Impressionismo vs Espressionismo: a Berlino la mostra è da non perdere

Manet, Monet, Degas, Renoir, Liebermann, Kirchner, Nolde, Marc, Cézanne, Munch, Heckel: la grande Arte arriva a Berlino. L’occasione è la mostra Impressionismus x Expressionismus allestita presso l’Alte Nationalgalerie fino al 20 settembre 2015. A comporla sono più di 160 opere provenienti da tutto il mondo, sia musei che collezioni private.

Impressionismo ed Espressionismo. L’obiettivo della mostra, curata da Angelika Wesenberg, è far sperimentare al visitatore le similitudine e le differenze che intercorrono fra due delle correnti artistiche più celebrate, e a ragione, del XIX e XX secolo. Nate una di seguito all’altra (non ci sarebbe stato l’espressionismo, senza gli impressionisti) spesso, a torto, si è soliti considerarli quasi due movimenti contrapposti. Non è così, sia per ragioni storiche (siamo all’alba di quella che si definì come l’era degli stati nazionali) che, più tecnicamente, dei soggetti ritratti. In entrambi i casi infatti si prediligeva dipingere frammenti di vita quotidiana segnando una vera e propria rottura con l’arte precedente, legata prevalentemente alla mitologia e alla letteratura.

La mostra. Il visitatore è guidato in questo viaggio composto da 12 tappe tematiche: la casa in campagna, la natura morta, gli artisti, la “vita dietro la porta di casa”, gli animali, le “perversioni”, i divertimenti, le relazioni sociali, le premonizioni di guerra, gli artisti, i mecenati dell’arte e le città (particolarmente interessante è la differente visione di Potsdamer Platz da parte di Kirchner ed Hermann). Il percorso è un vero e proprio viaggio per gli occhi e la mente. Ci si perde davanti a capolavori come il Wintergarten di Édouard Manet, Le due ballerine di Ernst Ludwig Kirchner, Il Boulevard Montmatre di notte di Camille Pisarro o il Boheme Café di Leo von König.

La mostra è stata pensata anche per i ragazzi. Per chi è sotto i 12 anni l’ingresso è gratuito fino al 28 Agosto (dopo sarà gratuita solo fino agli 8 anni). Per loro poi c’è poi un’apposita audioguida gratuita  (purtroppo solo in tedesco).

Il prezzo del biglietto. Per gli adulti 12 euro più, se lo si vuole, la guida (4 euro) disponibile in inglese, francese e tedesco.

Avvertenze. Il fine settimana può esserci una coda alla biglietteria da più di mezz’ora d’attesa, “ImEx” è oggi una delle mostre più visitate a Berlino, con più di 100.000 visitatori in soli due mesi. La ragione? È bellissima.

Impressionismus – Expressionismus

fino al 20 Settembre 2015

Alte Nationalgalerie

Museumsinsel

10178 Bodestraße 1-3

Berlino

Per maggiori informazioni visitate il sito http://www.imexinberlin.de/index.php?id=2013

Foto-corso-fotografia

Related Posts

  • Avete presente quei taccuini con le cose da fare, da vedere, da provare assolutamente nella vita? La soddisfazione che aumenta all'aumentare delle spunte "visto" accanto ad ogni voce è difficile da spiegare. Per chi ama l'arte, per chi prova per quest'ultima una semplice curiosità, per chi deve vedere di tutto…
  • di Marianna Usai Berlino è una finestra spalancata sulla testa di una donna. Basta sporgersi un po’ e la compostezza di Monbijouplatz, diventa un filo tra un balconcino e l’altro e panni tesi ad asciugare, saturi del colore che fa la stoffa quando ancora è bagnata. Così, ci entri in…
  • Siete in procinto di passare una vacanza a Berlino? Vi ci state per trasferire? Già ci vivete, ma ancora non avete chiaro cosa è bene e cosa non è bene fare? Ecco la lista delle 10 cose da non fare a Berlino 10-Non guidare all’italiana. La macchina qui è inutile,…
  • di Isotta Ricci Bitti* “No, no, non ci sto più insieme. Litighiamo come cane e gatto, quindi sono venuto qua perché tanto in Sardegna non c’è niente da fare. Quella si aspetta che mantenga lei e il bambino, ma io lo so che è a casa di sua mamma a…
  • A Berlino e a Bucarest molti giovani sono costretti a vivere per strada in condizioni precarie: lo scotto da pagare per una libertà tanto desiderata quanto difficile da conquistare. In una mostra dal titolo Verloren in Berlin und Bukarest (tradotto "Persi a Berlino e a Bucarest"), i fotografi Fara Phoebe Zetzsche e…

Miriam Tribastone

Siciliana innamorata della Germania, dopo la laurea triennale a Lugano, mi sono spostata ad Amsterdam per continuare i miei studi. Mi interessano il giornalismo e la fotografia.

Leave a Reply