La nazionale di calcio tedesca non giocherà nei paesi dove le donne sono discriminate

coreograph, https://www.youtube.com/watch?v=nLATMkiGbDM

Il neo presidente della Dfb ha annunciato che la nazionale non giocherà nei paesi in cui le donne non hanno libero accesso allo stadio

La nazionale di calcio tedesca non giocherà nei paesi che discriminano le donne. Lo ha dichiarato Fritz Keller, neo presidente della Federazione calcistica tedesca (Dfb), in un’intervista al die Welt. Il numero uno del calcio tedesco ha preso posizione attraverso un progetto di risoluzione presentato alla federazione. Il consiglio federale ha votato a favore all’unanimità. «Non dobbiamo più fingere che queste sfide sociali e questi sviluppi politici globali non esistano», ha successivamente spiegato Fritz Keller.

La presa di posizione della Dfb

Una presa di posizione di questo tipo, proveniente da una federazione di primo livello come quella tedesca, diventa ancora più d’impatto. «Certi valori, come i diritti delle donne, per noi non sono negoziabili» ha spiegato Fritz Keller. Il calcio è lo specchio della società, uno dei pochi fattori aggreganti nella società moderna. «Negli sport di squadra, la polarizzazione politica è problematica se disfunzionale» ha successivamente aggiunto. In passato è stato strumentalizzato per fini politici. Adesso, sottolinea Keller, è il momento di «riflettere sulle attuali sfide sociali nel canone dei valori del calcio» per formare un valore comune e organizzare un’azione  collettiva in difesa di tale valore.

I riferimenti tra le righe

Inevitabile nell’intervento del Presidente Kerr il riferimento tra le righe alla tifosa iraniana suicida per protesta, Sahar Khodayari. Dopo la morte della ragazza e le incessanti pressioni internazionali, la federazione calcistica iraniana ha autorizzato almeno parzialmente l’accesso alle donne allo stadio. Nella sfida tra Iran e Cambogia, valevole per la qualificazione ai mondiali, la federazione ha riservato 3600 posti a sedere su 74000 alle donne. Fritz Kerr ha inoltre citato i giocatori turchi che dopo l’offensiva militare turca in Siria hanno esibito il saluto militare durante le partite o sui social, in omaggio a Erdogan. Il presidente ha fatto presente che grazie ai social il rapporto tra i calciatori e i loro fan è molto più ravvicinato. Bisogna dunque stare attenti ai messaggi veicolati attraverso questi canali.

Leggi anche: Germania, il leggendario St.Pauli ha licenziato un suo giocatore per i suoi post pro attacco ai curdi

Immagine di copertina: Screenshot da You Tube

Leave a Reply