Ambiente, azienda berlinese regala tre giorni di ferie se non si prende l’aereo

Valigie, https://pixabay.com/it/photos/bagagli-valigie-bagaglio-borse-933487/, tookapic, CC0

WeiberWirtschaft: una start-up di Berlino impegnata nella lotta per diminuire le emissioni di CO2

La WeiberWirtschaft, azienda berlinese, offre tre giorni di riposo in più ai dipendenti a condizione che questi, per un anno, non prendano l’aereo. Katja von der Bey, direttrice della start-up, vuole incoraggiare le persone a rispettare il clima, scegliendo alternative, per i propri spostamenti, meno inquinanti. L’azienda ha sempre tenuto una policy piuttosto green: nel 1992, anno della sua creazione, i fondatori scelsero criteri eco-sostenibili per costruirne la sede.

Viaggiare in treno: un’opzione alternativa all’aereo

«Vogliamo promuovere opzioni di viaggio più rispettose del clima», afferma Katja von der Bey, direttrice dell’azienda. Lo scopo è quello di indirizzare i viaggiatori a mezzi di trasporto diversi, che non devono essere per forza l’aereo: «ci sono tanti altri mezzi per spostarsi, a cominciare dal treno». L’aereo, è risaputo, è il metodo più veloce per spostarsi: l’azienda, essendone cosciente, vuole quindi offrire qualche giorno in più di ferie ai viaggiatori, che, in questo modo, potranno viaggiare anche più lentamente, per esempio su rotaia. L’idea è nata dalla direttrice della start-up, dopo un suo viaggio, in Costa Azzurra, fatto tutto con il treno. Sul sito web aziendale, inoltre, è possibile leggere dell’iniziativa.

Il 2% delle emissioni di CO2 mondiale è causato dal traffico aereo

Il numero di aerei nei cieli, dagli anni ’70, è in continuo aumento. Focalizzandoci nei sette anni che vanno dal 2010 al 2017, i voli sono passati da 2,6 miliardi a 4 miliardi. Il 2% delle emissioni di CO2 mondiali è attribuibile al traffico aereo. L’inquinamento climatico è un tema, oggigiorno, decisamente molto discusso, anche grazie alle azioni di Greta Thunberg. La ragazza, 16enne svedese, impegnata socialmente per combattere il cambiamento climatico, tra conferenze e scioperi per il clima, si sposta sempre con il treno. Con il suo operato, sta ispirando moltissime persone: il rifiuto di prendere un volo ha, ora, anche un nome. Flight shame, questo il termine coniato, che si riferisce al senso di vergogna dato dall’inquinamento prodotto viaggiando con l’aereo.

Leggi anche: La destra tedesca, alleata di Salvini, contro Greta Thunberg


Berlino Schule tedesco a Berlino

RIMANI AGGIORNATO SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK


Immagine di copertina: Valigie, ©tookapic, CC0

 

 

 

Leave a Reply