Pho Noodlebar, il trio di locali vietnamiti di Berlino dove si mangia come ad Hanoi

A Berlino tre piccoli angoli di cucina vietnamita per chi cerca qualità a prezzi più che mai accessibili

Sono entrambi di Hanoi, ma si sono conosciuti (e innamorati) solo in Germania dove le rispettive famiglie erano emigrate anni fa.  Due anni fa hanno lanciato nel cuore di Mitte un ristornate vietnamita diventato ben presto popolare grazie alla qualità e autenticità delle proprie ricette a partire, da quella celebre zuppa di carne, pasta di riso e verdure varie chiamata, per l’appunto, Pho. Il successo è stato immediato e da allora di Pho a Berlino ne sono sorti altri due, uno – relativamente piccolo – a Kreuzberg a fine 2018 e uno a Charlottenburg molto ambizioso sia per la posizione (davanti alla fermata Zoologischer Garten) che per l’estensione della location, l’intero piano terra di un palazzo e due belle terrazze. Noi siamo stati a quest’ultimo e, giusto per sintetizzare, siamo stati molto bene.

Pho Noodlebar Berlino
I proprietari di Pho Noodlebar Berlino

Pho Noodlebar, i piatti

La carta è molto ampia e cerca di andare incontro a tutti i desideri del cliente, allargando in alcuni casi anche la tradizione culinaria vietnamita alle influenze del resto della gastronomia dell’Indocina. Al menù normale si accompagna anche un menù del giorno che varia a seconda della stagione. Il Pho è, logicamente, dato il nome del locale, il piatti forte dei tre locali. Ce ne sono di ogni tipo. Verdure e noodle, ovvero una sorta di tagliatelle di riso, sono la base per caratterizzazioni che vanno dagli straccetti di manzo alle polpette, passando per pollo, gamberi e tofu. Se invece della pasta si preferisce il riso ecco vari piatti a base di curry con, poi, a scelta pollo, anatra, gamberetti neri o costolette di manzo. Capitolo hamburger: si va dal classico bao bao con il pollo al pork on fire, passando per il manzo. Per chi vuole dumpling (ravioli asiatici) la scelta è tra a base di pollo o vegani. Ci sono poi i classici fagioli di soia (edamame), sommer rollen, carne sul grill, diversi condimenti ed un paio di dessert, tra cui uno buonissimo a base di banane. Le limonate e gli shake sono tutti fatti in casa,. Sono tanti, rinfrescanti e possono essere scelti al posto di un bubble tea, altra specialità della casa. Noi, oltre a qualche edamame,  abbiamo provato il Pho con i gamberetti neri e un altro Pho del giorno a base di manzo cotto nel vino rosso. Tutti gli ingredienti sono freschi come dimostrano – al di là delle frasi della proprietaria (con cui abbiamo scambiato qualche parola a fine pasto) – le fragranze sprigionate appena le bacchette si avvicinano a naso e bocca. Le nostre impressioni sono confermate anche da tante altre recensioni che si trovano online da parte di food blogger e clienti appassionati di cucina vietnamita.

Prezzi e quando andare da Pho Noodles

Il locale può essere goduto sia come luogo in cui mangiare velocemente prima di rimettersi in cammino che appuntamenti più all’insegna del relax. Parlando del locale di Charlottenburg questa combinazione di possibili utilizzi è chiara e fa propendere i clienti o a sedersi sul lato stazione dello Zoo o dalla parte opposta, godendosi la vista sulla Breitscheidplatz. La location di Mitte è caratterizzata da insegne al neon e un’atmosfera industriale molto particolare, non lontana da quella che si trova a Kreuzberg. I prezzi sono accessibilissi, tra antipasto e portata principale non si superano i 15 €. Insomma vale la pena provarlo.

Pho Noodlebar

Hardenbergplatz 2, 10623 (Charlottenburg)

Linienstr. 134, 10115 (Mitte)

Adalbertstr. 9, 10999 (Kreuzberg)

aperti dalle 12 a mezzanotte

prenotazioni: hello@pho.berlin


Berlino Schule tedesco a Berlino

RIMANI AGGIORNATO SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Photo Cover: © Pho Noodlebar Berlin – Instagram

Andrea D'Addio - Direttore

A Berlino dal 2009, nel 2010 ha fondato Berlino Magazine prima come blog, dopo come magazine. Collabora anche con AGI, Wired, Huffington Post, Repubblica, Io Donna, Tu Style e Panorama scrivendo di politica, economia e cultura, e segue ogni anno da inviato i maggiori festival del cinema di tutto il mondo.

Leave a Reply