dovrebbero spendere tutti questi soldi per abbattere e ricostruire un muro, risparmiamoli e devolviamoli a qualche associazione caritatevole» avrebbe dichiarato il politico. Non si è fatta attendere la replica dell’assessore alla cultura di Bolzano, Juri Andriollo: «mi chiedo: si preferisce sempre e solo spendere per i banchetti dello speck? Capisco la difficoltà a guardare un poco oltre ma questa è un’operazione di civiltà. Si ricorda il muro di Berlino nell’anniversario del suo abbattimento. Lo si abbatterà, questo suo modello, trasformando poi l’azione in evento. In una terra di muri anche mentali, immagino si comprenda come l’arte possa assurgere a elemento simbolico molto potente».

Chi è Kiddy Citny, l’artista che realizzerà l’opera

Citny è nato a Stoccarda nel 1957 e cresciuto a Brema. Fin da giovanissimo portò la sua arte in giro per il mondo: Amsterdam, Monaco, Los Angeles. Nel 1977 arriva a Berlino Ovest, dove è uno dei primi artisti a decorare segmenti del Muro con graffiti e scritte. Ancora oggi le sue teste alte più di 3 metri possono essere ammirate dai turisti che visitano Berlino. Ma le sue creazioni furono talmente apprezzate che molti prestigiosi enti museali internazionali, tra cui il MoMA di New York le acquistarono. Una trabant decorata con i suoi graffiti fu immortalata sulla copertina dell’album berlinese degli U2, Achtung Baby. Ma Citny non è solo un artista visuale. Nei suoi anni a Berlino Ovest fu il leader della band sperimentale Sprung aus den Wolken, uno dei gruppi più originali della scena underground berlinese.

Leggi anche: Ost-Berlin, l’eccezionale mostra di Berlino a 30 anni dal Muro


Berlino Schule tedesco a Berlino

RIMANI AGGIORNATO SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Immagine di copertina: Muro di Berlino ©Ira Gorelick da Pixabay CC0 Muro di Berlino ©Ira Gorelick da Pixabay CC0

Leave a Reply