“100 € per per farci entrare al Berghain”

“100 € per per farci entrare al Berghain”. L’annuncio, apparso su Craiglist ad inizio agosto (ma ora rimosso), è opera di due turisti in visita a Berlino. Ecco il testo completo. “Offriamo 100 € a visita se puoi garantire a me e al mio amico in maniera affidabile e ripetuta l’ingresso nei migliori club della città – Berghain, Kater Blau, ect; siamo due imprenditori di successo di circa 30 anni che non hanno il tempo di capire come funzioni questa merda (di selezione). Richiederemo prove della tua affidabilità prima di assumerti”

Schermata 08-2457258 alle 09.46.58

Berghain, i soldi non bastano. A differenza di quanto accade nella quasi totalità degli altri club del mondo che applicano selezione all’entrata basata sul come ci si veste/appare, nei club berlinesi (sia Berghain che Kater Blau, Sisyphos e altri ancora) non è il cosiddetto “vestirsi bene” a garantire l’accesso, bensì un mix di trasandatezza/ma con stile che non ha regole fisse e tramandabili. Spesso dipende dal mood del selezionatore (Sven Marquardt è diventato per questa ragione una figura mitica della città e non solo, qui la sua intervista). La stessa persona rimbalzata una sera, se si rimette in fila può riuscire ad entrare o perché improvvisamente il selezionatore lo vede sotto un’altra luce o perché viene apprezzato lo sforzo. Ci vuole tempo e pazienza, l’idea alla base della selezione è preservare il club da turisti dell’ultim’ora e e semplici curiosi a vantaggio di chi ama sinceramente quella musica e quel tipo di vita notturna. È un processo discutibile, ma di fatto, anche a livello di marketing, assolutamente vincente visto l’aurea leggendaria che ammanta molti club berlinesi, a partire dal già citato Berghain. Vice ha intervistato recentemente uno dei due  “imprenditori di successo” dell’annuncio. Dichiara che il loro è più un esperimento sociale: “con soldi e internet si risolve tutto”. Al momento dell’intervista però non erano ancora entrati al Berghain e non si hanno prove che ce l’abbiamo poi fatta. Forse il clubbing berlinese è più forte anche del loro portafoglio…

Photo © Alberto Cabello CC By SA 2.0

Corsotedesco

Related Posts

  • La Fotogalerie Friedrichain festeggia il trentesimo compleanno con una splendida mostra collettiva che ripesca alcuni dei più bei scatti mai ospitati dal 1985 ad oggi. Dentro c'è un intero mondo che racconta sia Berlino, soprattutto est (dal 1985 al 1989 lo spazio era sotto l'egida della DDR) che il resto del…
  • “Il Berghain? È l’essenza della vita notturna berlinese … e una fonte di ispirazione per me. Ha questa atmosfera un po’ speciale: c’è un’energia quasi negativa, dark, le feste si prolungano per giorni, le persone non hanno nessuna inibizione. È stimolante dal punto di vista artistico, ma lo trovo anche…
  • Riccione, cuore della movida romagnola. I giovani si riversano per le strade, i locali sono pieni. Si beve, si gode dell'aria finalmente più fresca, si sfoggiano i migliori outfit e ci si prepara a un'altra notte brava. I club e le discoteche non mancano, ce n'è per tutti i gusti:…
  • C'è chi l'associa a PJ Harvey e Lydia Lunch, la speranza è quella, ma è indubbio che Sirens, l'album di debutto di Laura Carbone sia qualcosa che rimane nelle teste di chi l'ascolta anche per la prima volta. Certo siamo all'inizio, ma c'è di che essere ottimisti. Non solo la critica, ma anche…
  • Trovare l'outfit giusto per entrare al Berghain ed evitare di essere respinti da Sven Marquardt e dalla sua squadra di selezionatori è un'impresa con cui molte persone, ogni weekend, si confrontano senza successo. Nessun vademecum è mai riuscito a riassumere chiaramente regole sul come ci si debba presentarsi (qui abbiamo raccolto…

Leave a Reply